La televisione svizzera per l’Italia

Lo Swiss made convince i mercati mondiali

Un laboratorio di Roche a Basilea.
Il settore chimico-farmaceutico rappresenta più del 50% delle esportazioni svizzere nel mondo. Keystone / Martin Ruetschi

Il settore chimico-farmaceutico e quello delle macchine ed elettronica trainano le esportazioni elvetiche che in questo primo trimestre dell’anno sono tornate a crescere dopo una lieve flessione negli ultimi messi dello scorso anno.

Nei primi tre mesi dell’anno la Confederazione ha esportato merci per un valore di 67.8 miliardi di franchi, mancando di poco il record assoluto di 68 miliardi del terzo trimestre del 2022. Si tratta comunque di un aumento del 3,9% rispetto ai 90 giorni precedenti.

La bilancia commerciale elvetica chiude positiva con un’eccedenza di 8,3 miliardi di franchi, non un record, considerato che anche le importazioni sono aumentate dell’1.1% fissandosi a 59,5 miliardi.

Sono tutti dati pubblicati martedì dall’Ufficio federale delle dogane e della sicurezza dei confiniCollegamento esterno (l’ex Amministrazione federale delle dogane).

+Esportazioni da record di materiale bellico svizzero

Come sempre, è il settore chimico-farmaceutico a trainare le esportazioni svizzere. Anche in questo primo trimestre, la metà del valore delle merci vendute all’estero (34,6 miliardi, +4,5%) è ad appannaggio di questo settore. Seguono le macchine e l’elettronica (8,5 miliardi, +2%), l’orologeria (6,6 miliardi, +5,3%), che segna un picco storico e gli strumenti di precisione (4,5 miliardi, +1,9%).

Dove vanno i prodotti elvetici?

Il continente più importante per il ‘Made in Switzerland’ rimane l’Europa (+6,5% a 39,0 miliardi), dominato dalla Germania (+0,5% a 11,1 miliardi), dall’Italia (+0.8% a 5,1 miliardi) e dalla Francia (-1,1% a 3,9 miliardi). Salgono anche l’Asia (+2,9% a 14,7 miliardi), con la Cina meno dinamica (+0,1 a 3,7 miliardi) ma con Hong Kong che fa segnare un +39,7%  a 1,5 miliardi di franchi. Le esportazioni sono aumentate anche in Nordamerica (+5,4% a 14,2 miliardi), in cui la fanno da padrone gli Usa (+5,7% a 13,1 miliardi), che sono diventati da qualche tempo il paese numero uno per le esportazioni svizzere.

Anche sul fronte delle importazioni il settore più importante è sempre quello chimico-farmaceutico (+5,8% a 17,2 miliardi), seguito da macchine ed elettronica (+0,6% a 9,2 miliardi), veicoli (+7,2% a 5,4 miliardi), prodotti energetici (-11,5% a 4,6 miliardi), metalli (-3,7% a 4,4 miliardi) e derrate alimentari (+0,7% a 3,3 miliardi).

Commercio estero con la Russia

Le importazioni dalla Russia ammontavano a 769 milioni di franchi svizzeri. Di questo totale, 565 milioni di franchi svizzeri derivano dall’importazione di oro di origine russa attraverso il Regno Unito. Questi arrivi di oro, segnalano le autorità doganali, soddisfacevano le condizioni applicabili al momento dell’importazione. 

Attualità

robot che giocano a calcio

Altri sviluppi

In netta crescita il numero di nuove imprese in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel primo semestre del 2023 sono state iscritte nel registro di commercio svizzero 27'329 nuove aziende, ossia il 3% in più rispetto a un anno fa.

Di più In netta crescita il numero di nuove imprese in Svizzera
Carcerato palestinese prega dietro le sbarre a Gaza.

Altri sviluppi

L’inferno delle carceri israeliane

Questo contenuto è stato pubblicato al Abusi, trattamenti degradanti, pazienti incatenati ai letti. È la denuncia di un informatore israeliano che ha lavorato nell’infermeria di un carcere dove l'IFD - l’esercito dello Stato ebraico - imprigiona le persone catturate nella Striscia di Gaza.

Di più L’inferno delle carceri israeliane
Studenti davanti al computer.

Altri sviluppi

Liceo, quattro anni per tutti

Questo contenuto è stato pubblicato al La riforma vuole uniformare in tutta la Confederazione la durata dei corsi alle scuole superiori per l'ottenimento della maturità.

Di più Liceo, quattro anni per tutti
Tessere sanitarie su un tavolo.

Altri sviluppi

Emergenza sanitaria, gli assicuratori vogliono parlare all’unisono

Questo contenuto è stato pubblicato al In vista di un nuovo sistema tariffario, voluto dal Governo per tentare di calmierare la spesa sanitaria, le assicurazioni hanno deciso di creare una nuova organizzazione unitaria che ponga fine all'attuale duopolio.

Di più Emergenza sanitaria, gli assicuratori vogliono parlare all’unisono
Il ristorante a Muri (AG) verso cui si sono rivolte le attenzioni degli inquirenti.

Altri sviluppi

Mafie, condannato in Italia ristoratore argoviese

Questo contenuto è stato pubblicato al L'imputato era sospettato di legami con la cosca calabrese Anello-Fruci di Vibo Valenzia. In precedenza erano stati inflitti 11 anni a operaio comunale del Luganese.

Di più Mafie, condannato in Italia ristoratore argoviese
vigile del fuoco davanti a una palazzina

Altri sviluppi

Fuochi di artificio all’origine dell’esplosione nel Canton Argovia

Questo contenuto è stato pubblicato al L'esplosione che ha devastato un parcheggio sotterraneo e parte di una palazzina a Nussbaumen è dovuta alla manipolazione e allo stoccaggio non corretti di grandi quantità di materiale pirotecnico importato illegalmente in Svizzera.

Di più Fuochi di artificio all’origine dell’esplosione nel Canton Argovia
schede elettorali

Altri sviluppi

Elezioni federali 2023: immigrazione e potere d’acquisto sono stati i temi più popolari

Questo contenuto è stato pubblicato al In occasione delle ultime elezioni svizzere, le preoccupazioni dell'elettorato riguardavano soprattutto l'asilo, l'immigrazione e il potere d'acquisto. Ad approfittarne sono stati soprattutto l'Unione democratica di centro e il Partito socialista.

Di più Elezioni federali 2023: immigrazione e potere d’acquisto sono stati i temi più popolari
uomo

Altri sviluppi

In Svizzera la scuola inclusiva “ha fallito”

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente del PLR Thierry Burkart ha chiesto l'abolizione della scuola inclusiva. "Ha fallito", ha dichiarato in un'intervista pubblicata oggi dalle testate del gruppo Tamedia.

Di più In Svizzera la scuola inclusiva “ha fallito”

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR