La televisione svizzera per l’Italia

Videomessaggio di Zelensky alle Camere elvetiche: pro e contro

VOlodymir Zelensky
Un intervento che sta creando dibattito ancor prima della sua diffusione. Keystone / G7 Hiroshima Summit Host / Hando

Il presidente ucraino si rivolgerà ai parlamentari elvetici in un videomessaggio nei prossimi giorni. Giusto, secondo il PLR, un errore secondo l'UDC. Il dibattito tra Anna Giacometti e Piero Marchesi.

Sta già facendo molto discutere il videomessaggio che il presidente ucraino Volodymir Zelensky intende rivolgere alle Camere federali durante la sessione in corso.

Per la consigliera nazionale liberal-radicale grigionese Anna Giacometti “è giustissimo ascoltarlo”, anche se è non capita spesso che un capo di Stato si rivolga in questo modo ai rappresentanti. Una richiesta, quella ucraina, che è giunta attraverso canali ufficiali e che è stata approvata dagli uffici presidenziali delle due Camere.

Dell’opinione contraria invece il consigliere nazionale ticinese Piero Marchesi (UDC, destra conservatrice): “Bisognava dire di no (a questa richiesta di Kiev, ndr) perché l’Ucraina è un Paese in guerra e la Svizzera è invece un Paese neutrale e per rimanere tale dovrebbe evitare di schierarsi in modo così palese. Lo ha già fatto a più riprese, secondo me sbagliando. Si reitera un errore che è quello di continuare a cercare di prendere parte a questa guerra invece di promuovere la pace attraverso i suoi buoni uffici”.

Nel corso della sessione durante la quale verrà trasmesso il messaggio di Zelensky si discuterà di Ucraina in vari modi: dalla riesportazione di materiale bellico agli aiuti al Paese in guerra. C’è chi teme che ci sia il rischio che il presidente ucraino possa dire la sua a questo proposito. “Siamo parlamentari adulti e vaccinati, siamo in grado di pensare con la nostra testa e non penso che il videomessaggio di Zelensky possa far cambiare idea a uno di noi”, ha sottolineato Giacometti.

E se la richiesta di un simile intervento arrivasse da Putin o da Lavrov (il ministro russo degli Affari esteri)? “Io sicuramente non ascolterei Putin” dice Giacometti perché, ricorda, la Corte penale internazionale ha emanato un mandato di cattura internazionale nei suoi confronti perché considerato un criminale di guerra. Non lo ascolterebbe nemmeno Marchesi, come, sottolinea, ascolterebbe nemmeno Zelensky, proprio in nome della neutralità elvetica.

Posizioni contrastanti, quelle dei due consiglieri nazionali, il cui unico punto d’incontro sembra essere la condanna della guerra. Potete guardare il dibattito completo in questo servizio del Telegiornale della Radiotelevisione della Svizzera italiana RSI:

Contenuto esterno


Attualità

confezioni wegovy ozempic e mounjaro

Altri sviluppi

Iniezioni dimagranti, attesi costi per centinaia di milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il clamore e la curiosità attorno alle iniezioni per la perdita di peso, destinate in primis ai diabetici, stanno facendo lievitare enormemente i costi sanitari.

Di più Iniezioni dimagranti, attesi costi per centinaia di milioni
veicoli posteggiati

Altri sviluppi

Calano in Svizzera le immatricolazioni di veicoli stradali

Questo contenuto è stato pubblicato al Le vendite di veicoli a motore sono scese in giugno: sono stati immatricolati 33'100 auto, camion, bus e moto, con una flessione del 9% rispetto allo stesso periodo del 2023.

Di più Calano in Svizzera le immatricolazioni di veicoli stradali
zelensky

Altri sviluppi

Kiev apre a un dialogo con Mosca

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha aperto la porta a una partecipazione della Russia a un prossimo vertice di pace tra i due Paesi.

Di più Kiev apre a un dialogo con Mosca
hollandiahutte

Altri sviluppi

Vallese, due alpinisti morti nella Fischertal

Questo contenuto è stato pubblicato al Ennesima tragedia della montagna: i cadaveri di due alpinisti svizzeri di 35 e 44 anni sono stati rivenuti lunedì tra l’Aletschhorn (4193 metri) e il Dreieckhorn (3811 metri).

Di più Vallese, due alpinisti morti nella Fischertal
presa elettrica

Altri sviluppi

Quasi un quarto dei prodotti elettrici in Svizzera è difettoso

Questo contenuto è stato pubblicato al Il 23% degli articoli elettrici controllati nel 2023 dall'Ispettorato federale degli impianti a corrente forte ESTI presentava difetti di maggiore o minore entità.

Di più Quasi un quarto dei prodotti elettrici in Svizzera è difettoso

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR