La televisione svizzera per l’Italia

Mezzo secolo di “Imagine”

testa di john lennon facente parte di ua scultura a grandezza naturale
Un messaggio di pace e fratellanza che, mezzo secolo dopo, non è stato ascoltato Copyright 2021 The Associated Press. All Rights Reserved

Sono passati esattamente 50 anni dall’uscita del capolavoro di John Lennon “Imagine”. Era l'11 ottobre 1971 e il mondo sentiva per la prima volta "Imagine all the people..."

Un singolo che ha marcato un’epoca con il suo messaggio di pace e fratellanza. Un successo pop che, stando a molti, ancora oggi rimane ineguagliato.

Nel 1971 il mondo era diverso: una guerra era in corso in Vietnam e le contestazioni giovanili avevano luogo in diverse parti del mondo occidentale. In Svizzera, per esempio, le donne avevano appena ottenuto il diritto di voto.

John Lennon allora aveva 31 anni, e da un anno aveva lasciato i Beatles, preferendo portare avanti una carriera insieme a Yoko Ono.

Contenuto esterno

Da 50 anni adottata come salmo pacifista, “ImagineCollegamento esterno”, dichiarò una volta lo stesso Lennon, si avvicinava in realtà molto al Manifesto del Partito comunista il cui auspicio era quello di una società laica, in cui non trionfassero l’individualismo e il materialismo capitalisti: “Immagina tutte le persone condividere tutto il mondo, una fratellanza di esseri umani, immagina che non ci siano nazioni, niente per cui uccidere o morire, nessuna religione”.

Parole che, mezzo secolo dopo, sono ancora estremamente attuali: le speranze di quella generazione in lotta per un mondo più giusto si sono rivelate drammaticamente vane. L’utopia di Lennon è rimasta irrealizzata, il mondo non è diventato migliore e le diseguaglianze sono aumentate. E noi continuiamo a sognare un mondo migliore…

Attualità

manette

Altri sviluppi

Uccide un 77enne in Germania, arrestato a Berna

Questo contenuto è stato pubblicato al Un 21enne, sospettato di aver ucciso otto giorni fa a Friburgo (Germania) un 77enne nel corso di un furto con scasso, è stato arrestato a Berna.

Di più Uccide un 77enne in Germania, arrestato a Berna
nick hayek accende un sigaro

Altri sviluppi

Il CEO di Swatch: “Non è vero che cancello posti”

Questo contenuto è stato pubblicato al Non è vero che Swatch sta cancellando discretamente impieghi e la strategia del gruppo è buona, malgrado quanto dica la Neue Zürcher Zeitung (NZZ), che agisce peraltro in malafede.

Di più Il CEO di Swatch: “Non è vero che cancello posti”
In primo piano l'entrata della Casa d'Italia a Zurigo.

Altri sviluppi

La Casa d’Italia a Zurigo sarà rimessa a nuovo

Questo contenuto è stato pubblicato al L'avvio del cantiere è previsto per il 2 settembre prossimo. Il costo della ristrutturazione si aggira attorno ai 14 milioni di franchi. La decisione da parte del Governo italiano era attesa da sette anni.

Di più La Casa d’Italia a Zurigo sarà rimessa a nuovo
thomas aeschi

Altri sviluppi

Zuffa a Palazzo federale, avviati accertamenti

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Ministero pubblico della Confederazione ha avviato degli accertamenti sulla zuffa che a Palazzo federale lo scorso 12 giugno ha coinvolto il democentrista Thomas Aeschi e alcuni agenti di polizia.

Di più Zuffa a Palazzo federale, avviati accertamenti
paul watson

Altri sviluppi

Arrestato il fondatore di Sea Shepherd

Questo contenuto è stato pubblicato al Paul Watson, fondatore di Sea Shepherd e attivista da tempo impegnato contro la caccia alle balene, è stato arrestato domenica in Groenlandia in base a un mandato internazionale emesso dal Giappone.

Di più Arrestato il fondatore di Sea Shepherd
kamala harris

Altri sviluppi

Dopo il ritiro di Joe Biden, Kamala Harris è sostenuta da più parti

Questo contenuto è stato pubblicato al I 50 presidenti statali del partito democratico statunitense hanno appoggiato Kamala Harris, sostenendola come nuova candidata presidenziale del partito, che si confronterà con Donald Trump.

Di più Dopo il ritiro di Joe Biden, Kamala Harris è sostenuta da più parti
obre di combattenti houthi

Altri sviluppi

Yemen, gli Houthi promettono vendetta contro Israele

Questo contenuto è stato pubblicato al I ribelli Houthi che controllano lo Yemen hanno promesso una risposta totale e senza regole nei confronti di Israele, dopo il bombardamento subìto sabato sera nell'importante porto di Al-Hudayda.

Di più Yemen, gli Houthi promettono vendetta contro Israele

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR