La televisione svizzera per l’Italia

La Legge sul CO2 torna in Parlamento

gas di scarico di auto incolonnate
La Svizzera deve ridurre le emissioni entro il 2030. Keystone/gaetan Bally

Si torna a discutere della Legge sul CO2 in Parlamento, due anni dopo che la popolazione l'ha respinta alle urne.

Due anni dopo la bocciatura da parte della popolazione svizzera, la revisione della Legge sul CO2 torna per la prima volta in Parlamento. La Svizzera ha bisogno di una nuova politica climatica per gli anni 2025-2030 e lunedì il Consiglio degli Stati (la Camera alta del Parlamento elvetico) ha approvato tacitamente la nuova legge sul CO2, che non prevede nuove tasse. Il suo obiettivo è applicare quanto prevede l’Accordo sul clima di Parigi. Il progetto è sostenuto dalla maggioranza, ma non mancano i punti controversi.

Contenuto esterno

“È la prima tappa, dopo il sì alla legge sulla protezione del clima, verso il raggiungimento della neutralità climatica”, ha dichiarato il consigliere federale Albert Rösti, capo del Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC).

Entro il 2030 sono previsti investimenti per oltre 4 miliardi di franchi, dei quali quasi il 75% è destinato al risanamento degli edifici. Nel settore dei trasporti aerei si dovrà aggiungere carburante rinnovabile al cherosene importato in Svizzera, mentre 800 milioni dovranno servire per mettere a disposizione di chi deciderà di guidare un’auto elettrica un numero sufficiente di stazioni di ricarica. Con la revisione della legge inoltre dovranno essere importati autoveicoli nuovi più efficienti, in linea con le regole dell’UE.

+ La crescita delle fonti rinnovabili è troppo lenta in Svizzera

Quest’ultimo punto – ma non solo – ha fatto discutere, come pure la domanda in che misura dev’essere possibile compensare le emissioni di CO2 all’estero. Per il consigliere agli stati lucernese Damien Müller, “Le riduzioni devono avvenire prioritariamente con misure in Svizzera, ma devono poter essere fissate dal Consiglio federale per ordinanza in modo da garantire una certa flessibilità”.

La sua proposta è stata accolta per pochi voti, poiché i e le rappresentanti del Centro e della sinistra volevano fissare al 75% le riduzioni in Svizzera: “Le misure previste da questa legge sono troppo poco ambiziose, tra il 2025 e il 2030 oltre la metà delle riduzioni di gas serra avverrà acquistando certificati per progetti all’estero”, ha detto la rappresentante ginevrina dei Verdi Lisa Mazzone.

Il confronto tra chi, dopo la votazione del 2021, non vuole caricare troppo la legge, e chi teme un eccessivo indebolimento si sposta ora al Nazionale.

Attualità

Joe Biden

Altri sviluppi

Biden ha il Covid

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha contratto l'infezione ma assicura di sentirsi bene. La notizia rischia però di far aumentare la pressione per un suo possibile ritiro dalla corsa elettorale

Di più Biden ha il Covid
La presidente Viola Amherd (a destra) con alcuni partecipanti al vertice della Comunità politica europea.

Altri sviluppi

Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea

Questo contenuto è stato pubblicato al Si è aperto oggi al Blenheim Palace di Woodstock, comune del sud dell'Inghilterra nei pressi di Oxford, il quarto vertice della Comunità politica europea (CPE).

Di più Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea
Container al porto fluviale di Basilea.

Altri sviluppi

Ripresa del commercio estero svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo un inizio d'anno poco dinamico le esportazioni sono tornate a crescere con vigore nel secondo trimestre.

Di più Ripresa del commercio estero svizzero
Il Tribunale penale federale a Bellinzona.

Altri sviluppi

Algerino rinviato a giudizio per terrorismo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Procura federale il presunto militante dello Stato Islamico (ISIS), la cui domanda d'asilo in Svizzera era stata respinta, progettava un attentato in Francia.

Di più Algerino rinviato a giudizio per terrorismo
Traffico veicolare in una città svizzera.

Altri sviluppi

Radar anti-rumore a Ginevra

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha testato lo scorso anno nella città di Calvino alcuni nuovi apparecchi, nell'ambito di un progetto pilota che ha lo scopo di sanzionare in modo più efficace il rumore eccessivo sulle strade.

Di più Radar anti-rumore a Ginevra
prigionieri di guerra salgono su un bus.

Altri sviluppi

Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

Questo contenuto è stato pubblicato al Russia e Ucraina hanno liberato 95 prigionieri di guerra a testa, a meno di un mese dal precedente scambio.

Di più Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR