La televisione svizzera per l’Italia

Maggiore margine di manovra al Governo elvetico per l’export di armi

sistema antiaereo svizzero
Una deroga necessaria, secondo il Governo. KEYSTONE/© KEYSTONE / GAETAN BALLY

Il Consiglio federale deve poter derogare ai criteri di autorizzazione per l'export di materiale bellico in caso di eventi straordinari e per preservare gli interessi del Paese. Lo prevede una modifica di legge inviata mercoledì in consultazione fino al 4 settembre.

Una modifica della legge federale sul materiale bellico messa in consultazione dal Governo elvetico fino al 4 settembre prevede un maggiore margine di manovra per il Consiglio federale nelle esportazioni di materiale bellico.

Viene così dato seguito a una mozione presentata un anno fa, promossa dagli ambienti borghesi, ma combattuta dalla sinistra. Per i primi, una deroga è necessaria tenuto conto dei cambiamenti nella situazione geopolitica mondiale. Ma anche per cercare di evitare reazioni negative, come quella della Germania che, quando si è vista negare il permesso di riesportare verso l’Ucraina armamenti acquistati in Svizzera, aveva minacciato di non acquistare più materiale bellico prodotto nella Confederazione.

Per la minoranza che si era opposta (composta da sinistra e Partito verde liberale PVL), un cambiamento del controprogetto all’iniziativa popolare “Contro l’esportazione di armi in Paesi teatro di guerre civili (Iniziativa correttiva)”, approvato appena tre anni fa, è antidemocratico.

Mantenuti gli obblighi internazionali

Se la modifica dovesse essere accettata, gli obblighi internazionali della Confederazione e i principi della sua politica estera dovrebbero comunque essere ancora rispettati: la facoltà di deroga non potrà né essere applicata alle esportazioni di materiale bellico che violano il diritto della neutralità in un contesto di conflitto armato internazionale né essere utilizzata per autorizzare esportazioni verso Paesi che violano in modo grave e sistematico i diritti umani.

Stando all’Esecutivo, però, il margine di manovra richiesto è necessario per consentire la salvaguardia degli interessi essenziali di politica estera e di sicurezza in presenza di eventi straordinari e di garantire in questo modo il mantenimento, in Svizzera, di una capacità industriale adeguata alle esigenze della sua difesa nazionale.

Attualità

Klaus Schwab durante l'ultimo WEF.

Altri sviluppi

Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

Questo contenuto è stato pubblicato al Klaus Schwab, fondatore del Forum economico mondiale di Davos (WEF) lascia la sua carica di presidente esecutivo. L'86enne lo ha annunciato martedì in una mail allo staff.

Di più Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos
Il monte Fuji e in primo piano il supermercato della catena nipponica.

Altri sviluppi

Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero

Questo contenuto è stato pubblicato al Una cittadina presa d'assalto per la sua vista sul Monte Fuji non ha optato per una tassa ma a pensato a qualcosa di parecchio diverso.

Di più Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero
Un'immagine virtuale di un robot.

Altri sviluppi

Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio dell'Unione europea ha dato il via libera all'AI Act, ovvero alla legge europea sull'intelligenza artificiale che disciplina lo sviluppo, l'immissione sul mercato e l'uso dei sistemi di intelligenza artificiale nell'UE

Di più Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale
L'aula della CEDU.

Altri sviluppi

La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati, non vi è motivo di dare seguito alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'Uomo contro la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale.

Di più La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU
L'etichetta colorata di Nutri-Score.

Altri sviluppi

Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score

Questo contenuto è stato pubblicato al La decisione del numero uno svizzero del commercio al dettaglio è stata fortemente criticata dalla Fondazione per la protezione dei consumatori.

Di più Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score
Il premier Benjamin Netanyahu (sinistra) e il ministro della difesa Yoav Gallant.

Altri sviluppi

Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

Questo contenuto è stato pubblicato al Tutti i partiti israeliani difendono il premier Netanyahu e il ministro della difesa Gallant, accusati di crimini di guerra e contro l’umanità dal procuratore capo della Corte penale internazionale dell'Aia.

Di più Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR