La televisione svizzera per l’Italia

“Too big to fail”, ci sono delle lacune da colmare

facciata di una sede di credit suisse
Il caso Credit Suisse ha portato l'Esecutivo ad analizzare l'attuale situazione. KEYSTONE/© KEYSTONE / GEORGIOS KEFALAS

Dopo un'attenta analisi, il Governo elvetico ha stabilito che il dispositivo "Too big to fail" dev'essere ulteriormente sviluppato.

L’ampia analisi della crisi di Credit Suisse (CS) mostra che l’attuale dispositivo “Too big to fail” (norma che riguarda i fallimenti di grandi banche di rilevanza sistemica, ndr) dev’essere ulteriormente sviluppato e rafforzato, al fine di ridurre i rischi per l’economia nazionale, lo Stato e i contribuenti. Ne è convinto il Consiglio federale, che propone quindi un ampio pacchetto di misure, la cui attuazione dovrà tenere conto delle conclusioni a cui è giunta la Commissione parlamentare d’inchiesta (CPI).

A metà del mese di marzo del 2023 l’incombente dissesto di CS ha potuto essere scongiurato mediante l’acquisizione della banca da parte di UBS, avvenuta con il sostegno dello Stato. In questo modo è stato possibile salvaguardare la stabilità finanziaria ed evitare danni all’economia e ai contribuenti svizzeri, ha ricordato mercoledì la ministra delle finanze Karin Keller-Sutter in una conferenza stampa a Berna. “Quello che è successo con Credit Suisse non deve più ripetersi”, ha aggiunto.

Altri sviluppi
logo finma

Altri sviluppi

Too big to fail: c’è margine di miglioramento

Questo contenuto è stato pubblicato al Too big to fail: secondo la FINMA i piani d’emergenza esistenti per salvare le grandi banche sono migliorati, ma resta del margine.

Di più Too big to fail: c’è margine di miglioramento

In virtù della legge sulle bancheCollegamento esterno e sulla base dei mandati conferiti dal Parlamento, il Consiglio federale ha sottoposto la regolamentazione degli istituti di rilevanza sistemica a una valutazione approfondita. Il Governo è giunto alla conclusione che, in linea di principio, molte delle misure già introdotte a livello nazionale e internazionale per rafforzare la stabilità finanziaria si sono dimostrate valide. Tuttavia, l’analisi ha mostrato anche lacune nell’attuale dispositivo e quindi la necessità di intervenire, ha rilevato Keller-Sutter.

22 misure direttamente applicabili

Al fine di rafforzare in modo mirato il dispositivo “Too big to fail”, l’Esecutivo propone un pacchetto comprendente 22 misure direttamente applicabili. Altri sette provvedimenti saranno oggetto di ulteriori approfondimenti.

Si tratta di provvedimenti che mirano a ridurre notevolmente la probabilità che in Svizzera si ripresenti il caso di una banca di rilevanza sistemica coinvolta in una grave crisi che renda necessarie misure statali d’emergenza. Inoltre, in caso di crisi la capacità di liquidazione di una banca “troppo grande per fallire” dev’essere garantita come opzione credibile.

Contenuto esterno

Tre linee di intervento

Il pacchetto di misure proposto dal’Esecutivo si suddivide in tre linee di intervento. In primis occorrerà rafforzare la prevenzione: con requisiti prudenziali espliciti e strumenti più ampi a disposizione dell’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA), si esigerà dalle banche di rilevanza sistemica un governo d’impresa efficace (“Corporate Governance”) e una gestione dei rischi più responsabile, ha precisato Keller-Sutter. Ciò implica, tra l’altro, la regolamentazione dei bonus (per esempio sottoponendoli a periodi di sospensione e a clausole di restituzione). Si vaglierà anche la possibilità di conferire alla FINMA la competenza di infliggere multe.

Secondariamente, secondo l’Esecutivo, occorrerà rafforzare la dotazione di fondi propri delle banche di rilevanza sistemica. Questo è già stato attuato a livello normativo dal mese di gennaio del 2024. Occorrerà però ampliare significativamente il potenziale di approvvigionamento di liquidità attraverso la Banca nazionale svizzera (BNS). Inoltre, la possibilità di concedere una garanzia statale della liquidità nel quadro dell’eventuale risanamento di una banca d’importanza sistemica dev’essere introdotta nel diritto ordinario.

In terzo luogo, bisognerà sviluppare gli strumenti a disposizione per far fronte a situazioni di crisi: in tali situazioni, gli istituti interessati devono poter uscire dal mercato in modo ordinato. Al fine di rafforzare tale capacità è necessario ampliare il piano di liquidazione e continuare a ridurre al minimo i rischi legali ad essa associati. Inoltre, l’organizzazione e la collaborazione tra autorità in caso di crisi devono essere esaminate e, se necessario, disciplinate in modo più chiaro.

Altri sviluppi

UBS è ora l’unica banca di rilevanza sistemica globale

Le misure proposte devono essere introdotte in modo mirato per le banche “too big to fail” e segnatamente per UBS, in quanto unica banca di rilevanza sistemica a livello globale rimasta in Svizzera. Tuttavia, alcuni provvedimenti si applicano anche ad altri istituti finanziari, laddove non sarebbe appropriato né giustificabile limitarle agli istituti considerati “troppo grandi per fallire”, ha precisato la ministra delle finanze.

Inoltre, le misure proposte s’inseriscono nel quadro delle regolamentazioni e degli strumenti internazionali, tenendo al contempo conto delle circostanze particolari della Confederazione quale importante piazza finanziaria con un’unica banca di rilevanza sistemica a livello globale, ha rilevato ancora.

Nel prosieguo dei lavori di attuazione delle misure proposte, il Consiglio federale terrà conto anche delle conclusioni a cui è giunta la CPI. In una prima fase verranno apportati adeguamenti a livello di ordinanza, che possono essere adottati dal Governo. In una seconda fase verranno invece elaborati adeguamenti a livello di legge, che saranno sottoposti al Parlamento, ha concluso Keller-Sutter.

Attualità

testi di legge consultati da un uomo in blazer

Altri sviluppi

Hong Kong, 14 attivisti pro democrazia a rischio ergastolo

Questo contenuto è stato pubblicato al A Hong Kong 14 attivisti pro-democrazia rischiano l’ergastolo dopo essere stati giudicati colpevoli di aver violato la legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino 4 anni fa.

Di più Hong Kong, 14 attivisti pro democrazia a rischio ergastolo
il campo profughi di rafah distrutto

Altri sviluppi

La Svizzera condanna l’attacco su Rafah

Questo contenuto è stato pubblicato al La Svizzera ha condannato mercoledì con forza in seno al Consiglio di sicurezza dell'ONU il recente lancio di razzi su Israele da parte di Hamas e gli attacchi di Israele contro un campo per sfollati a Rafah, nella Striscia di Gaza.

Di più La Svizzera condanna l’attacco su Rafah
insegna ubs al contrario

Altri sviluppi

Rimpasto ai vertici di UBS

Questo contenuto è stato pubblicato al La più grande banca elvetica ha deciso di apportare dei cambiamenti ai vertici, in particolare per quanto riguarda la gestione patrimoniale globale.

Di più Rimpasto ai vertici di UBS
Mascherine FFP2.

Altri sviluppi

Come il rivenditore di mascherine Emix fece pressioni sul Governo

Questo contenuto è stato pubblicato al Dei documenti pubblicati su ordine del Tribunale federale rivelano le pressioni esercitate sul Dipartimento federale della difesa, protezione della popolazione e dello sport dal rivenditore Emix, che aveva promesso mascherine statunitensi di alta qualità e consegnato prodotti cinesi.

Di più Come il rivenditore di mascherine Emix fece pressioni sul Governo

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR