Navigation

Via alla campagna per limitare il commercio bellico

Per i promotori dell'iniziativa, affari come questo nuocciono alla neutralità e alla politica di pace della Svizzera. © KEYSTONE / EQ IMAGES / Moritz Hager

I sostenitori dell'iniziativa popolare 'Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico' hanno lanciato giovedì la loro campagna di informazione in vista della votazione del 29 novembre, quando gli svizzeri saranno chiamati alle urne per decidere se porre un limite agli investimenti in armi da parte di istituzioni e fondazioni.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 ottobre 2020 - 13:45

L'iniziativa propone di modificare la Costituzione federale affinché sia vietato alla Banca nazionale svizzera (BNS), alle Casse pensione e alle fondazioni investire in imprese che realizzano oltre il 5% del loro giro d'affari annuo con la fabbricazione di materiale bellico.

Lanciata dal Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE), l'iniziativa ha raccolto 104'612 firme.

End of insertion

Per il comitato di sostegno, che ha lanciato ufficialmente giovedì a Berna la propria campagna, dire sì all'iniziativa contro il commercio bellico significa contribuire a forgiare un modo più pacifico e contrastare una delle cause che spingono milioni di persone a fuggire dal loro Paese.

Lo slogan della campagna: 'Il denaro svizzero uccide'. Keystone / Anthony Anex

Secondo il Consiglio federale (governo) e il Parlamento, la proposta del GSsE va bocciata poiché limita eccessivamente la libertà di manovra della BNS (che come banca centrale deve perseguire in primis la stabilità dei prezzi e le condizioni affinché l'economia possa svilupparsi) degli istituti previdenziali (chiamati a garantire le rendite) e delle fondazioni. Al contempo, l'iniziativa danneggerebbe il settore finanziario e l'industria elvetica.

I sostenitori dell'iniziativa ritengono per contro che l'export di armi fabbricate in Svizzera eroda la neutralità della Svizzera, sia in contrasto con i suoi principi (e la sua politica estera) volti alla soluzione pacifica dei conflitti e nuoccia, in definitiva, alla credibilità del Paese.

Contenuto esterno
Contenuto esterno

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 01.10.2020)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.