La televisione svizzera per l’Italia

Prime decisioni parlamentari sulle energie rinnovabili

parete di diga
Nuove centrali idroelettriche? Sì, ma... Keystone / Jean-christophe Bott

Il Consiglio degli Stati elvetico ha preso giovedì le prime decisioni riguardanti la nuova Legge federale su un approvvigionamento elettrico sicuro con le energie rinnovabili: limitazione dei deflussi minimi e obbligo di installazione di pannelli solari solo sui nuovi edifici più grandi.

Durante le discussioni, a tenere banco è stata in particolare la questione dei deflussi residuali, ovvero la quantità minima di acqua che deve rimanere nei fiumi. Il Nazionale aveva deciso una loro sospensione fino al 31 dicembre 2035 in caso di approvazione di concessioni per centrali idroelettriche e di ampliamento o rinnovo delle stesse. Gli Stati, che in prima lettura volevano mantenere le disposizioni attuali, hanno approvato con un solo voto di scarto una proposta di compromesso di Stefan Engler (Centro), che lascia un certo margine di manovra al Consiglio federale.

Nei prossimi 15-20 anni, dovranno essere rinnovate le concessioni delle grandi centrali idroelettriche. Se si applicheranno le nuove disposizioni sui deflussi minimi si avrà un calo della produzione di elettricità di 1,9 fino a 4 Terawattora all’anno, è stato sottolineato in aula. “Se confermiamo nostra decisione precedente, non sarà possibile raggiungere l’auspicato potenziamento delle energie rinnovabili”, ha affermato Engler.

Gli svizzeri prediligono l’energia rinnovabile, meglio se indigena

La sinistra si è mostrata scettica sulla sua proposta. “Prima di votarla si sarebbe dovuto farla esaminare dalla commissione”, ha sostenuto il socialista Roberto Zanetti. Per Lisa Mazzone (Verdi), con l’emendamento, i problemi all’agricoltura e all’approvvigionamento di acqua potabile causati dalla diminuzione dei deflussi residuali non saranno risolti.

Le regole per nuovi impianti

Gli Stati si sono poi espressi sulle condizioni quadro relative ai nuovi impianti idroelettrici, fotovoltaici ed eolici. I “senatori” e le “senatrici” hanno seguito il Nazionale decidendo che queste installazioni non possono, come finora, essere realizzate nei biotopi d’importanza nazionale e nelle riserve per uccelli acquatici e di passo.

Le due Camere hanno però introdotto un’eccezione a questa regola: tali impianti potranno essere realizzati in alcune zone golenali proglaciali e pianure alluvionali alpine. Con 25 voti a 16, hanno poi aggiunto un’ulteriore eccezione: nuovi impianti idroelettrici potranno essere costruiti anche quando il corso d’acqua situato a valle attraversa aree protette, se il torrente sottostà al regime del deflusso minimo.

Obblighi solari meno severi

Fra le altre decisioni prese finora, spicca la bocciatura dell’obbligo, deciso dal Nazionale, di installare pannelli solari per tutte le nuove costruzioni e i grandi progetti di ristrutturazione e di rinnovamento. Si tratta, secondo il relatore commissionale Beat Rieder (Centro), di un’ingerenza eccessiva nella proprietà privata e nella sovranità dei Cantoni.

Per gli Stati l’obbligo deve valere solo per i grandi nuovi immobili, ossia quelli che hanno una superficie al suolo superiore a 300 metri quadrati, così come prevedono le disposizioni urgenti – e quindi temporanee – in vigore dallo scorso anno. I Cantoni potranno però estendere tale obbligo agli edifici più piccoli.

Con 23 voti a 19, gli Stati hanno invece respinto l’obbligo proposto dal Nazionale di coprire con pannelli solari le superfici di parcheggio di veicoli a partire da una determinata dimensione.

In questo servizio del Telegiornale della Radiotelevisione della Svizzera italiana RSI un confronto fra chi rappresenta le aziende elettriche e chi si batte per la tutela paesaggistica:

Contenuto esterno


Attualità

Manifestanti eritrei sulla Piazza federale.

Altri sviluppi

Gli eritrei manifestano per i loro diritti in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le e i partecipanti hanno contestato a Berna i ventilati respingimenti verso Stati terzi e l'obbligo del passaporto per l'ottenimento del permesso di soggiorno.

Di più Gli eritrei manifestano per i loro diritti in Svizzera
Due pompieri osservano la portata del Rodano nei pressi di Sierre.

Altri sviluppi

Maltempo, situazione in lento miglioramento in Vallese

Questo contenuto è stato pubblicato al Nonostante il lieve calo delle acque del Rodano e dei suoi affluenti, il livello di allarme e lo stato d'emergenza non vengono revocati.

Di più Maltempo, situazione in lento miglioramento in Vallese
Bimbi attorno a un cratere formato dalle bombe israeliane.

Altri sviluppi

Bombe vicino alla Croce Rossa a Gaza

Questo contenuto è stato pubblicato al L'esercito israeliano è tornato a bombardare pesantemente Gaza la scorsa notte: i morti sono almeno 22 e i feriti 45.

Di più Bombe vicino alla Croce Rossa a Gaza
Due veicoli della polizia in centro a Zurigo.

Altri sviluppi

‘ndrangheta, indagate tre persone residenti in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al L'Antimafia di Catanzaro chiede assistenza giudiziaria a Berna nell'ambito di un'indagine sulla cosca Maiolo, perquisizioni a Zurigo, Berna e Turgovia.

Di più ‘ndrangheta, indagate tre persone residenti in Svizzera
Interventi nei pressi della centrale idroelettrica a Vissoie nella val d'Anniviers (Vallese).

Altri sviluppi

Maltempo, sfollate 230 persone in Vallese

Questo contenuto è stato pubblicato al Il cantone bilingue è la zona più colpita da frane e inondazioni dovute alle intense precipitazioni di questi giorni. Zermatt isolata a causa degli smottamenti e dell'esondazione della Vispa. Preoccupano i corsi d'acqua delle valli laterali.

Di più Maltempo, sfollate 230 persone in Vallese
Donna in carrozzina.

Altri sviluppi

L’80% delle stazioni accessibili alle persone disabili

Questo contenuto è stato pubblicato al I recenti interventi di adeguamento negli scali ferroviari e alle fermate periferiche hanno migliorato l'agibilità degli stessi ma non sono stati rispettati gli obiettivi legali.

Di più L’80% delle stazioni accessibili alle persone disabili
I legali della potente famiglia Hinduja, Nicolas Jeandin (sinistra) e Robert Assael, che hanno preannunciato ricorso.

Altri sviluppi

La potente famiglia Hinduja condannata per usura

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Tribunale di Ginevra infligge pesanti pene detentive a quattro componenti della ricchissima famiglia indiana per aver sfruttato i domestici, pagati tra i 200 e i 400 franchi al mese.

Di più La potente famiglia Hinduja condannata per usura
Rishi Sunak

Altri sviluppi

Sul Partito conservatore britannico si abbatte lo scandalo scommesse

Questo contenuto è stato pubblicato al A due settimane dalle elezioni, il partito del premier Rishi Sunak non solo è dato ai minimi storici, ma è anche scombussolato dalle dimissioni di direttore della campagna elettorale Tony Lee, coinvolto nello scandalo delle scommesse fatte sulla data del voto.

Di più Sul Partito conservatore britannico si abbatte lo scandalo scommesse
Zermatt

Altri sviluppi

Rischio esondazioni, Zermatt tagliata fuori dal mondo

Questo contenuto è stato pubblicato al Da venerdì mattina, la località turistica ai piedi del Cervino è inaccessibile. A causa del rischio di esondazione del torrente Vispa, nessun treno circola tra Visp e Zermatt, che non è raggiungibile neppure via strada a causa di smottamenti nella località.

Di più Rischio esondazioni, Zermatt tagliata fuori dal mondo
donald sutherland

Altri sviluppi

Il cinema in lutto per la scomparsa di Donald Sutherland

Questo contenuto è stato pubblicato al L'attore canadese è morto giovedì all'età di 88 anni. Dopo gli esordi teatrali e parti minori, Sutherland conobbe il successo alla fine degli anni '60, con La sporca dozzina e Mash.

Di più Il cinema in lutto per la scomparsa di Donald Sutherland

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR