La televisione svizzera per l’Italia

Per il telelavoro dei frontalieri va trovato un accordo durevole

Una donna di spalle davanti al suo Pc mentre parla al telefono.
Il tele-frontalieratto avrebbe un impatto positivo anche sull’inquinamento ambientale. © Keystone / Christian Beutler

La disdetta da parte dell’Italia dell’accordo amichevole sul telelavoro per i frontalieri è "fonte di grande preoccupazione per imprese e lavoratori". A dirlo è un’interrogazione che il deputato italiano Andrea Pellicini (Fratelli d’Italia) ha presentato giovedì al ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti.

Il Governo di Roma è dunque chiamato ad esprimersi in forma scritta sulla conclusione del “gentlemen’s agreement” di natura fiscale che durante la pandemia ha permesso ai frontalieri di lavorare totalmente in remoto da casa.

Dal 1° febbraio, ricorda il deputato, si torna dunque al regime ordinario che prevede “l’imposizione fiscale esclusiva nello Stato nel quale l’attività lavorativa è svolta”. Laddove vi fosse imposizione in Italia, “ciò – scrive Pellicini – si tradurrebbe nella decadenza dello statuto di frontaliere e conseguentemente nella cessazione del ristorno fiscale”.

Altri sviluppi
persona seduta a una scrivania

Altri sviluppi

Telelavoro e frontalieri: si chiede a Berna di intervenire

Questo contenuto è stato pubblicato al Il non rinnovo dell’accordo tra Italia e Svizzera per il telelavoro dei frontalieri ha colto di sorpresa associazioni padronali e sindacati, che hanno scritto al Governo svizzero chiedendo di intervenire nei confronti di Roma.

Di più Telelavoro e frontalieri: si chiede a Berna di intervenire

Secondo l’interrogazione, da un lato, vi è dunque “l’interesse di regolamentare in modo durevole il tema del lavoro da remoto, favorendone l’utilizzo strutturato e ragionevole che non vada a scapito delle regioni di frontiera coinvolte”. Dall’altro, la regolamentazione permetterebbe “ai lavoratori e alle imprese di continuare le loro attività, anche da remoto, senza sconvolgimenti dal punto di vista dell’imposizione fiscale e degli oneri sociali”.

Lo stesso deputato rende attento il Governo italiano che “questo obiettivo è particolarmente rilevante in una regione come quella insubrica che soffre pesantemente il traffico motorizzato”. Il tele-frontaliere avrebbe dunque un impatto positivo sull’inquinamento ambientale.

Non manca nel testo un richiamo al fatto che “l’Unione europea ha prorogato fino al 30 giugno l’applicazione flessibile delle regole europee sulla legislazione applicabile in materia di assicurazioni sociali per i frontalieri in telelavoro”. In concreto, “oltre la soglia del 25% del tempo di lavoro effettuato a distanza, scatta la competenza dello Stato di residenze sui contributi versati dal datore di lavoro e dai collaboratori dell’impresa”. Per il deputato sarebbe quindi “importante che le regole fiscali siano perlomeno parificate a quelle previdenziali”.

In conclusione, il deputato chiede “se il Governo abbia intrapreso o intenda intraprendere negoziati con il Governo svizzero volti a disciplinare in modo durevole il ricorso al telelavoro da parte dei lavoratori frontalieri, come richiesto recentemente anche dalla Comunità di lavoro Regio Insubrica”.

Attualità

Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone
Una vettura della polizia di San Gallo.

Altri sviluppi

Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo

Questo contenuto è stato pubblicato al Un uomo di 34 anni ha ferito ieri sera con un machete cinque persone, alcune delle quali gravemente, all'interno e all'esterno di un condominio di San Gallo.

Di più Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo
Il learning center del politecnico federale di Losanna.

Altri sviluppi

Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli studenti stranieri frequentare i politecnici di Losanna e Zurigo sarà decisamente più caro. Il Consiglio dei Politecnici federali (PF) in accordo con il Parlamento vuole triplicare le tasse di iscrizione.

Di più Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri
Giorgio Armani.

Altri sviluppi

I novant’anni dello stilista Giorgio Armani

Questo contenuto è stato pubblicato al Nato a a Piacenza nel 1934, Armani è a capo di un gruppo fieramente indipendente, simbolo del made in Italy. Lo stilista italiano è ancora deciso a rimanere alla guida del gruppo, sebbene il momento di lasciare le redini si avvicina sempre di più.

Di più I novant’anni dello stilista Giorgio Armani
Case distrutte in Val Bavona.

Altri sviluppi

Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il maltempo che da metà giugno a inizio luglio si è abbattuto sulla Svizzera, in particolare sul Ticino e il Vallese, ha causato danni assicurati per un totale di 160-200 milioni di franchi.

Di più Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni
Tutti gli invitati al vertice della Nato davanti alla Casa Bianca per la foto di rito.

Altri sviluppi

Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al I Paesi della Nato si sono impegnati a dare all'Ucraina almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari "entro il prossimo anno" per sostenerla nella guerra contro la Russia.

Di più Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina
Il ponte distrutto dal maltempo vicino a Cevio in Vallemaggia.

Altri sviluppi

La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha presentato la sua nuova strategia per informare meglio la popolazione in caso di pericolo. Oltre ai tradizionali allarmi diffusi via app, radio o tramite sirene, in futuro verrà introdotto un nuovo sistema di allerta.

Di più La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR