La televisione svizzera per l’Italia

Utenti delle Ferrovie federali spiati?

La stazione di Basilea.
In future telecamere nascoste anche nella stazione di Basilea. © Keystone / Georgios Kefalas

Sta suscitando qualche perplessità l’iniziativa presa dalle Ferrovie federali svizzere (FFS) che intendono installare nelle principali stazioni della Confederazione telecamere a riconoscimento facciale.

Lo scopo è quello di conoscere le abitudini dei viaggiatori e delle viaggiatrici per ottimizzare la propria strategia commerciale ma secondo quanto rivela la rivista consumeristica K-Tipp l’acquisizione di dati personali rischia di ledere la sfera individuale.

Contenuto esterno

Nell’ultimo numero del periodico menziona il piano di acquisto di dispositivi elettronici (“KundenFrequenzMessSystem 2.0″) per “ottenere dati di alta qualità che possano essere utilizzati per analizzare i movimenti delle persone nelle stazioni”.

Sfera privata minacciata

In realtà questa non sarebbe una novità assoluta, nell’ambito della sfera privata dei clienti. Già oggi le FFS riprendono in video il flusso dei passanti nei principali punti di snodo con oltre 700 telecamere, ma al momento non si procede all’analisi incrociata dei comportamenti di acquisto con le informazioni sui passeggeri.

“Collegando i dati di movimento personali con quelli provenienti da altre fonti, come ad esempio i dati di viaggio, è possibile fornire informazioni sul comportamento degli utenti delle stazioni”, scrive l’ex regia federale riguardo al suo progetto.

Concretamente, stando alla testata zurighese, a partire da settembre i fornitori di dati sono invitati a registrare e valutare il percorso dei viaggiatori attraverso la stazione, la loro età e il loro sesso, le dimensioni dei bagagli e la presenza di altri equipaggiamenti come carrozzine, sedie a rotelle o biciclette, quanto tempo i passeggeri rimangono in stazione, quali negozi vengono visitati, il comportamento dei clienti nei negozi della stazione, nonché quanto denaro spendono i passeggeri in stazione in farmacie, negozi di alimentari e chioschi.

Una cinquantina di stazioni interessate

Per la testata dei consumatori e delle consumatrici tutta questa operazione ha il solo obiettivo di aumentare l'”Abschöpfungsrate”, cioè letteralmente il “tasso di prelievo”, quanto cioè è possibile far spendere al viaggiatore, anche perché maggiore è il fatturato che i gestori dei negozi realizzano nelle stazioni, più elevato è anche l’affitto che devono pagare alle Ferrovie federali.

Le FFS hanno fatto sapere che nella fase finale, “circa 57 stazioni” saranno completamente equipaggiate con i dispositivi di ripresa, software e telecamere per la sorveglianza di massa almeno fino all’agosto 2028, un periodo prorogabile con i fornitori fino al 2033.

Ma c’è di più. Stando sempre a K-Tipp non solo il personale della divisione immobili delle FFS avrà accesso su internet ai dati registrati dei viaggiatori e delle viaggiatrici ma anche i gestori dei negozi appaltati nelle stazioni. Inoltre le telecamere saranno occultate, tanto che la testata parla senza mezzi termini di “clienti inermi alla mercé di attività di spionaggio”.

Per le FFS si migliorerà il servizio all’utenza

Tesi non condivise dai vertici delle Ferrovie federali per i quali “con i dati di conteggio anonimizzati” si può migliorare il servizio all’utenza. Riguardo invece alle informazioni provenienti dalle casse dei negozi esse “saranno utilizzate solo a titolo generale”.

Da parte sua l’ufficio dell’incaricato federale della protezione dei dati ha affermato di essere stato informato solo sommariamente in autunno sul progetto e della cosa dovrà discutere ulteriormente con i responsabili delle FFS.

Contenuto esterno




Attualità

carro armato

Altri sviluppi

Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Questo contenuto è stato pubblicato al Malgrado le condanne giunte da tutto il mondo dopo l'attacco di domenica notte, nel quale sono morti decine di civili, l'esercito israeliano prosegue le operazioni nel sud della Striscia di Gaza.

Di più Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Altri sviluppi

Un alunno su sei è in sovrappeso

Questo contenuto è stato pubblicato al Il sovrappeso e l'obesità rimangono una sfida per i bambini e gli adolescenti. Secondo un monitoraggio che si riferisce all'anno scolastico 2022/23, un alunno su sei ha problemi con la bilancia.

Di più Un alunno su sei è in sovrappeso

Altri sviluppi

Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio

Questo contenuto è stato pubblicato al Secondo un sondaggio in Svizzera quasi un terzo della popolazione ha già vissuto liti con il vicinato. I motivi più comuni sono l'eccesso di rumori, problemi con la lavanderia, infrazioni delle regole sui posteggi e diatribe riguardanti la proprietà di terreni.

Di più Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio
bandiere in un viale

Altri sviluppi

Le spie vanno espulse sistematicamente

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio degli Stati ha approvato lunedì una mozione che prevede di rafforzare i meccanismi di espulsione per gli agenti stranieri.

Di più Le spie vanno espulse sistematicamente
Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR