La televisione svizzera per l’Italia

Rinasce il Capitole, in cinema più grande della Svizzera

Il cantiere.
In cinema riaprirà al pubblico nel febbraio 2024. © Keystone / Laurent Merlet

Lo storico cinema Capitole di Losanna, costruito nel 1928, è in piena ristrutturazione. La riapertura, prevista a fine febbraio 2024, lo erigerà a vera e propria casa del cinema e sede pubblica della Cinémathèque suisse.

Il Capitole di Losanna può vantare diversi primati: è il più grande cinema elvetico ancora in attività e nel 1959 qui è stato installato il primo schermo panoramico della Svizzera. E, non da ultimo, sarà la sola sala elvetica a proporre la proiezione di pellicole 70mm. Lo hanno riferito oggi in una conferenza stampa, tenutasi sul cantiere, il sindaco della città Grégoire Junod e il direttore della Cineteca svizzera Frédéric Maire.

Progettato dall’architetto Charles Thévenaz nel 1928 e costruito in un tempo record (5 mesi e mezzo), con 1’077 posti a sedere, il Capitole era ed è tuttora il più grande cinema della Svizzera. Nel 2010 viene riacquistato dalla città di Losanna, che ne confida la gestione alla Cinémathèque suisse, che quest’anno compie 75 anni. Da allora è qui che si svolgono le anteprime e gli eventi più grandi organizzati dall’istituzione.

Casa del cinema in cantiere

Con il progetto di ristrutturazione ed espansione, iniziato a febbraio 2021, si intende dare una vetrina pubblica e urbana alla Cineteca e far sì che il Capitole diventi una casa del cinema offrendo una grande sala e una più piccola per le proiezioni, un bar e una mediateca.

I costi del rinnovo completo, inizialmente previsti a 18 milioni, ammontano a 21,6 milioni, ha spiegato il sindaco, di cui 2 milioni provenienti dal canton Vaud e 5 milioni dalla città di Losanna. La parte restante è frutto di donazioni di privati, ha spiegato la vice-presidente della Fondation Capitole, creata nel 2019 per occuparsi della raccolta fondi nonché del sostegno finanziario del progetto. E non da ultimo gestire lo stesso cinema, una volta completati i lavori, affittandolo alla Cinémathèque suisse.

Dagli anni ’20 al 2023

Costruito per rispondere alle necessità dei film muti, con tanto di fossa per i musicisti, negli anni ’50 le cose sono cambiate con l’installazione di uno schermo panoramico e la rimozione della fossa per i musicisti nonché un rivestimento più assorbente per la sala.

La ristrutturazione attuale prevede un nuovo schermo e superfici assorbenti. Un tocco degli anni ’20 rimane nella facciata esterna con l’insegna luminosa “Capitole” e “un sistema di lettere per segnalare gli eventi speciali”, ha affermato Maire, come appunto nei cinema di un tempo.

I sedili d’epoca, venduti nel 2020, verranno anch’essi rimpiazzati, mentre la moquette della grande sala ritroverà il suo colore d’origine: il blu che si riflette nel soffitto color azzurro cielo, tuttora esistente.

Attualità

La droga sequestrata dalla polizia di Berna.

Altri sviluppi

Maxi sequestro di droga a Berna

Questo contenuto è stato pubblicato al Durante retate svolte questa settimana nei cantoni di Berna e Friburgo le forze dell'ordine hanno sequestrato circa una tonnellata di hashish e marijuana e arrestato diverse persone. Le indagini sono ancora in corso.

Di più Maxi sequestro di droga a Berna
Passeggeri in attesa all'aeroporto.

Altri sviluppi

Tilt informatico, problemi anche in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Colpito soprattutto il traffico aereo a Zurigo-Kloten e il settore energetico, risparmiate invece le banche e la Borsa.

Di più Tilt informatico, problemi anche in Svizzera
Nemo all'ultima edizione dell'Eurovision Song Contest.

Altri sviluppi

L’Eurovision a Ginevra o Basilea

Questo contenuto è stato pubblicato al Scartate le candidature di Zurigo e Berna/Bienne. La sede della prossima edizione della seguitissima manifestazione canora continentale sarà decisa il prossimo mese.

Di più L’Eurovision a Ginevra o Basilea
Militari impegnati a Cevio (Valle Maggia)

Altri sviluppi

Maltempo, prorogato l’intervento dell’esercito in Ticino

Questo contenuto è stato pubblicato al L’Esercito prolunga fino al 28 luglio l’impiego di aiuto militare in caso di catastrofe in Ticino per poter concludere la costruzione del ponte a Cevio e ripristinare le strade di Val Bavona e Lavizzara.

Di più Maltempo, prorogato l’intervento dell’esercito in Ticino
Abbé Pierre

Altri sviluppi

Accuse di abusi sessuali contro l’Abbé Pierre

Questo contenuto è stato pubblicato al Sette donne, tra cui una minorenne ai tempi dei fatti contestati, sostengono di aver subito molestie sessuali, per lungo tempo, da parte del celebre presbitero francese.

Di più Accuse di abusi sessuali contro l’Abbé Pierre
Joe Biden

Altri sviluppi

Biden ha il Covid

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha contratto l'infezione ma assicura di sentirsi bene. La notizia rischia però di far aumentare la pressione per un suo possibile ritiro dalla corsa elettorale

Di più Biden ha il Covid
La presidente Viola Amherd (a destra) con alcuni partecipanti al vertice della Comunità politica europea.

Altri sviluppi

Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea

Questo contenuto è stato pubblicato al Si è aperto oggi al Blenheim Palace di Woodstock, comune del sud dell'Inghilterra nei pressi di Oxford, il quarto vertice della Comunità politica europea (CPE).

Di più Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR