La televisione svizzera per l’Italia

Gli ospedali svizzeri pensano a una cassa malati unica

La direttrice di H+ Anne-Geneviève Bütikofer.
La direttrice di H+ Anne-Geneviève Bütikofer auspica una discussione più ampia sul finanziamento dell'assistenza sanitaria. © Keystone / Christian Beutler

La direttrice di H+, l'organizzazione mantello degli ospedali svizzeri, accarezza l'idea di una cassa malattia unica. Secondo Anne-Geneviève Bütikofer la pressione sugli ospedali è così grande che una rivoluzione sembra inevitabile".

Un’assicurazione sanitaria unica potrebbe non essere la soluzione giusta, “ma vale la pena prenderla in considerazione”, ha affermato Bütikofer in un’intervista pubblicata dal domenicale SonntagsBlick.

“Se ogni anno 2,5 milioni di persone cambiano cassa malati, con un costo che va dagli 800 ai 1’000 franchi a cambio, abbiamo già trovato un potenziale risparmio di diversi miliardi. Ecco perché è legittimo pensare a un unico assicuratore sanitario”.

Contenuto esterno

In una presa di posizione, H+ precisa tuttavia di non chiedere la cassa malattia unica, ma una discussione sul finanziamento del sistema sanitario. “Nel quadro di queste riflessioni – afferma – dovrebbero venire esaminate senza paraocchi tutte le opzioni”.

Nonostante l’elevato costo dell’assistenza sanitaria per la popolazione, “chiediamo un aumento del 5% di tutte le tariffe ospedaliere”, ha aggiunto. “L’aumento dell’inflazione deve essere finalmente preso in considerazione”.

Finanziamento dell’assistenza sanitaria

Secondo Bütikofer, questi aumenti non dovrebbero riflettersi sui premi delle assicurazioni sanitarie. “Mi chiedo se, nel sistema, stiamo finanziando le cose giuste con le giuste fonti di finanziamento”.

La discussione sul contenimento dei costi nel settore sanitario è “solo un cerotto”, afferma Bütikofer. La direttrice di H+ auspica una discussione più ampia sul finanziamento dell’assistenza sanitaria. “Oggi tutti i servizi ospedalieri sono finanziati dall’assicurazione sanitaria obbligatoria”, aggiunge, sottolineando che non esistono fonti aggiuntive di remunerazione per le nuove spese.

Attualità

Area Schengen in un aeroporto UE.

Altri sviluppi

Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La dotazione globale del fondo per il presidio dei confini UE è di 6,2 miliardi di euro, di cui una cinquantina torneranno nella Confederazione per l'implementazione dei nuovi sistemi di informazione e scambio dati.

Di più Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera
confezioni wegovy ozempic e mounjaro

Altri sviluppi

Iniezioni dimagranti, attesi costi per centinaia di milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il clamore e la curiosità attorno alle iniezioni per la perdita di peso, destinate in primis ai diabetici, stanno facendo lievitare enormemente i costi sanitari.

Di più Iniezioni dimagranti, attesi costi per centinaia di milioni
veicoli posteggiati

Altri sviluppi

Calano in Svizzera le immatricolazioni di veicoli stradali

Questo contenuto è stato pubblicato al Le vendite di veicoli a motore sono scese in giugno: sono stati immatricolati 33'100 auto, camion, bus e moto, con una flessione del 9% rispetto allo stesso periodo del 2023.

Di più Calano in Svizzera le immatricolazioni di veicoli stradali
zelensky

Altri sviluppi

Kiev apre a un dialogo con Mosca

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha aperto la porta a una partecipazione della Russia a un prossimo vertice di pace tra i due Paesi.

Di più Kiev apre a un dialogo con Mosca
hollandiahutte

Altri sviluppi

Vallese, due alpinisti morti nella Fischertal

Questo contenuto è stato pubblicato al Ennesima tragedia della montagna: i cadaveri di due alpinisti svizzeri di 35 e 44 anni sono stati rivenuti lunedì tra l’Aletschhorn (4193 metri) e il Dreieckhorn (3811 metri).

Di più Vallese, due alpinisti morti nella Fischertal

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR