La televisione svizzera per l’Italia

Da sindacato del Nord al sovranismo, 40 anni di Lega

Umberto Bossi.
Umberto Bossi, in una foto del 2005, a Pontida. KEYSTONE

Sono giorni di festeggiamenti e celebrazioni per il partito fondato da Umberto Bossi, ma non mancano i malumori per le strategie di Matteo Salvini.

Quarant’anni di Lega (ex Nord): oggi il partito fondato da Umberto Bossi è il più vecchio presente nel Parlamento italiano. In questi giorni sono previsti diversi momenti di celebrazione organizzati sul territorio. L’appuntamento più importante sarà domenica a Varese, davanti alla storica sede della Lega, dove sarà presente tutto lo stato maggiore leghista. Il fondatore Umberto Bossi è stato invitato, ma la sua presenza resta in forte dubbio.

Sabato invece a Gemonio, paese del Senatur, gli uomini liberi del Nord – così si firmano in un volantino – si sono dati appuntamento per ringraziare l’uomo che 40 anni fa “ci ha fatto sognare”.

La strategia nazionalista di Salvini e i malumori

Ultimamente però i malumori nella base leghista si sono amplificati, anche causa degli ultimi insuccessi elettorali, e le politiche nazionaliste di Salvini sono sotto accusa.

+ Dall’indipoendentista Lega Nord alla soivranista LEga Salvini Premier

In Lombardia diversi quadri politici hanno scritto una lettera in cui si chiede a Salvini un cambio di passo e, anche in Veneto, i malumori sono sempre di più, come conferma l’assessore regionale Roberto Marcato: “Sono profondamente convinto che serva una riflessione, profonda, violenta e cinica, del nostro partito. Dobbiamo capire perché abbiamo avuto questi risultati. Bisogna capire perché sta succedendo e perché c’è questa flessione di consenso e agire di conseguenza”.

In Lombardia molti leghisti, anche con ruoli di responsabilità, stanno lasciando o hanno già lasciato il partito.  

Non tutti ovviamente la pensano così. Una parte dei militanti resta infatti convinta che, nonostante tutto, la scelta del segretario federale sia ancora valida.

Di sicuro la Lega di oggi è molto diversa da quella nata dall’intuizione di Umberto Bossi. Alle origini si inneggiava alla “Padania libera”, mentre ora il segretario federale Matteo Salvini dice “Prima gli italiani”. O ancora: la Lega bossiana si diceva convintamente antifascista e il Senatur rivendicava questa posizione. Per Matteo Salvini, invece, la discussione sul fascismo e i rapporti con alcuni movimenti di estrema destra,che la sua Lega ha costruito nel corso degli anni, sono da relegare nei libri di storia.

Ciò che unisce la vecchia e la nuova Lega sono sicuramente i toni dei leader: per chi li critica sono definiti perlomeno sopra le righe, per chi li ama popolari e schietti.

Le elezioni europee potrebbero essere uno spartiacque per il futuro del Carroccio, ma intanto i militanti si interrogano con domande come “dov’è finito il sindacato del territorio padano?”.

Una risposta qualcuno dovrà darla, che sia Salvini o qualcun altro.

Attualità

Il primo ministro britannico Rishi Sunak.

Altri sviluppi

Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio

Questo contenuto è stato pubblicato al La convocazione è anticipata così di circa 6 mesi rispetto alla scadenza naturale della legislatura.

Di più Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio
Un neonato accudito dal padre.

Altri sviluppi

Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il progetto da 24 settimane accolto dal popolo ginevrino non può entrare per ora in vigore: è incompatibile con il diritto federale.

Di più Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere
Bandiera palestinese.

Altri sviluppi

Spagna, Norvegia e Irlanda riconoscono la Palestina

Questo contenuto è stato pubblicato al I tre Paesi europei hanno annunciato che martedì prossimo riconosceranno lo Stato palestinese. Salgono così a undici gli Stati del Vecchio Continente a fare questo passo.

Di più Spagna, Norvegia e Irlanda riconoscono la Palestina
Agenti della polizia federale.

Altri sviluppi

Colpo alla mafia turca, arresti anche in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Perquisizioni nel Canton Argovia e a Zurigo nell'ambito della vasta indagine condotta dalla Procura di Milano contro l'organizzazione di Baris Boyun, il boss turco che soggiornava spesso in Svizzera.

Di più Colpo alla mafia turca, arresti anche in Svizzera
Un treno all'interno della galleria del Lötschberg.

Altri sviluppi

Lavoratori intossicati nella galleria del Lötschberg

Questo contenuto è stato pubblicato al Perdita di una sostanza chimica da un vagone in transito, lievi difficoltà respiratorie per cinque persone all'interno del tunnel. Il traffico ferroviario è stato nel frattempo ripristinato.

Di più Lavoratori intossicati nella galleria del Lötschberg
Klaus Schwab durante l'ultimo WEF.

Altri sviluppi

Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

Questo contenuto è stato pubblicato al Klaus Schwab, fondatore del Forum economico mondiale di Davos (WEF) lascia la sua carica di presidente esecutivo. L'86enne lo ha annunciato martedì in una mail allo staff.

Di più Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR