Navigation

Quando il tessile si ricicla

Ogni anno montagne di vestiti vengono gettate e sono una minima parte è riciclata. © Keystone / Christian Beutler

In media in Europa si acquistano 26 chili di vestiti pro-capite all'anno. Una quantità quasi altrettanto importante di tessuto finisce nella spazzatura. Per ridurre l'impatto ambientale della moda, una delle soluzioni passa dal riciclaggio.

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 novembre 2021 - 20:49
tvsvizzera.it/mar

Negli ultimi anni, complice la cosiddetta fast fashion e la forte diminuzione dei prezzi, il consumo di indumenti è cresciuto a dismisura, in particolare nei Paesi occidentali.

Nello stesso tempo, però, la durata di vita di ciò che si indossa si è invece dimezzata. Risultato: ogni anno circa 11 chili di tessuti vengono gettati, secondo un rapportoLink esterno dell'Agenzia Europea dell'ambiente.

L'87% dei rifiuti tessili finisce in discarica o è incenerito. Il 13% è riciclato in prodotti come stracci o pezzame e solo l'1% è riciclato per abiti nuovi.

Il settore ha un effetto ambientale importante: dopo la produzione alimentare, l'edilizia residenziale e i trasporti, rappresenta la quarta categoria che ha il maggiore impatto sull'uso di materie prime primarie e di acqua e la quinta per quanto concerne le emissioni di gas a effetto serra.

Da qui la necessità di trasformare il settore in un'economia circolare, più sostenibile.

In Italia a distinguersi in tal senso sono il distretto tessile di Como, che recentemente ha lanciato una piattaforma per raccogliere e registrare tutti gli scarti di produzione, e una ditta di Prato, che da anni si è specializzata nel riciclaggio di tessuti.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.