Navigation

Estonia. Cubi di legno e nordiche vedute

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 maggio 2015 - 14:18

Il padiglione estone occupa un'area relativamente piccola, ma si sviluppa in altezza senza far mancare nulla alla fruibilità. L'ampio spazio frontale è un invito all'ingresso. Numerose aperture sono arricchite da altalene di cui tutti possono approfittare e contribuiscono al dialogo tra interno ed esterno. Anche i monopattini di fabbricazione locale sono un gioco a cui non si sottraggono neppure gli adulti.

I cubi del Baltico

Ai piani superiori, il parallelepipedo è composto da cubi più piccoli, ognuno dei quali ospita un'area tematiche. Una foresta multimediale ricorda che qui internet è anche nel bosco. La bici – pedalabile – riporta alle ciclabili sul Baltico. Percorsi fotografici raccontano i paesaggi. Le avvolgenti poltrone sono un invito al relax musicale con le note del pianoforte made in Estonia. Assolutamente fuori luogo la moto appena a fianco. Pur avveniristica ed elegante, non si capisce la presenza nell'expo del cibo e della sostenibilità di un veicolo del genere.

Cinguettii in terrazza

Il limitato riferimento ai temi alimentari è compensato dall'area verde sulla copertura dell'edificio. Le panche sono collegate ad amplificatori che diffondono i cinguettii del bosco, mentre i visori documentano la presenza della fauna locale. Vista da Expo2015, l'Estonia incuriosisce davvero chi ama la natura.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?