La televisione svizzera per l’Italia

Lo svizzero Philippe Lazzarini respinge le richieste di dimissioni dall’UNRWA

Philippe Lazzarini
Phillippe Lazzarini è alla testa dell'UNRWA dal marzo 2020. KEYSTONE/Copyright 2023 The Associated Press. All rights reserved

Dopo le gravi accuse lanciate da Israele, il responsabile dell’agenzia dell’ONU per i profughi palestinesi ha dichiarato lunedì di non avere “intenzioni di dimettersi”.

Il Governo israeliano ha in sostanza accusato l’UNRWA di essere in collusione con Hamas, dopo la scoperta di una galleria sotto la sede centrale dell’organizzazione delle Nazioni Unite nella città di Gaza. Galleria che il movimento islamista avrebbe utilizzato come centro dati per il servizio di intelligence militare. Già dopo il massacro compiuto il 7 ottobre, Gerusalemme aveva indicato che alcuni dipendenti dell’UNRWA sarebbero stati coinvolti nell’attacco a fianco di Hamas.

Domenica il ministro degli esteri israeliano Israel Katz ha chiesto la sostituzione del capo dell’UNRWA. “Non ho intenzione di dimettermi”, ha risposto lunedì lo svizzero Philippe Lazzarini, intervenendo in una conferenza stampa congiunta a Bruxelles insieme al responsabile della diplomazia europea Josep Borrel.

Nel servizio del TG, la notizia e le reazioni da Berna:

Contenuto esterno

“Le indagini sono state già lanciate e stiamo parlando delle azioni di 13 dipendenti su 30’000: l’UNRWA assicurerà la presa di responsabilità individuale, non la punizione collettiva – ha sottolineato Lazzarini. Fermare i lavori dell’UNRWA significa una catastrofe umanitaria a Gaza e nei Paesi del Medio Oriente e questo avrebbe un impatto sulla sicurezza europea: 5,6 milioni di persone dipendono dall’agenzia”.

“Quelle all’Unrwa sono accuse, e ripeto accuse, e vanno provate”, ha dal canto suo affermato Borrel.

Problemi finanziari

L’organizzazione umanitaria dell’ONU è confrontata con seri problemi finanziari, dopo che diversi Paesi occidentali, tra cui in particolare Stati Uniti e Germania, hanno temporaneamente sospeso i pagamenti in seguito alle accuse rivolte da Israele. Complessivamente sono attualmente bloccati 450 milioni di dollari.  “Siamo in trattativa con diversi Paesi per capire quali condizioni devono essere soddisfatte affinché questi fondi siano sbloccati”, ha indicato Lazzarini.

La Svizzera ha temporaneamente sospeso il versamento di 20 milioni di franchi a favore dell’UNRWA, in attesa dei risultati dell’indagine circa l’eventuale coinvolgimento di dipendenti dell’agenzia nell’attacco perpetrato da Hamas il 7 ottobre scorso.

Solo per pagare i suoi 30’000 dipendenti, l’UNRWA ha bisogno di 60 milioni di dollari al mese. Si prevede che a partire da marzo le spese supereranno le entrate.

Attualità

Klaus Schwab durante l'ultimo WEF.

Altri sviluppi

Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

Questo contenuto è stato pubblicato al Klaus Schwab, fondatore del Forum economico mondiale di Davos (WEF) lascia la sua carica di presidente esecutivo. L'86enne lo ha annunciato martedì in una mail allo staff.

Di più Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos
Il monte Fuji e in primo piano il supermercato della catena nipponica.

Altri sviluppi

Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero

Questo contenuto è stato pubblicato al Una cittadina presa d'assalto per la sua vista sul Monte Fuji non ha optato per una tassa ma a pensato a qualcosa di parecchio diverso.

Di più Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero
Un'immagine virtuale di un robot.

Altri sviluppi

Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio dell'Unione europea ha dato il via libera all'AI Act, ovvero alla legge europea sull'intelligenza artificiale che disciplina lo sviluppo, l'immissione sul mercato e l'uso dei sistemi di intelligenza artificiale nell'UE

Di più Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale
L'aula della CEDU.

Altri sviluppi

La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati, non vi è motivo di dare seguito alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'Uomo contro la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale.

Di più La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU
L'etichetta colorata di Nutri-Score.

Altri sviluppi

Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score

Questo contenuto è stato pubblicato al La decisione del numero uno svizzero del commercio al dettaglio è stata fortemente criticata dalla Fondazione per la protezione dei consumatori.

Di più Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score
Il premier Benjamin Netanyahu (sinistra) e il ministro della difesa Yoav Gallant.

Altri sviluppi

Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

Questo contenuto è stato pubblicato al Tutti i partiti israeliani difendono il premier Netanyahu e il ministro della difesa Gallant, accusati di crimini di guerra e contro l’umanità dal procuratore capo della Corte penale internazionale dell'Aia.

Di più Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR