La televisione svizzera per l’Italia

Philippe Lazzarini: “Le accuse di Israele all’UNRWA sono oltraggiose”

Scene quotidiane a Rafah.
Scene quotidiane a Rafah. KEYSTONE

Intervista al diplomatico svizzero e commissario generale dell'agenzia ONU per il soccorso e l'occupazione dei profughi palestinesi.

Inviso a Israele, che gli ha negato il visto per entrare a Gaza, il diplomatico svizzero Philippe Lazzarini, dal 2020 commissario generale dell’UNRWA, l’agenzia dell’ONU indispensabile per milioni di palestinesi, ha accolto l’inviato della Radiotelevisione svizzera di lingua italiana (RSI), Emiliano Bos, nel quartier generale di Gerusalemme Est.

Altri sviluppi

Una volta lì, il discorso vira presto sulla Striscia di Gaza, dove l’UNRWA ha interrotto le operazioni a Rafah. E non è stata solo l’UNRWA a sospendere i lavori nella città, ma lo ha fatto l’insieme delle organizzazioni umanitarie delle Nazioni Unite.

Il motivo è semplice: gli approvvigionamenti mancano ormai dallo scorso 6 maggio, data che coincide con l’inizio dell’offensiva militare israeliana a Rafah.

Contenuto esterno

RSI: A gennaio Israele ha accusato 12 di questi collaboratori di essere terroristi di Hamas che hanno partecipato ai massacri del 7 ottobre. Voi avete lanciato un’indagine interna. A che punto siete?

Philippe Lazzarini: Abbiamo licenziato questi dipendenti, abbiamo chiesto un’inchiesta per valutare il comportamento di questi collaboratori, e abbiamo rivisto tutti i meccanismi di gestione e rischio dell’organizzazione. Tra i 12 indiziati, 1 persona è stata – diciamo – scagionata, per altre 4 l’inchiesta è stata sospesa perché non ci sono più informazioni su di loro, per i 7 rimanenti l’inchiesta prosegue.

In risposta a queste accuse molti donatori – tra cui la Svizzera – avevano sospeso gli aiuti all’UNRWA. Hanno ricominciato a sostenervi sul piano economico?

Oggi tutti questi paesi hanno ripreso il loro sostegno, tranne gli Stati Uniti – che hanno annunciato una sospensione fino a marzo 2025 – e il Regno Unito. Nel frattempo tutti i Paesi europei – che tradizionalmente ci sostenevano – hanno ripreso o aumentato i contributi all’agenzia.

Altri sviluppi
cassetta gialla con piedi di una persona accanto

Altri sviluppi

Due petizioni domandano di sbloccare gli aiuti finanziari destinati all’UNRWA

Questo contenuto è stato pubblicato al Amnesty International Svizzera ha depositato lunedì a Berna due petizioni sostenute da più di 45’000 persone che chiedono al Governo e al Parlamento di sbloccare gli aiuti finanziari destinati all’agenzia dell’ONU per il soccorso dei rifugiati palestinesi (UNRWA) e di impegnarsi per un cessate il fuoco immediato a Gaza.

Di più Due petizioni domandano di sbloccare gli aiuti finanziari destinati all’UNRWA

La Svizzera invece è in una posizione intermedia: il Consiglio federale ha raccomandato al Parlamento di approvare uno stanziamento di 10 milioni di dollari dei consueti 20 milioni all’anno.

UNRWA è un tema che divide in Svizzera. Il mio appello è stato e continua ad essere: continuate la vostra tradizione umanitaria.

Israele le ha negato l’accesso alla Striscia di Gaza e ha accusato l’UNRWA di essere – citiamo – “essenziale per l’apparato terroristico di Hamas”. Lei cosa risponde?

Sono dichiarazioni assolutamente oltraggiose. UNRWA e l’ONU sono già state attaccate nella Striscia di Gaza: più di 190 dipendenti di UNRWA sono stati uccisi, le nostre strutture sono state attaccate, danneggiate. Degli sfollati sono stati uccisi all’interno dei nostri spazi.

C’è stata una totale mancanza di rispetto verso l’ONU, l’azione umanitaria e, di fatto, verso il diritto internazionale umanitario.

Altri sviluppi
Gli aiuti sono destinati unicamente alla popolazione di gaza.

Altri sviluppi

La Svizzera verserà 10 milioni all’UNRWA

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Governo elvetico ha deciso di sbloccare un aiuto finanziaro per l’agenzia dell’ONU, che però dovrà destinare il denaro unicamente a coprire i bisogni più urgenti della popolazione di Gaza.

Di più La Svizzera verserà 10 milioni all’UNRWA

Attualità

adesivi che indicano direzioni in tedesco e ucraino

Altri sviluppi

Statuto S per rifugiati ucraini, giro di vite per contrastare gli abusi

Questo contenuto è stato pubblicato al Due mozioni parlamentari chiedono che le condizioni e le regole riguardanti lo statuto di protezione S concesso alle rifugiate e ai rifugiati ucraini vengano inasprite per evitare abusi.

Di più Statuto S per rifugiati ucraini, giro di vite per contrastare gli abusi
bandiera svizzera

Altri sviluppi

Svizzera molto vulnerabile agli shock geopolitici

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli economisti di UBS, la Svizzera presenta una vulnerabilità superiore alla media agli shock geopolitici, ma nel contempo il Paese ha imparato anche a far fronte ai relativi rischi.

Di più Svizzera molto vulnerabile agli shock geopolitici
confezioni di cereali

Altri sviluppi

Troppo zucchero nei prodotti per l’infanzia, ONG chiede alla Svizzera di agire contro Nestlé

Questo contenuto è stato pubblicato al Public Eye ha chiesto alla Segreteria di Stato dell'economia (Seco) di trascinare davanti alla giustizia Nestlé, rea secondo l'organizzazione non governativa di vendere prodotti per l'infanzia con zucchero aggiunto nei Paesi a basso reddito.

Di più Troppo zucchero nei prodotti per l’infanzia, ONG chiede alla Svizzera di agire contro Nestlé
Thomas Aeschi

Altri sviluppi

Zuffa tra un eletto e la polizia a Palazzo federale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il consigliere nazionale e presidente del gruppo parlamentare dell'Unione democratica di centro, Thomas Aeschi, si è azzuffato mercoledì mattina con agenti di polizia armati, di guardia a Palazzo federale.

Di più Zuffa tra un eletto e la polizia a Palazzo federale
Françoise Hardy

Altri sviluppi

È morta Françoise Hardy

Questo contenuto è stato pubblicato al La cantante e attrice francese, icona degli anni Sessanta, è morta martedì all'età di 80 anni.

Di più È morta Françoise Hardy
Hunter Biden

Altri sviluppi

Hunter Biden condannato per possesso illegale di un’arma da fuoco

Questo contenuto è stato pubblicato al Un tribunale del Delaware ha condannato il figlio del presidente statunitense per aver violato le leggi che vietano alle persone con una dipendenza da droghe illegale di possedere armi da fuoco. La pena massima è di 25 anni di prigione, ma essendo incensurato è probabile che non finirà dietro alle sbarre.

Di più Hunter Biden condannato per possesso illegale di un’arma da fuoco
emmanuel macron

Altri sviluppi

Macron lancia un appello alle forze moderate per fare fronte comune

Questo contenuto è stato pubblicato al In vista delle elezioni anticipate convocate per il 30 giugno, il presidente francese ha invitato le forze repubblicane a lavorare assieme per contrastare l'avanzata dell'estrema destra, uscita vittoriosa dalle europee.

Di più Macron lancia un appello alle forze moderate per fare fronte comune

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR