La televisione svizzera per l’Italia

Le spie straniere devono essere espulse

L ambasciata russa a Berna.
Un agente dei servizi segreti russi su cinque in Europa è di stanza in Svizzera. © Keystone / Anthony Anex

Le spie straniere vanno sistematicamente espulse dalla Svizzera. È quando chiede una mozione accettata martedì dal Consiglio nazionale.

La mozione – accolta con 103 voti favorevoli, 74 contrari e 19 astensioni – chiede l’espulsione di tutte le persone straniere che, attraverso attività di spionaggio vietate, mettono a repentaglio la sicurezza interna o esterna della Confederazione o il suo ruolo di Stato ospite e che non possono essere perseguite penalmente.

Nelle vicende di spionaggio, i membri del corpo diplomatico spesso invocano la loro immunità. Ora si chiede di applicare una tolleranza zero e l’espulsione sistematica delle persone coinvolte.

+ La Svizzera e lo spionaggio: passività nel solco della tradizione

Dall’inizio della guerra in Ucraina lo spionaggio russo in Svizzera è aumentato. Un agente dei servizi segreti russi su cinque in Europa è di stanza in Svizzera. Ciò è dovuto non solo al fatto che la Confederazione è uno Stato ospite, ma anche alla prassi lassista del Consiglio federale.

“Probabili rappresaglie”

I due partiti di destra, l’UDC e il PLR – che da soli non hanno la maggioranza al Nazionale – si sono opposti al testo. A loro avviso, le spie straniere vengono già espulse, ma con la prudenza che questo richiede.

Secondo la destra, con l’approvazione di questa mozione, i servizi segreti di altri Paesi sarebbero meno inclini a condividere informazioni con la Svizzera, il che avrebbe un impatto negativo sulla sua sicurezza. Sempre i rappresentanti di destra hanno inoltre messo in guardia da probabili rappresaglie della Russia sotto forma di rinvii di diplomatici svizzeri.

Anche con questa mozione, il Consiglio federale continuerà a svolgere un’analisi caso per caso che tenga conto anche degli interessi della Svizzera, ha rassicurato la ministra della Difesa Viola Amherd, che era favorevole al testo.

Attualità

due tossici condividono una dose di fentanyl

Altri sviluppi

Il Fentanyl si fa strada in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La città di Coira, capitale del canton Grigioni, è diventata uno dei maggiori centri di consumo di stupefacenti in Svizzera. Tra questi anche una "new entry": il Fentanyl.

Di più Il Fentanyl si fa strada in Svizzera
ape su un fiore

Altri sviluppi

In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

Questo contenuto è stato pubblicato al A pochi giorni dalla Giornata internazionale delle api, che cade il 20 maggio, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha pubblicato venerdì la nuova Lista rossa delle api, che fa il punto sulle specie minacciate.

Di più In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato
edificio in vetro

Altri sviluppi

La FIFA può trasferire la sua sede da Zurigo

Questo contenuto è stato pubblicato al Riunito venerdì a Bangkok, il Congresso della Federazione internazionale di calcio (FIFA) ha approvato una modifica al suo statuto che crea le basi per consentire eventualmente all'associazione di trasferire la sua sede da Zurigo. La FIFA è nella città sulla Limmat dal 1932.

Di più La FIFA può trasferire la sua sede da Zurigo
due persone attraversano una strada con bandiere arcobaleno

Altri sviluppi

In forte crescita le manifestazioni d’odio nei confronti della comunità LGBTIQ+

Questo contenuto è stato pubblicato al L'anno scorso sono stati segnalati 305 casi di ingiurie o attacchi verso persone lesbiche, gay, bisessuali, trans, non binarie, intersessuali e queer. Le violenze verbali e fisiche sono più che raddoppiate nel giro di un solo anno.

Di più In forte crescita le manifestazioni d’odio nei confronti della comunità LGBTIQ+
zofingen

Altri sviluppi

L’aggressore di Zofingen è un 43enne con turbe mentali

Questo contenuto è stato pubblicato al Nessuna delle sei persone ferite ieri, di cui due in modo grave, è in pericolo di morte. La procura ha intanto aperto un'inchiesta per tentato omicidio multiplo.

Di più L’aggressore di Zofingen è un 43enne con turbe mentali

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR