La televisione svizzera per l’Italia

Credit Suisse si dota di un supervisore indipendente per indagare sui conti nazisti

Il difensore civico statunitense Neil Barofsky.
Neil Barofsky, ex ispettore generale del Troubled Asset Relief Program e frequente critico di Wall Street, è stato rimosso come ombudsman dal Credit Suisse nel novembre 2022. Keystone / J. Scott Applewhite

Neil Barofsky, indagherà nuovamente (dopo essere stato allontanato nel novembre 2022) sui conti legati al nazismo della banca svizzera integrata da UBS.

Credit Suisse ha reintegrato Neil Barofsky come difensore civico indipendente per supervisionare la revisione della banca sulla sua storia di assistenza ai conti legati al nazismo. La decisione è stata annunciata lunedì dalla Commissione bilancio del Senato degli Stati Uniti, che sta indagando sulla gestione dell’indagine interna da parte di Credit Suisse.

“Una valutazione chiara e storicamente completa della gestione dei conti legati al nazismo da parte di Credit Suisse richiede che i fatti dolorosi vengano affrontati con decisione, non che vengano messi da parte”, hanno dichiarato in un comunicato il senatore Chuck Grassley dell’Iowa e il senatore Sheldon Whitehouse dello Stato di Rhode Island. “Su nostra insistenza, Credit Suisse ha accettato di scavare più a fondo nella propria storia e il signor Barofsky supervisionerà nuovamente questa revisione”.

Barofsky, ex ispettore generale del Programma di salvataggio degli attivi problematiciCollegamento esterno e frequente critico di Wall Street, è stato rimosso da Credit Suisse come ombudsman nel novembre 2022. Sebbene inizialmente gli fosse stato affidato il compito di produrre un rapporto pubblico sulle sue scoperte, la Commissione bilancio ha ottenuto il documento solo dopo aver emesso un mandato di comparizione, ha dichiarato all’inizio di quest’anno. Il rapporto sosteneva che la banca aveva ristretto la portata dell’indagine e non aveva seguito alcune piste.

Ad aprile, l’istituto di credito ha dichiarato che la sua indagine non supportava le affermazioni chiave sui conti legati al nazismo fatte dal Simon Wiesenthal Center nel 2020 e che il rapporto preparato da Barofsky conteneva “numerosi errori fattuali” e altri difetti.

Dopo che, a luglio, la commissione del Senato ha criticato Credit Suisse per non aver dato seguito agli impegni di collaborazione, la banca ha fornito ai legislatori una versione integrale del rapporto Barofsky. Secondo i senatori, ciò dimostra che l’istituto non ha esaminato tutti i documenti disponibili.

UBS, che ha acquistato Credit Suisse all’inizio di quest’anno, non ha voluto rilasciare commenti.

La disputa sull’indagine interna al Credit Suisse arriva circa un quarto di secolo dopo che le due grandi banche svizzere hanno raggiunto un accordo da 1,25 miliardi di dollari con le vittime dell’Olocausto. L’accordo risolveva le richieste di risarcimento per la mancata restituzione di beni ai sopravvissuti al genocidio e agli e alle eredi delle vittime. L’accordo copre anche le richieste di risarcimento da parte di persone i cui beni sono stati saccheggiati dai nazisti e depositati nelle banche svizzere.

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR