La televisione svizzera per l’Italia

Il gesuita che sensibilizza la Chiesa sul clima

Una marcia a favore el clima
Secondo Giraud va evitato il green-washing, cioè quella spruzzata di verde che le banche usano per presentarsi in una luce positiva ai clienti, mentre invece non cambiano il loro approccio strategico sugli investimenti energetici. Keystone / Mourad Balti Touati

Il gesuita Gaël Giraud insegna economia alla Georgetown University di Washington. Dirige il Programma per la giustizia ambientale, da lui fondato e cerca di sensibilizzare la Chiesa cattolica sulla cosiddetta transizione ecologica. 

Fino a trentaquattro anni di età si è occupato di modelli matematici applicati alle scelte di business e d’investimento all’interno di banche d’affari fra New York e Parigi. Poi la scelta di studiare teologia all’interno della Compagnia di Gesù, e quindi l’ordinazione sacerdotale arrivata a quarantatré anni, con le porte dell’insegnamento che gli si aprono alla Georgetown University di Washington dove ancora oggi insegna economia e dirige il Programma per la giustizia ambientale, da lui fondato.

“È l’ultima possibilità che ha l’uomo per salvare il creato”.

Gaël Giraud, gesuita economista

A suo tempo consigliere personale del presidente Francois Hollande, è a lui che Papa Francesco si rivolge per consigli in merito a uno dei temi che più gli stanno a cuore, la crisi ambientale.

Gaël Giraud, 52 anni, gesuita, entra spesso in Vaticano per cercare di sensibilizzare la Chiesa cattolica sulla cosiddetta transizione ecologica, a suo dire “l’ultima possibilità che ha l’uomo per salvare il creato”. E per dire che non si può oggi essere credenti cristiani senza “ascoltare il grido del creato stesso: ascoltarlo è come ascoltare quello dei poveri”.

Conversione all’ecologia

È stato un percorso lungo quello che ha portato Giraud a comprendere che la crisi ambientale sia oggi la priorità a cui il mondo deve guardare se vuole sopravvivere. Come Francesco che nel 2007, durante un’assise ad Aparecida, criticò i vescovi brasiliani perché parlavano troppo del problema della foresta amazzonica salvo poi “convertirsi” e dedicare il testo più importante del suo pontificato ai temi ambientali nell’enciclica “Laudato si’”, così anche Giraud è passato dalla possibilità concreta di fare il trader a Wall Street a girare il mondo per portare più Paesi possibili ad abbracciare una transizione ecologica ultima àncora di salvezza per il pianeta.

Papa Francesco crede a tal punto in lui che il suo ultimo lavoro, “La rivoluzione dolce della transizione ecologica”, è stato pubblicato direttamente dalla Libreria Editrice Vaticana.

Il problema riguarda tutti

“Nel giro di trent’anni – racconta Giraud – avremo a che fare con trasmigrazioni di popoli dal Sud verso il Nord i cui esiti non saranno facili da prevedere. Occorre iniziare da subito a mantenere il riscaldamento globale sotto i 2 gradi centigradi, per raggiungere l’obiettivo di prevenire pericolose interferenze antropogeniche con il sistema climatico terrestre”.

La ricetta per riuscirci non è semplice: “Occorre diminuire le emissioni di gas serra nella consapevolezza che la cattura e stoccaggio del carbonio industriale porteranno all’assorbimento di solo una quantità marginale di carbonio rilasciato nell’atmosfera: la conseguenza è che tutta l’umanità deve puntare a emissioni prossime allo zero entro l’ultimo quarto di secolo. Così si stabilizzerebbe la temperatura globale”.

“I Paesi più industrializzati che pensano che da loro si potrà comunque sopravvivere si sbagliano: non esiste un Eldorado in cui rifugiarsi”.

Gaël Giraud, gesuita economista

Alternative, sostiene Giraud, non ce ne sono. Continua: “Ed anche quei Paesi più industrializzati e più a Nord del globo che pensano che da loro si potrà comunque sopravvivere si sbagliano: non esiste un Eldorado in cui rifugiarsi: con temperature costantemente sopra di 6-7 gradi centigradi la fine è inevitabile per tutti”.

Una crisi già in atto

In diversi Paesi i cambiamenti climatici stanno già ridisegnando città e territori in modo ineludibile. Dice Garaud: “Oggi, a differenza della fase preindustriale, la temperatura del globo è già salita di 1,09 gradi nel periodo 2011-2020. E la causa è da rintracciare nelle attività umane”.

L’innalzamento degli oceani ed anche lo scioglimento dei ghiacciai sono fenomeni da cui non si torna indietro. “Di qui a cento anni – continua Giraud – le terre emerse assumeranno volti completamente nuovi. L’Indonesia, ad esempio, ha cambiato capitale a causa del mare che ha invaso parte di Giacarta. Mentre si prospetta che nel 2050 metà Bangladesh sarà sommerso”.

Una finanza ecologica

Per fermare questa deriva il piano di Giraud è preciso e dettagliato: “La transizione ecologica – spiega – significa l’abbandono delle energie fossili a favore di quelle rinnovabili, come il solare, l’eolico, oppure energie poco inquinanti: a Parigi funzionano già i taxi a idrogeno. Inoltre, un forte e radicale rinnovamento termico degli edifici, o creare cittadine densamente popolate, collegate tra loro con mezzi di trasporto pubblici”.

“La finanza potrebbe rivestire un ruolo decisivo se decidesse di sostenere la transizione ecologica.

Gaël Giraud, gesuita economista

E ancora: “La finanza potrebbe rivestire un ruolo decisivo se decidesse di sostenere la transizione ecologica, che ha un costo significativo – per la Francia, il 2 per cento del Pil e 20 miliardi di euro da parte del settore privato. Ma non è una somma così grande se la si confronta con un dato di fatto ineludibile: o realizziamo la transizione ecologica oppure dovremo sopportare rapidamente le irreversibili conseguenze climatiche a livello globale”.

Le banche hanno un peso considerevole perché, secondo un rapporto che ho pubblicato lo scorso anno, le 11 maggiori banche europee investono dal 95 al 110 per cento del loro budget in fondi legati ai combustibili fossili. Ciò significa che, se davvero la politica scegliesse la strada della transizione ecologica, queste banche chiuderebbero subito: si deve dunque agire a questo livello finanziario per trovare soluzioni compatibili con la transizione ecologica.

Sacche di resistenza nella Chiesa

Certo, non è facile. Anche nella Chiesa cattolica, spiega Giraud, ci sono nicchie che resistono. Alcune sono legate, più o meno consapevolmente, a gruppi di potere nordamericano storicamente a loro volta legati agli imprenditori del petrolio e alle banche loro affini che non vedono bene una radicale svolta green.

Ma, dice ancora Giraud, “è necessario che i governi se ne liberino se vogliamo avere un vero futuro per il nostro pianeta e le prossime generazioni”. E conclude: “Io non sono contro le banche, esse hanno un ruolo molto importante nello sviluppo economico e possono averne uno altrettanto grande in un’economia autenticamente verde”.

Va evitato il green-washing, cioè quella spruzzata di verde che le banche usano per presentarsi in una luce positiva ai clienti, mentre invece non cambiano il loro approccio strategico sugli investimenti energetici. “Pensate alla forza di un movimento popolare se dicesse alle banche: Toglieremo i nostri soldi dai vostri conti correnti se continuerete a finanziare le aziende produttrici di petrolio… Sarebbe una rivoluzione!”.

Attualità

La foto di rito di tutti i leader presenti al G7 con al centro Papa Francesco.

Altri sviluppi

Un Papa per la prima volta al vertice del G7

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la prima volta di un Pontefice partecipa a questo vertice. L'accoglienza è calorosa non solo da parte della premier italiana Giorgia Meloni - "è un momento storico, non ringrazierò mai abbastanza Sua Santità per essere qui" - ma da tutti i Grandi della Terra.

Di più Un Papa per la prima volta al vertice del G7
Raphael Glucksmann.

Altri sviluppi

In Francia la sinistra si unisce per combattere l’estrema destra

Questo contenuto è stato pubblicato al Raphael Glucksmann che ha rilanciato il Partito socialista con il suo movimento Place Publique ritiene che l'unico modo per fermare il Rassemblement National sia la craezione di un'unione di sinistra.

Di più In Francia la sinistra si unisce per combattere l’estrema destra
Una postina svizzera.

Altri sviluppi

Per risparmiare la Posta consegnerà lettere e pacchi in ritardo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per risparmiare il Consiglio federale propone che solo il 90% delle lettere e dei pacchi venga consegnato per tempo dalla Posta. Inoltre, si vuole abolire l'obbligo di consegna nelle case abitate tutto l'anno.

Di più Per risparmiare la Posta consegnerà lettere e pacchi in ritardo
La cascata della Piumogna a Faido.

Altri sviluppi

Attenti al fiume Ticino e alle sue possibili improvvise piene

Questo contenuto è stato pubblicato al La portata del fiume Ticino e dei suoi affluenti in Leventina, tra Airolo e Personico, potranno subire delle importanti variazioni durante l’intero arco delle 24 ore. L'Azienda elettrica ticinese invita la popolazione alla prudenza. 

Di più Attenti al fiume Ticino e alle sue possibili improvvise piene
bambina si lava le mani all'asilo

Altri sviluppi

“No” del Consiglio federale all’iniziativa sugli asili nido

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Governo ha respinto un'iniziativa lanciata lo scorso anno dal Partito socialista "Per una custodia di bambini complementare alla famiglia che sia di qualità e a prezzi abbordabili per tutti".

Di più “No” del Consiglio federale all’iniziativa sugli asili nido
scritta 5000 davanti a palazzo federale

Altri sviluppi

“Almeno 5’000 franchi al mese per le lavoratrici”

Questo contenuto è stato pubblicato al Un salario minimo di 5'000 franchi al mese per le donne: è la rivendicazione del sindacato UNIA in occasione dell'odierna giornata dello sciopero delle donne.

Di più “Almeno 5’000 franchi al mese per le lavoratrici”
uomo fa volare un drone in una stanza

Altri sviluppi

Presto in Svizzera uno spazio aereo per droni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio federale ha approvato una revisione delle ordinanze sull'aviazione civile che permetteranno di creare uno spazio aereo U-Space per i droni, sempre più diffusi.

Di più Presto in Svizzera uno spazio aereo per droni

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR