Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

A Washington e in tutti gli USA Giovani americani in marcia contro le armi

"Never Again!" (Mai piu!) scritto sui palmi che puntano verso il Campidoglio, sede del Congresso. È il grido di una marea di giovani (800 mila) giunta a Washington per dire basta alle stragi dovute alle armi in America. E per mettere in chiaro che sono loro i prossimi elettori.

armi

Imponente marci di protesta contro le armi a Washington e un po' in tutti gli Stati Uniti

Il giorno di San Valentino a Parkland, in Florida, un 19enne apriva il fuoco in un liceo: 17 le vittime. I sopravvissuti di quella strage sono gli artefici della "Marcia per le nostre vite" e sono venuti a Washington per guardare dritto in faccia la politica: "Politici rappresentateci o andate via!", ha scandito dal palco Cameron Kesky.

Molti di loro voteranno nel 2018 e nel 2020. Ed è al futuro che punta questo movimento, nato dalle lacrime e diventato speranza: "Questo è il giorno in cui comincia un nuovo luminoso futuro per gli americani. E se credete che questo sia un buon giorno, aspettate di vedere cosa sarà domani!", ha detto ancora Kesky.

Sul palco anche Emma Gonzalez, la "pasionaria" fra gli studenti di Parkland che ha guidato i toccanti 17 minuti di silenzio per le vittime della sua scuola e ha esortato: "Andate a votare!".

Non solo Washington

Piene le piazze in tutto il Paese: New York City, Boston, Chicago, Houston, Minneapolis, Atlanta, Denver, Seattle, Los Angeles. Centinaia di migliaia. Oltre 20'000 anche a Parkland.

Ma anche a livello internazionale ci sono state manifestazioni anaolghe, come a Ginevra, Roma, Milano e Firenze, oltre che a Londra, Parigi, Madrid, Tokyo, Sydney.

Tra i ragazzi ci sono anche i vip: George Clooney con la moglie Amal a Washington: "Mi avete reso nuovamente orgoglioso del mio Paese", ha scritto l'attore in una lettera agli studenti del liceo di Parkland. Paul McCartney a New York ricorda John Lennon: ""Uno dei miei migliori amici è stato ucciso da un'arma proprio qui vicino".

Il presidente Donald Trump passa il weekend nella sua residenza di Mar-a-Lago, in Florida, ma la Casa Bianca ha elogiato "i numerosi giovani americani coraggiosi che stanno esercitando oggi i diritti garantiti loro dal primo emendamento". "Tenere al sicuro i nostri bambini è la massima priorità del presidente", ha riferito la portavoce Lindsay Walters.

Ieri il dipartimento di Giustizia ha annunciato la normativa che vieta i dispositivi per trasformare pistole e fucili in armi automatiche. Troppo poco secondo alcuni: il dibattito sulle armi infuocatosi all'indomani della sparatoria a Parkland, si è di fatto arenato sull'uscio del Congresso, tranne poche eccezioni come la Florida che ha portato da 18 a 21 anni l'età minima per l'acquisto di armi, sfidando così la posizione della potente lobby americana National Rifle Association (NRA).

"Noi siamo la generazione del cambiamento", dice Ann, 18 anni, arrivata a Washington dalla Pennsylvania: "sono già registrata per votare", dice orgogliosa. "Quello che vedo? È la volta buona, le cose possono cambiare. Questi sono i ragazzi che voteranno presto", osserva Martha Saccocio, mamma di studenti. Jaen Faggetti-Phaen insegna da decenni, arriva dal Missouri, ma lei di proteste così ne ha viste tante: "Dovevo esserci", dice. Ma sul cambiamento, immediato non è così convinta. Rylynn, neanche 14 anni, viene dalla Virginia e insiste: "Cambierà. Questa volta siamo noi ragazzi a chiederlo. E cambierà".

tvsvizzera.it/fra con RSI

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box