Navigation

Turchia, un mese dopo il golpe

35'000 persone sono state interrogate, 80'000 sospese dai loro incarichi e 5'000 rimosse. Toccate le forze armate, ma anche giudici, giornalisti, funzionari pubblici, docenti e impiegati

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 agosto 2016 - 14:26

E' passato un mese dal fallito golpe, in cui l'esercito tentava di spodestare Recep Tayyp Erdogan. Da allora, a livello nazionale, la cronaca è stata scandita dalle durissime risposte da parte del Presidente turco, che ha pure messo in atto migliaia di epurazioni. Mentre le relazioni internazionali, soprattutto con l'Unione europea, si sono fatte sempre più tese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.