La televisione svizzera per l’Italia

I paperoni della Banca nazionale svizzera

Il presidente dellla BNS Thomas Jordan, il vicepresidente Martin Schlegel e Andréa Maechler.
Il presidente dellla BNS Thomas Jordan, il vicepresidente Martin Schlegel e Andréa Maechler. KEYSTONE/© KEYSTONE / MICHAEL BUHOLZER

La Banca nazionale svizzera è la numero uno al mondo in quanto a retribuzione dei suoi dirigenti. I tre membri della direzione guadagnano sei volte quanto il presidente della Federal Reserve, la più importante banca centrale del pianeta.

Lo dicono le cifre nude e crude. Ecco quanto hanno percepito lo scorso anno il presidente della Banca nazionale svizzera (BNS) Thomas Jordan (1,29 milioni), il vicepresidente Martin Schlegel (1,26 milioni) e Andréa Maechler (0,84 milioni), che è peraltro rimasta in carica solo sino a fine giugno (è stata sostituita da Antoine Martin, entrato in funzione il primo gennaio 2024). La somma si compone di stipendio, compensi vari, nonché contributi del datore di lavoro a schemi previdenziali e pensione.

In base alle retribuzioni in vigore il lavoro dei direttori della BNS vale circa il triplo di quello di un consigliere federale (che incassa oggigiorno 473’000 franchi) e 16 volte quello di un stipendiato medio elvetico (i dati, relativi al 2022, sono stati pubblicati proprio oggi dall’Ufficio federale di statistica).

Altri sviluppi

Contrariamente alle retribuzioni elargite ai top manager delle aziende elvetiche, che trovano a volte corrispettivi anche in analoghe realtà estere, specialmente americane, le remunerazioni delle BNS sono inoltre di gran lunga le più elevate al mondo fra quelle dei grandi banchieri centrali, stando ai dati (non per forza del 2023: conta l’ordine di grandezza) reperibili sulla stampa.

A titolo di paragone, il presidente della Federal Reserve americana Jerome Powell si accontenta di circa 226’000 dollari, circa 200’000 franchi al cambio attuale, cioè sei volte di meno. La presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde guadagna più di lui, ma non va oltre i 428’000 euro (stipendio base, ci sono poi alcune indennità), mentre il presidente della Bundesbank tedesca Jens Weidmann guadagna 481’000 euro all’anno.

Va peraltro sottolineato che sia Powell che Lagarde hanno anche una posizione molto più esposta dei corrispettivi dirigenti elvetici: le loro parole sono in grado di cambiare notevolmente i corsi sui mercati finanziari, con effetti a cascata per ampi segmenti dell’economia mondiale.

+ Cambio in vista alla testa della Banca nazionale

Il tema degli stipendi dei manager delle aziende legate alla Confederazione quali Swisscom, FFS, La Posta, Ruag, Suva, Skyguide e SRG SSR finisce regolarmente nell’agenda politica. Scarsa discussione suscitano per contro i compensi alla BNS.

Pur essendo anche quotata in borsa, la BNS può essere considerata un’impresa para-pubblica: è una società anonima retta da norme speciali (in particolare la Legge sulla Banca nazionale) e amministrata con il concorso e sotto la sorveglianza della Confederazione. Alla fine di dicembre i cantoni e le banche cantonali detenevano il 50,9% del capitale azionario e il 76,8% delle azioni con diritto di voto. La Confederazione non è azionista.

Attualità

Trump nel Bronx

Altri sviluppi

Trump nel Bronx per trovare sostenitori

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel distretto newyorchese, abitato soprattutto da ispanici e afroamericani, l'ex presidente ha trovato diversi sostenitori.

Di più Trump nel Bronx per trovare sostenitori
binari in tunnel

Altri sviluppi

Tunnel di base del San Gottardo, sostituiti sette chilometri di binari

Questo contenuto è stato pubblicato al Dall'inizio dei lavori di riparazione lo scorso ottobre, sono stati sostituiti sette chilometri di binari nel tunnel ferroviario di base del San Gottardo ed è attualmente in corso l'installazione di un nuovo portone di cambio binario, indicano le FFS.

Di più Tunnel di base del San Gottardo, sostituiti sette chilometri di binari
dottoressa esamina orecchio di una paziente

Altri sviluppi

Entro il 2033 mancheranno più di 2’300 medici in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Nei prossimi 10 anni la medicina interna generale perderà il 44% degli impieghi a tempo pieno principalmente a causa dei pensionamenti e della riduzione dei tassi di occupazione.

Di più Entro il 2033 mancheranno più di 2’300 medici in Svizzera

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR