La televisione svizzera per l’Italia

Frontalieri presi di mira dal fisco italiano

Un cantiere al portale sud della Galleria del San Gottardo.
Spesso le Sagl appartengono a piccoli artigiani attivi nell'edilizia. KEYSTONE/© Ti-Press

Roma vuole tassare in Italia i lavoratori frontalieri che sono soci e impiegati di una Sagl ticinese: non verranno più considerati lavoratori dipendenti di una società svizzera, dunque assoggettati all'imposta alla fonte elvetica, bensì come lavoratori indipendenti da tassare in Italia. Se così sarà, la Svizzera chiederà la restituzione dei ristorni versati per questi contribuenti negli ultimi 5 anni.

Roma vuole tassare totalmente in Italia i lavoratori frontalieri che sono soci e impiegati di una Sagl ticinese. Non verranno più considerati lavoratori dipendenti di una società svizzera, dunque assoggettati all’imposta alla fonte elvetica, bensì come lavoratori indipendenti da tassare in Italia. Se così sarà, la Svizzera chiederà la restituzione dei ristorni versati per questi contribuenti per gli ultimi 5 anni.

Da quando è entrato in vigore il nuovo accordo fiscale sui frontalieri (17 luglio 2023), Roma ha preso diverse iniziative unilaterali che prendono di mira i lavoratori italiani attivi in Svizzera.

Altri sviluppi
Monete e banconote svizzere su un tavolo.

Altri sviluppi

Qual è davvero la differenza di stipendio tra nuovi e vecchi frontalieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Cifre alla mano la differenza di stipendio tra vecchi e nuovi frontalieri è evidente, soprattutto per i salari medio alti, tanto da spingere i potenziali nuovi frontalieri a rifiutare le offerte di lavoro ticinesi.

Di più Qual è davvero la differenza di stipendio tra nuovi e vecchi frontalieri

Oltre al nuovo regime fiscale che obbliga i nuovi frontalieri a pagare l’IRPEF in Italia, c’è la cosiddetta tassa sulla salute, non ancora a regime, che vuole imporre un balzello a carico dei vecchi frontalieri con lo scopo di offrire un “bonus frontiera” ai professionisti italiani del settore sanitario che lavorano negli ospedali di confine. Tutto questo per limitare il loro l’esodo verso la Svizzera.

Ridurre l’attrattività del mercato del lavoro svizzero

Inoltre, il telelavoro, ridotto su precisa richiesta dell’Italia (secondo l’accordo solo il 25% del tempo complessivo di lavoro può essere fatto da remoto. In verità l’Italia proprio non ne voleva sapere di telelavoro), penalizza i datori di lavoro svizzeri rendendo peno appetibile un impiego in Ticino, fino ad arrivare alla riforma della fiscalità internazionale che potrebbe mettere in causa lo statuto stesso del frontaliere. Roma vorrebbe infatti assoggettare tutti i lavoratori e le lavoratrici transnazionali al regime tributario italiano per blindare così il mercato del lavoro interno a tutela dell’economia lombarda e piemontese.

Altri sviluppi

Su quest’onda non propriamente pacifica su cui navigano i rapporti tra Italia e Svizzera, a fine febbraio 2024 il parlamentare federale ticinese del Centro, Giorgio Fonio ha presentato un’interpellanzaCollegamento esterno dal titolo emblematico: “Quali possibilità d’intervento nei confronti di misure unilaterali in materia fiscale da parte dell’Italia?”

Preoccupato il parlamentare Giorgio Fonio, originario del Mendrisiotto, ovvero della regione ticinese direttamente a ridosso del Comasco e del Varesotto, scrive nella sua interpellanza che “negli scorsi mesi in Italia sono state avanzate varie proposte a più livelli istituzionali, volte nelle intenzioni a tutelare il proprio mercato del lavoro nelle zone di confine”. [quelle che abbiamo citato sopra, ndr.]

Tassare da indipendenti i frontalieri soci di un Sagl in Ticino

Nella sua interpellanza Fonio aggiunge che “vi è notizia di attività d’indagine intrapresa dall’Italia nei confronti dei frontalieri che risultano anche titolari di Sagl in Svizzera, specie in Ticino”.

Vediamo di cosa si tratta.

Giorgio Fonio ha portato all’attenzione del Governo federale alcune proposte avanzate a livello istituzionale in Italia che riguardano i frontalieri che risultano anche titolari di Sagl – Società a garanzia limitata – in Svizzera, in particolare in Ticino.

Scopo di questa iniziativa italiana, secondo il deputato, sarebbe quello di imporre in Italia i redditi di questi contribuenti che non dovrebbero quindi più essere considerati frontalieri, e cioè dipendenti, ma indipendenti.

Su questi redditi, questi lavoratori frontalieri hanno comunque già regolarmente pagato l’imposta alla fonte in Ticino. E lo stesso Cantone ha pure versato a Roma i cosiddetti ristorni (ovvero il 40% delle imposte alla fonte pagate in Svizzera dai lavoratori frontalieri).

Giorgio Fonio ricorda poi che i periodi fiscali di riferimento considerati dal Governo italiano sarebbero gli ultimi cinque. Questa operazione, sempre secondo il consigliere nazionale, “comporterebbe la disapplicazione dell’Accordo sulla fiscalità dei frontalieri e il regime impositivo ancora recentemente concordato”.

La risposta del Consiglio federale

Alle perplessità di Fonio, il Consiglio federale ha risposto, mercoledì primo maggio, di conoscere e seguire la tematica “dell’imposizione in Italia dei soci che sono al contempo impiegati della loro Sagl secondo il diritto svizzero”.

Altri sviluppi
Il valico doganale di Campocologno nella Valposchiavo.

Altri sviluppi

Vecchi frontalieri e la controversa lista dei comuni di confine

Questo contenuto è stato pubblicato al I vecchi frontalieri della provincia di Sondrio non sono riconosciuti come tali dal Canton Ticino. Bellinzona non vuole versare per questi lavoratori parte del gettito fiscale ai comuni della provincia. Un problema di interpretazione delle norme nato nel lontano 1974.

Di più Vecchi frontalieri e la controversa lista dei comuni di confine

Un tema, aggiunge il Governo federale, affrontata nella riunione tenutasi nel settembre 2023 ad AsconaCollegamento esterno nel quadro dell’incontro annuale previsto dall’Accordo del 1974 tra la Svizzera e l’Italia relativo all’imposizione dei lavoratori frontalieri ed alla compensazione finanziaria a favore dei Comuni italiani di confine.

Da un punto di vista meramente tecnico, secondo il Governo, si tratta di un “conflitto di qualificazione” che si verifica abbastanza frequentemente nell’ambito dell’applicazione di convenzioni per evitare le doppie imposizioni.

In questo caso le autorità fiscali italiane “riqualificano” il reddito derivante da un’attività lucrativa dipendente che il contribuente ha conseguito come impiegato della sua Sagl come reddito derivante da un’attività lucrativa indipendente. Così facendo possono tassare il frontaliere in Italia.

Se così dovessero andare le cose, ma la “riqualificazione” può avvenire unicamente nel quadro di un colloquio bilaterale tra Italia e Svizzera, il Governo federale – come auspicato da Giorgio Fonio nella sua interpellanza – chiederà una corrispondente restituzione o compensazione per i ristorni versati per questi contribuenti.

Attualità

Benjamin Netanyahu.

Altri sviluppi

Manifestazioni in Israele dopo il video delle soldatesse rapite

Questo contenuto è stato pubblicato al In Israele il gabinetto di guerra ha dato il via libera alla ripresa dei negoziati per la liberazione degli ostaggi detenuti da Hamas e un cessate il fuoco a Gaza.

Di più Manifestazioni in Israele dopo il video delle soldatesse rapite
Bambino nascosto sotto le coperte del letto

Altri sviluppi

Lo stress è il principale fattore di rischio sul lavoro in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al L'indagine nazionale sulla salute rivela quali sono i pericoli più frequenti che lavoratori e lavoratrici incontrano quotidianamente. Nel complesso, ristorazione, edilizia e sanità sono i settori più vulnerabili.

Di più Lo stress è il principale fattore di rischio sul lavoro in Svizzera
tessere casse malati

Altri sviluppi

“Aumento del 6% dei premi dell’assicurazione malattia nel 2025”

Questo contenuto è stato pubblicato al Il portale di comparazione online Comparis ha previsto un aumento medio del 6% dei premi dell'assicurazione sanitaria di base per il 2025. In certe regioni l'incremento potrebbe superare il 10%.

Di più “Aumento del 6% dei premi dell’assicurazione malattia nel 2025”
Il primo ministro britannico Rishi Sunak.

Altri sviluppi

Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio

Questo contenuto è stato pubblicato al La convocazione è anticipata così di circa 6 mesi rispetto alla scadenza naturale della legislatura.

Di più Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio
Un neonato accudito dal padre.

Altri sviluppi

Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il progetto da 24 settimane accolto dal popolo ginevrino non può entrare per ora in vigore: è incompatibile con il diritto federale.

Di più Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere
Bandiera palestinese.

Altri sviluppi

Spagna, Norvegia e Irlanda riconoscono la Palestina

Questo contenuto è stato pubblicato al I tre Paesi europei hanno annunciato che martedì prossimo riconosceranno lo Stato palestinese. Salgono così a undici gli Stati del Vecchio Continente a fare questo passo.

Di più Spagna, Norvegia e Irlanda riconoscono la Palestina

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR