La televisione svizzera per l’Italia

La vita quotidiana di Papa Francesco

Giovani che si fanno un selfie con Papa Francesco
Papa Francesco ha deciso di vivere a Santa Marta per essere più vicino alla gente. Keystone / Fabio Frustaci

Vi siete mai chiesti come scandisce le sue giornata il Pontefice nella sua residenza vaticana? Qui troverete molte risposte. Sappiate che una sola parola d’ordine è di casa a Santa Marta, dove risiede il Papa: normalità.

Entrare a Santa Marta, nella residenza vaticana poco distante dalla porta del Perugino dove Francesco ha deciso di abitare da quando il 13 marzo del 2013 è stato eletto al soglio di Pietro, è un po’ come entrare in un albergo. In una hall posta al piano terreno, infatti, c’è una reception che accoglie chi arriva. Sì perché ancora oggi, insieme al Papa, cardinali e vescovi di passaggio a Roma possono chiedere ospitalità in quella che sotto il pontificato di Giovanni Paolo II era nata come casa di accoglienza per presuli e porporati di tutto il mondo e che oggi, con Francesco fra i suoi residenti, non ha perso del tutto il scopo originario.

La vita del vescovo di Roma che per primo ha rinunciato all’appartamento papale posto in cima al palazzo apostolico è cadenzata dalla particolare struttura di Santa Marta, un luogo dove il via vai è continuo: Francesco ha scelto di vivere a contatto con più persone possibili, per non isolarsi, per non divenire, così ha spiegato più volte lui stesso, irraggiungibile.

Contenuto esterno

Le estati in Vaticano

Papa Bergoglio non lascia mai la residenza per lunghi periodi. A parte in occasione dei viaggi apostolici, ama trascorrere il suo tempo in casa. Anche d’estate, come del resto faceva a Buenos Aires, trascorre nel mese di luglio un periodo di riposo a Santa Marta. Per questo, del resto, ha fatto diventare la residenza estiva di Castelgandolfo un museo.

Quando era arcivescovo di Buenos Aires un anno fu costretto a trascorrere l’estate in curia. Si riposò maggiormente delle altre estati in cui era andato fuori. Da quel momento decise che avrebbe trascorso tutti i periodi di vacanza a casa, riposandosi, studiando e continuando ad incontrare gente. Ancora oggi, è soprattutto nei periodi in cui le udienze ufficiali sono sospese che può incontrare amici e conoscenti. Il confronto è per lui necessario per poi prendere le giuste decisioni di governo. Bergoglio, infatti, ascolta sempre più persone possibili, per poi decidere da solo.

La sveglia

Tutti i giorni dell’anno Francesco si alza prima delle cinque del mattino, di solito alle 4.45. Le prime ore sono dedicate alla meditazione della Scrittura, fino alla Messa delle sette. Nei primi anni di pontificato a questa Messa erano invitati anche gruppi di persone. Adesso è divenuta una celebrazione privata. A Messa è sempre presente monsignor Tino Scotti. Originario di Cologno al Serio, è capo ufficio della Prima sezione della Segreteria di Stato. È l’unico dei suoi collaboratori a non essere stato cambiato.

Il Papa, infatti, non ha segretari particolari. Preferisce avere dei collaboratori che poi, dopo un po’ di anni, tornano ai servizi che svolgevano precedentemente. In questo modo non si creano quei cortocircuiti che si sono verificati nei pontificati degli ultimi decenni quando don Stanislao Dziwisz prima, don Georg Gänswein dopo, sono inevitabilmente diventati delle sorti di imbuti entro i quali ogni richiesta al Papa doveva necessariamente passare.

La prima colazione

Dopo Messa Francesco si concede una colazione, nel refettorio della residenza. È qui che coloro che sono ospiti della struttura trovano il Papa seduto a uno dei tavoli del refettorio come uno dei tanti commensali. Il Papa non ha un tavolo riservato. Siede dove capita, amando scambiare quattro parole con chiunque sia presente.

Solo il pranzo della domenica, solitamente, lo fa con i dipendenti di Santa Marta presenti. Il refettorio ha a fianco una grossa cucina. Può capitare che durante le giornate sia lo stesso pontefice ad entrare per chiedere di preparare o per preparare lui stesso un caffè per qualche suo ospite che lo desidera.

La stanza

A Santa Marta Francesco abita in una semplice stanza con a fianco uno studio dotato di poltrona e scrivania in legno. Ci sono due armadi, un frigo, una credenza e una poltroncina per gli ospiti. La camera ha un letto singolo in legno, una sedia, un appendiabiti. Vi è un bagno con doccia e specchiera in legno bianco.

Vicino c’è anche un salottino che Francesco usa per ricevere informalmente, cioè fuori dalle udienze ufficiali, le persone che desidera. È qui che sono avvenuti alcuni degli incontri più curiosi del suo pontificato: qualche mese fa l’udienza ad Elon Musk con i suoi figli. Ma anche tante persone anonime, molte accomunate da storie difficili alle spalle alle quali il Papa ha voluto dare un suo personale conforto.

I cartelli

È appena fuori dalla sua stanza, nel corridoio dove gli ospiti attendono di incontrarlo, che Francesco ha appeso un cartello eloquente. Vi si legge: «Vietato lamentarsi». E ancora: «I trasgressori sono soggetti da una sindrome da vittimismo con conseguente abbassamento del tono dell’umore e della capacità di risolvere i problemi. La sanzione è raddoppiata qualora la violazione sia commessa in presenza di bambini». E conclude: «Per diventare il meglio di sé bisogna concentrarsi sulle proprie potenzialità e non sui propri limiti quindi: smettila di lamentarti e agisci per cambiare in meglio la tua vita».

Nell’ascensore, invece, che dal piano terreno porta alla sua stanza, ha fatto appendere un foglio che riproduce un’immaginetta: «Santa Maria Vergine, protettrice contro le epidemie», recita. E, ancora, è stato direttamente il Papa a far appendere fuori dalla porta di ogni “ministero” della Santa Sede un’icona della “Vergine del silenzio”: sulla base di un’immagine tratta da un affresco copto dell’VIII secolo, Maria porta il dito indice della mano destra alle labbra chiedendo silenzio.

La biancheria

Francesco non ha maggiordomi né servitù. La sua biancheria finisce – come quella di tutti gli altri ospiti – nella lavanderia situata nel seminterrato. Fuori dalla sua stanza una sola guardia svizzera rimane a vegliare giorno e notte. A lei si dice che Francesco abbia chiesto più volte di sedersi durante il turno. E che gli abbia spesso offerto una merendina di un distributore automatico per sfamarsi.

Parola d’ordine: normalità

Una sola parola d’ordine è di casa a Santa Marta: normalità. Francesco ama vivere in modo normale e comunicare a tutti un’immagine di sobrietà. Per questo la sua vita nella residenza è fatta di cose semplici, incontri con vecchi e nuovi amici. Francesco vuole essere avvicinabile. In questo modo può anche conoscere meglio la vita del Vaticano che altrimenti gli sfuggirebbe.

È grazie al fatto che le sue giornate a Santa Marta lo rendono in qualche misura avvicinabile che ha potuto conoscere la doppia vita del segretario di un noto cardinale e così intimargli di lasciare immediatamente il suo incarico e il suo appartamento entro le Mura Leonine. Anche di queste cose ha deciso di occuparsi il primo successore di Pietro sudamericano, in prima persona, senza fare sconti a nessuno.

Attualità

adesivi che indicano direzioni in tedesco e ucraino

Altri sviluppi

Statuto S per rifugiati ucraini, giro di vite per contrastare gli abusi

Questo contenuto è stato pubblicato al Due mozioni parlamentari chiedono che le condizioni e le regole riguardanti lo statuto di protezione S concesso alle rifugiate e ai rifugiati ucraini vengano inasprite per evitare abusi.

Di più Statuto S per rifugiati ucraini, giro di vite per contrastare gli abusi
bandiera svizzera

Altri sviluppi

Svizzera molto vulnerabile agli shock geopolitici

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli economisti di UBS, la Svizzera presenta una vulnerabilità superiore alla media agli shock geopolitici, ma nel contempo il Paese ha imparato anche a far fronte ai relativi rischi.

Di più Svizzera molto vulnerabile agli shock geopolitici
confezioni di cereali

Altri sviluppi

Troppo zucchero nei prodotti per l’infanzia, ONG chiede alla Svizzera di agire contro Nestlé

Questo contenuto è stato pubblicato al Public Eye ha chiesto alla Segreteria di Stato dell'economia (Seco) di trascinare davanti alla giustizia Nestlé, rea secondo l'organizzazione non governativa di vendere prodotti per l'infanzia con zucchero aggiunto nei Paesi a basso reddito.

Di più Troppo zucchero nei prodotti per l’infanzia, ONG chiede alla Svizzera di agire contro Nestlé
Thomas Aeschi

Altri sviluppi

Zuffa tra un eletto e la polizia a Palazzo federale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il consigliere nazionale e presidente del gruppo parlamentare dell'Unione democratica di centro, Thomas Aeschi, si è azzuffato mercoledì mattina con agenti di polizia armati, di guardia a Palazzo federale.

Di più Zuffa tra un eletto e la polizia a Palazzo federale
Françoise Hardy

Altri sviluppi

È morta Françoise Hardy

Questo contenuto è stato pubblicato al La cantante e attrice francese, icona degli anni Sessanta, è morta martedì all'età di 80 anni.

Di più È morta Françoise Hardy
Hunter Biden

Altri sviluppi

Hunter Biden condannato per possesso illegale di un’arma da fuoco

Questo contenuto è stato pubblicato al Un tribunale del Delaware ha condannato il figlio del presidente statunitense per aver violato le leggi che vietano alle persone con una dipendenza da droghe illegale di possedere armi da fuoco. La pena massima è di 25 anni di prigione, ma essendo incensurato è probabile che non finirà dietro alle sbarre.

Di più Hunter Biden condannato per possesso illegale di un’arma da fuoco
emmanuel macron

Altri sviluppi

Macron lancia un appello alle forze moderate per fare fronte comune

Questo contenuto è stato pubblicato al In vista delle elezioni anticipate convocate per il 30 giugno, il presidente francese ha invitato le forze repubblicane a lavorare assieme per contrastare l'avanzata dell'estrema destra, uscita vittoriosa dalle europee.

Di più Macron lancia un appello alle forze moderate per fare fronte comune
persone che manifestano

Altri sviluppi

Il Parlamento svizzero critica la sentenza della CEDU sul clima

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo il Consiglio degli Stati, anche il Nazionale ha approvato mercoledì una dichiarazione non vincolante che invita il Governo a non dar seguito alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo contro la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale.

Di più Il Parlamento svizzero critica la sentenza della CEDU sul clima

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR