Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Alcol isopropilico Export controverso dalla Svizzera alla Siria

Primo piano dell'etichetta di due contenitori della sostanza incriminata

È sulla lista delle sostanze chimiche sotto embargo stilata dall'UE nei confronti di Damasco.

(RSI-SWI)

Nel 2014, la Svizzera autorizzò l'esportazione verso la Siria di alcol isopropilico. Una vendita avvenuta nel rispetto delle leggi che pone però qualche interrogativo: il prodotto, di largo impiego, è un possibile precursore del gas sarin.

La vicenda, rivelata martedì dalla Radiotelevisione svizzera di lingua francese RTSLink esterno, è stata confermata dalla Segreteria di Stato dell'economiaLink esterno (Seco).

Destinataria della fornitura di 5 tonnellate di isopropanolo, per la quale la ditta svizzera esportatrice presentò domanda nel maggio 2014, era un'azienda farmaceutica siriana.

Il composto chimico -che è alla base di prodotti per la pulizia e disinfettanti, ma può essere impiegato anche nella produzione di un gas nervino letale- fu autorizzato a prendere la via della Siria nel novembre 2014.

Seco: "nessun sospetto", Amnesty: "ingenui"

Sei mesi prima, l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche aveva annunciato che la missione internazionale per la distruzione delle riserve di isopropanolo del governo siriano era stata portata a termine con successo.

Allora perché, dare il nulla osta proprio per quella sostanza? "La Seco, allora come oggi, non è a conoscenza di prove che dimostrino il legame di questa ditta con il regime siriano", fa sapere per iscritto la Segreteria di Stato.

Secondo Amnesty International Svizzera, tuttavia, la situazione nel Paese non consente di considerare l'affare una semplice transazione tra ditte private.

(1)

Servizio del TG sull'autorizzazione all'esportazione di isopropanolo dalla Svizzera alla Siria nel 2014

"È una spiegazione piuttosto strana", dice il portavoce Beat Gerber, "in un caso come la Siria, dove infuria una guerra civile, e dove c'è un regime che non esita a utilizzare armi proibite per colpire la propria popolazione. Ritenere questo paese un partner commerciale normale di cui ci si può fidare, è piuttosto naif".

Composto precluso al regime siriano

L'alcol isopropilico compare dal 2013 sulla lista delle sostanze chimiche sotto embargo stilata dall'UE nei confronti di Damasco. Sanzioni adottate anche dalla Svizzera, scrive la Seco, ma in alcuni casi non applicate in modo identico per via di norme specifiche, come la legge sul controllo dei beni a duplice impiegoLink esterno.

La Seco afferma tuttavia che sebbene il controllo dell'esportazione effettuato nel 2014 non abbia dato "motivo di sospettare un eventuale abuso", oggi –alla luce delle notizie più recenti- tali esportazioni sarebbero quasi certamente bloccate.

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 24.04.2018)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box