La televisione svizzera per l’Italia

La popolazione elvetica sostiene i negoziati con l’UE

Le bandiere di Svizzera e UE.
Nonostante il largo sostegno, la maggioranza della popolazione si è detta convinta che non si tratti di un accordo tra partner paritari. © Keystone / Peter Schneider

La popolazione elvetica desidera una relazione sicura e stabile con l'UE. Per questo motivo sostiene un mandato negoziale tra la Svizzera e l'Unione europea e si dice favorevole a un approccio bilaterale. Lo dice un sondaggio condotto prima della presentazione del mandato negoziale con l’UE del 15 dicembre scorso.

Il sostegno della popolazione a un mandato negoziale tra la Svizzera e l’Unione europea è aumentato, stando ad un sondaggio. Oltre due terzi degli intervistati, infatti, sono favorevoli all’approccio bilaterale anche se la maggioranza non ritiene che la Svizzera sia un partner paritario dell’Ue.

In generale, il 68% degli intervistati è favorevole a un mandato negoziale basato sui colloqui esplorativi per i Bilaterali III e una netta maggioranza del 71% concorda con il contenuto degli accordi. L’argomento principale a favore delle nuove intese bilaterali è il desiderio di una relazione sicura e stabile con l’UE.

Il sostegno alla reintegrazione della Svizzera nei programmi quadro di ricerca e innovazione dell’UE è quasi unanime. Sono stati accolti con favore anche gli adeguamenti delle misure di accompagnamento, mantenendo l’attuale protezione dei salari, l’aggiornamento delle normative sui prodotti, un accordo sull’elettricità con l’UE e la possibilità di una ripresa dinamica della legislazione.

Altri sviluppi
Ignazio Cassis e Maros Sefcovic in un incontro a Bruxelles del luglio 2023.

Altri sviluppi

Il Governo adotta il mandato negoziale con l’UE

Questo contenuto è stato pubblicato al Un mandato negoziale elaborato dopo lunghi colloqui esplorativi con l’UE avviati dopo il “no” elvetico del 2021 all’accordo istituzionale.

Di più Il Governo adotta il mandato negoziale con l’UE

Il 48% degli intervistati ritiene che l’accordo darebbe ai cittadini dell’UE il diritto alle prestazioni sociali molto più rapidamente e il 44% vede solo vantaggi per l’UE nella libera circolazione delle persone.

La creazione di un meccanismo di risoluzione delle controversie con un tribunale arbitrale paritario è chiaramente sostenuta. L’adozione della Direttiva sulla cittadinanza europea, che consentirebbe ai cittadini dell’UE con un contratto di lavoro di ottenere prestazioni sociali, ha invece polarizzato le opinioni, ma il 53%, degli intervistati la accetterebbe.

La maggioranza degli elettori si è detta convinta che non si tratti di un accordo tra partner paritari, ma che l’UE stia imponendo le sue regole alla Svizzera (57%) e circa la metà ritiene che la Confederazione stia facendo troppi compromessi (52%).

Va sottolineato però che il sondaggio pubblicato lunedì è stato condotto dall’istituto gfs.bern su circa 1’000 aventi diritto di voto dopo le elezioni nazionali e prima della presentazione del mandato negoziale con l’UE, lo scorso venerdì, su incarico di diverse associazione economiche.

Attualità

Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone
Una vettura della polizia di San Gallo.

Altri sviluppi

Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo

Questo contenuto è stato pubblicato al Un uomo di 34 anni ha ferito ieri sera con un machete cinque persone, alcune delle quali gravemente, all'interno e all'esterno di un condominio di San Gallo.

Di più Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo
Il learning center del politecnico federale di Losanna.

Altri sviluppi

Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli studenti stranieri frequentare i politecnici di Losanna e Zurigo sarà decisamente più caro. Il Consiglio dei Politecnici federali (PF) in accordo con il Parlamento vuole triplicare le tasse di iscrizione.

Di più Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri
Giorgio Armani.

Altri sviluppi

I novant’anni dello stilista Giorgio Armani

Questo contenuto è stato pubblicato al Nato a a Piacenza nel 1934, Armani è a capo di un gruppo fieramente indipendente, simbolo del made in Italy. Lo stilista italiano è ancora deciso a rimanere alla guida del gruppo, sebbene il momento di lasciare le redini si avvicina sempre di più.

Di più I novant’anni dello stilista Giorgio Armani
Case distrutte in Val Bavona.

Altri sviluppi

Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il maltempo che da metà giugno a inizio luglio si è abbattuto sulla Svizzera, in particolare sul Ticino e il Vallese, ha causato danni assicurati per un totale di 160-200 milioni di franchi.

Di più Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni
Tutti gli invitati al vertice della Nato davanti alla Casa Bianca per la foto di rito.

Altri sviluppi

Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al I Paesi della Nato si sono impegnati a dare all'Ucraina almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari "entro il prossimo anno" per sostenerla nella guerra contro la Russia.

Di più Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina
Il ponte distrutto dal maltempo vicino a Cevio in Vallemaggia.

Altri sviluppi

La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha presentato la sua nuova strategia per informare meglio la popolazione in caso di pericolo. Oltre ai tradizionali allarmi diffusi via app, radio o tramite sirene, in futuro verrà introdotto un nuovo sistema di allerta.

Di più La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR