La televisione svizzera per l’Italia

Philippe Lazzarini: “Le accuse di Israele all’UNRWA sono oltraggiose”

Scene quotidiane a Rafah.
Scene quotidiane a Rafah. KEYSTONE

Intervista al diplomatico svizzero e commissario generale dell'agenzia ONU per il soccorso e l'occupazione dei profughi palestinesi.

Inviso a Israele, che gli ha negato il visto per entrare a Gaza, il diplomatico svizzero Philippe Lazzarini, dal 2020 commissario generale dell’UNRWA, l’agenzia dell’ONU indispensabile per milioni di palestinesi, ha accolto l’inviato della Radiotelevisione svizzera di lingua italiana (RSI), Emiliano Bos, nel quartier generale di Gerusalemme Est.

Altri sviluppi

Una volta lì, il discorso vira presto sulla Striscia di Gaza, dove l’UNRWA ha interrotto le operazioni a Rafah. E non è stata solo l’UNRWA a sospendere i lavori nella città, ma lo ha fatto l’insieme delle organizzazioni umanitarie delle Nazioni Unite.

Il motivo è semplice: gli approvvigionamenti mancano ormai dallo scorso 6 maggio, data che coincide con l’inizio dell’offensiva militare israeliana a Rafah.

Contenuto esterno

RSI: A gennaio Israele ha accusato 12 di questi collaboratori di essere terroristi di Hamas che hanno partecipato ai massacri del 7 ottobre. Voi avete lanciato un’indagine interna. A che punto siete?

Philippe Lazzarini: Abbiamo licenziato questi dipendenti, abbiamo chiesto un’inchiesta per valutare il comportamento di questi collaboratori, e abbiamo rivisto tutti i meccanismi di gestione e rischio dell’organizzazione. Tra i 12 indiziati, 1 persona è stata – diciamo – scagionata, per altre 4 l’inchiesta è stata sospesa perché non ci sono più informazioni su di loro, per i 7 rimanenti l’inchiesta prosegue.

In risposta a queste accuse molti donatori – tra cui la Svizzera – avevano sospeso gli aiuti all’UNRWA. Hanno ricominciato a sostenervi sul piano economico?

Oggi tutti questi paesi hanno ripreso il loro sostegno, tranne gli Stati Uniti – che hanno annunciato una sospensione fino a marzo 2025 – e il Regno Unito. Nel frattempo tutti i Paesi europei – che tradizionalmente ci sostenevano – hanno ripreso o aumentato i contributi all’agenzia.

Altri sviluppi
cassetta gialla con piedi di una persona accanto

Altri sviluppi

Due petizioni domandano di sbloccare gli aiuti finanziari destinati all’UNRWA

Questo contenuto è stato pubblicato al Amnesty International Svizzera ha depositato lunedì a Berna due petizioni sostenute da più di 45’000 persone che chiedono al Governo e al Parlamento di sbloccare gli aiuti finanziari destinati all’agenzia dell’ONU per il soccorso dei rifugiati palestinesi (UNRWA) e di impegnarsi per un cessate il fuoco immediato a Gaza.

Di più Due petizioni domandano di sbloccare gli aiuti finanziari destinati all’UNRWA

La Svizzera invece è in una posizione intermedia: il Consiglio federale ha raccomandato al Parlamento di approvare uno stanziamento di 10 milioni di dollari dei consueti 20 milioni all’anno.

UNRWA è un tema che divide in Svizzera. Il mio appello è stato e continua ad essere: continuate la vostra tradizione umanitaria.

Israele le ha negato l’accesso alla Striscia di Gaza e ha accusato l’UNRWA di essere – citiamo – “essenziale per l’apparato terroristico di Hamas”. Lei cosa risponde?

Sono dichiarazioni assolutamente oltraggiose. UNRWA e l’ONU sono già state attaccate nella Striscia di Gaza: più di 190 dipendenti di UNRWA sono stati uccisi, le nostre strutture sono state attaccate, danneggiate. Degli sfollati sono stati uccisi all’interno dei nostri spazi.

C’è stata una totale mancanza di rispetto verso l’ONU, l’azione umanitaria e, di fatto, verso il diritto internazionale umanitario.

Altri sviluppi
Gli aiuti sono destinati unicamente alla popolazione di gaza.

Altri sviluppi

La Svizzera verserà 10 milioni all’UNRWA

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Governo elvetico ha deciso di sbloccare un aiuto finanziaro per l’agenzia dell’ONU, che però dovrà destinare il denaro unicamente a coprire i bisogni più urgenti della popolazione di Gaza.

Di più La Svizzera verserà 10 milioni all’UNRWA

Attualità

Joe Biden

Altri sviluppi

Biden ha il Covid

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha contratto l'infezione ma assicura di sentirsi bene. La notizia rischia però di far aumentare la pressione per un suo possibile ritiro dalla corsa elettorale

Di più Biden ha il Covid
La presidente Viola Amherd (a destra) con alcuni partecipanti al vertice della Comunità politica europea.

Altri sviluppi

Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea

Questo contenuto è stato pubblicato al Si è aperto oggi al Blenheim Palace di Woodstock, comune del sud dell'Inghilterra nei pressi di Oxford, il quarto vertice della Comunità politica europea (CPE).

Di più Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea
Container al porto fluviale di Basilea.

Altri sviluppi

Ripresa del commercio estero svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo un inizio d'anno poco dinamico le esportazioni sono tornate a crescere con vigore nel secondo trimestre.

Di più Ripresa del commercio estero svizzero
Il Tribunale penale federale a Bellinzona.

Altri sviluppi

Algerino rinviato a giudizio per terrorismo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Procura federale il presunto militante dello Stato Islamico (ISIS), la cui domanda d'asilo in Svizzera era stata respinta, progettava un attentato in Francia.

Di più Algerino rinviato a giudizio per terrorismo
Traffico veicolare in una città svizzera.

Altri sviluppi

Radar anti-rumore a Ginevra

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha testato lo scorso anno nella città di Calvino alcuni nuovi apparecchi, nell'ambito di un progetto pilota che ha lo scopo di sanzionare in modo più efficace il rumore eccessivo sulle strade.

Di più Radar anti-rumore a Ginevra
prigionieri di guerra salgono su un bus.

Altri sviluppi

Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

Questo contenuto è stato pubblicato al Russia e Ucraina hanno liberato 95 prigionieri di guerra a testa, a meno di un mese dal precedente scambio.

Di più Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR