La televisione svizzera per l’Italia

Addio alla stilista Vivienne Westwood

Vivienne Westwood al termine di una sfilata a Parigi nel 2008.
Vivienne Westwood al termine della sfilata primavera-estate a Parigi nel 2008. Keystone / Remy De La Mauviniere

La stilista britannica Vivienne Westwood, definita da molti la regina del punk, è morta giovedì a Londra. Una ribelle che a 81 anni ancora partecipava a scioperi e proteste facendo sentire la sua voce graffiante a politici e potenti. Anche la sua moda era sempre sopra le righe: "L'unico motivo per cui faccio moda è fare a pezzi la parola conformismo" amava ripetere. Era malata da tempo.

Ha vissuto le sue ultime ore parlando del pianeta e di quello che bisogna fare per salvarlo. Anche se i suoi ultimi strali colpivano obiettivi diversi: “Julian Assange – aveva dichiarato – è un eroe ed è stato trattato atrocemente dal governo britannico”. O ancora: “Il capitalismo è un crimine. È la causa principale della guerra, del cambiamento climatico e della corruzione”.

La sua era una voce fuori dal coro, sempre. Era ribelle per natura. Avrebbe compiuto 82 anni il prossimo 8 aprile. Era nata nel Derbyshire, figlia di operai del tessile, Gordon e Dora Swire, una coppia semplice che viveva nelle campagna inglese. Ma la ragazza dai capelli rossi aveva carattere da vendere e appena sbarcata in città sarebbe diventata la regina del punk, vestendo generazioni di gioventù ribelli prima con pelle e borchie e poi con bustini e panier settecenteschi.

Contenuto esterno

L’anticonformista

Vivienne arrivò a Londra a 17 anni ma lasciò l’università perché la trova noiosa. A ventun anni sposò Derek Westwood ed ebbe un figlio. Poi conobbe Malcolm McLaren, il musicista che sarebbe diventato l’impresario dei Sex Pistols. Con lui che Vivienne sarebbe diventata la stilista più anticonformista del Regno Unito.

Con Malcolm aprì una boutique, al 430 di King’s Road, il santuario della generazione ribelle di Londra di quel periodo. Il negozio cambiò più volte nome: da “Let it Rock”, “Too fast to live, too fast to die” a “Sex” e creò diversi scandali. Come nel 1974, quando per una collezione hard, fatta di abiti di cuoio e magliette di latex, catene e T-shirt fetish, la polizia chiuse il locale con i sigilli.

Con i Sex Pistols più volte si è mostrata irriverente nei confronti della Regina Elisabetta. Ma The Queen nel ’92 le ha conferito il titolo di dama dell’Ordine dell’impero britannico. Alla cerimonia però la stilista si alzò la gonna e mostrò ai fotografi che non portava la lingerie.

Anche la sua moda era sempre sopra le righe: “L’unico motivo per cui faccio moda è fare a pezzi la parola conformismo” amava ripetere. Ma a un certo punto cominciò a studiare storia del costume e si lasciò affascinare da corsetti, gonne di crine e imbottiture su fianchi e sedere. E il suo stile cambiò di nuovo.

Il Victoria and Albert Museum le dedicò la più grande mostra allestita per una stilista vivente. Mentre lei da Londra si spostava a Parigi dove apriva un atelier. Si divideva tra Gran Bretagna, Francia e Vienna dove ebbe una cattedra. Fu a Vienna che conobbe il futuro marito, Andreas Kronthaler, suo allievo alla scuola di moda, 25 anni più giovane.

Si sposarono poco dopo, durante una pausa pranzo a Londra. Lui divenne il suo assistente a cui lei lasciò la direzione creativa nel 2016. Ma non per andare in pensione. “Basta parlare di vestiti” ammoniva rivolgendosi a chiunque le si avvicinasse per parlare di moda. Era tutta presa dai problemi sociali. Tanto che alla sfilata della collezione pret-à-porter primavera/estate disegnata dal marito e presentata a Parigi a ottobre, lei, irriducibile ribelle di 81 anni, non a caso madre del punk, restò a Londra per aderire a una protesta sociale.

“Continuerò con Vivienne nel mio cuore – ha detto giovedì sera il marito -. Abbiamo lavorato fino alla fine e lei mi ha dato un sacco di cose con cui andare avanti. Grazie tesoro”. La Vivienne Foundation, società senza scopo di lucro, fondata da Westwood alla fine del 2022, con i figli e il nipote, sarà lanciata ufficialmente il prossimo anno per onorare, proteggere e continuare l’eredità della vita, del design e dell’attivismo di Vivienne.

Attualità

Medico e paziente

Altri sviluppi

Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario

Questo contenuto è stato pubblicato al Considerate ormai obsolete, le tariffe per le cure ambulatoriali in vigore dal 2004 (TARMED) saranno sostituite nel 2026 dalla nuova struttura tariffale per singola prestazione TARDOC e da una struttura tariffale con importi forfettari.

Di più Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario
Rösti nel corso della conferenza stampa del Governo.

Altri sviluppi

“Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”

Questo contenuto è stato pubblicato al Come compromesso all'iniziativa popolare che chiede un abbassamento della quota da destinare al servizio pubblico radiotelevisivo svizzero, il Consiglio federale propone di scendere a 300 franchi.

Di più “Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”
Combattenti di Hezbollah.

Altri sviluppi

Israele potrebbe allargare il conflitto al Libano

Questo contenuto è stato pubblicato al Cresce il timore di uno scontro totale imminente tra Israele e gli Hezbollah libanesi, con conseguenze difficili da prevedere.

Di più Israele potrebbe allargare il conflitto al Libano
L'entrata di una filiale della banca UBS in Ticino.

Altri sviluppi

L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS non indebolisce la concorrenza

Questo contenuto è stato pubblicato al La concorrenza in ambito bancario in Svizzera non è stata minacciata dall'acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS. È quanto comunica l'Autorità di vigilanza sui mercati finanziari al termine della sua procedura di controllo.

Di più L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS non indebolisce la concorrenza
Parco solare di St. Imier.

Altri sviluppi

Transizione energetica, la Svizzera tra i Paesi più virtuosi

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel campo della transazione energetica, la Svizzera si piazza al quarto rango mondiale. Meglio della Confederazione lo fanno solo tre Paesi nordici, Svezia, Danimarca e Finlandia.

Di più Transizione energetica, la Svizzera tra i Paesi più virtuosi
Il procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler

Altri sviluppi

Maggior peso al controspionaggio

Questo contenuto è stato pubblicato al È il pensiero del procuratore generale della Confederazione. La minaccia per la Svizzera derivante dallo spionaggio straniero, in particolare russo e cinese, resta elevata.

Di più Maggior peso al controspionaggio
Naufragio del 17 giugno 2023 al largo della Calabria.

Altri sviluppi

Due naufragi nel Mediterraneo in 24 ore

Questo contenuto è stato pubblicato al Le tragedie hanno causato la morte di almeno 16 persone. Un numero molto approssimativo perché - stando alle testimonianze - i dispersi sarebbero decine.

Di più Due naufragi nel Mediterraneo in 24 ore
soldati svizzeri

Altri sviluppi

Via libera ad altri 4 miliardi per l’esercito svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo la Commissione delle finanze, anche quella della politica di sicurezza del Nazionale è a favore di un aumento di ulteriori 4 miliardi di franchi per il periodo 2025-2028.

Di più Via libera ad altri 4 miliardi per l’esercito svizzero

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR