La televisione svizzera per l’Italia

Pensione, da quest’anno cambiano le cose

primo piano di donna anziana che legge un libro
L'età di pensionamento delle donne passa a 65 anni, ma non da subito. Christof Schuerpf

Alcuni dei cambiamenti della riforma AVS che entra in vigore quest'anno avverranno in maniera graduale.

La riforma dell’AVS (Assicurazione vecchiaia e superstiti) accettata in votazione popolare lo scorso autunno entra in vigore quest’anno. Tra gli aspetti più controversi, l’età di pensionamento delle donne, che è passata dai 64 ai 65 anni d’età.

L’applicazione delle nuove regole avverrà gradualmente, come spiega Simon Tellenbach, della società di consulenza VZ Vermögenszentrum, ai microfoni della Radiotelevisione della Svizzera italiana RSI: “Le donne che quest’anno compiono 64 anni non sono toccate. Solo dal 2025 l’età di riferimento per la pensione verrà alzata, di tre mesi ogni anno”.

Ciò significa che le donne nate nel 1960 vanno in pensione ancora a 64 anni. Poi l’aumento avverrà a tappe e a partire dalla classe 1964 l’età di riferimento per la pensione saranno i 65 anni.

Nella fase di transizione ci sarà poi libertà di scelta sulla modalità del pensionamento: “Le donne delle generazioni di transizione hanno due possibilità. O vanno in pensione secondo l’età di riferimento e ottengono un supplemento della rendita, oppure lo fanno prima, ma con una riduzione”. Una riduzione che sarà comunque meno importante rispetto a quella che si ha oggi per un normale prepensionamento.

Contenuto esterno

Un’altra importante novità è che con l’entrata in vigore della riforma l’età di pensionamento diventa flessibile per entrambi i sessi. L’idea di fondo è di rendere più attrattivo lavorare oltre i 65 anni. Tra i 63 e i 70 anni sarà possibile ricevere solo una parte della rendita. Una persona potrebbe quindi, per esempio, lavorare a tempo pieno fino a 65 anni, nei due anni successivi lavorare al 50% e percepire metà rendita AVS, passare in seguito al 20%, e andare definitivamente in pensione a 69 anni.

Lavorare più a lungo, spiega Tellenbach, “può essere conveniente, se per esempio si hanno lacune nei contributi o se non si è ancora raggiunta la pensione massima. Questo perché ora i contributi versati dopo l’età di riferimento vanno ad aumentare le rendite”.

Resterà da vedere, nei prossimi anni, quante persone, con un sistema più flessibile, decideranno effettivamente di lavorare oltre i 65 anni di età.

Attualità

carro armato

Altri sviluppi

Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Questo contenuto è stato pubblicato al Malgrado le condanne giunte da tutto il mondo dopo l'attacco di domenica notte, nel quale sono morti decine di civili, l'esercito israeliano prosegue le operazioni nel sud della Striscia di Gaza.

Di più Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Altri sviluppi

Un alunno su sei è in sovrappeso

Questo contenuto è stato pubblicato al Il sovrappeso e l'obesità rimangono una sfida per i bambini e gli adolescenti. Secondo un monitoraggio che si riferisce all'anno scolastico 2022/23, un alunno su sei ha problemi con la bilancia.

Di più Un alunno su sei è in sovrappeso

Altri sviluppi

Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio

Questo contenuto è stato pubblicato al Secondo un sondaggio in Svizzera quasi un terzo della popolazione ha già vissuto liti con il vicinato. I motivi più comuni sono l'eccesso di rumori, problemi con la lavanderia, infrazioni delle regole sui posteggi e diatribe riguardanti la proprietà di terreni.

Di più Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio
bandiere in un viale

Altri sviluppi

Le spie vanno espulse sistematicamente

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio degli Stati ha approvato lunedì una mozione che prevede di rafforzare i meccanismi di espulsione per gli agenti stranieri.

Di più Le spie vanno espulse sistematicamente
Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR