La televisione svizzera per l’Italia

Abusi nella Chiesa, indagato il vicario generale di Friburgo

Ombre sulla chiesa svizzera
Ombre sulla chiesa svizzera © Keystone / Laurent Gillieron

Bernard Sonney, denunciato da una presunta vittima, si è autosospeso. Segnalato anche un sacerdote a Neuchâtel.

La lunga coda dello scandalo degli abusi che sta scuotendo la Chiesa svizzera sembra non avere fine. A fornire ulteriori dettagli, nel quadro di un’operazione di trasparenza voluta dai vescovi elvetici, che già avevano commissionato lo studio sulle violenze in ambito religioso dalla metà del secolo scorso, è stata la conferenza stampa tenutasi venerdì a Losanna.

In seguito a una segnalazione alle autorità penali da parte di una presunta vittima, il vicario generale della diocesi di Losanna, Ginevra e Friburgo, Bernard Sonney, ha deciso di sospendersi dalla sua carica fino al termine dell’indagine.

+ Abusi nella Chiesa, oltre 900 vittime, “è solo la punta dell’iceberg”

In proposito la diocesi ha precisato che il braccio destro del vescovo Charles Morerod, ha preferito farsi da parte per non interferire con l’inchiesta in corso, ha indicato oggi la diocesi ai media. La curia romanda ha inoltre annunciato di aver sospeso un prete nel canton Neuchâtel per fatti, di cui non sono stati forniti dettagli, commessi all’estero e segnalati da un presule straniero.

Attualmente la diocesi è priva di sacerdoti alla sua testa dal momento che monsignor Morerod, operato a metà settembre in seguito a due ematomi subdurali alla testa, è sempre convalescente – non si è presentato davanti alla stampa – e il suo vicario si è autosospeso. In loro sostituzione opera ad interim un comitato di gestione, formato da quattro laici, istituito su richiesta dello stesso Morerod.

Il vicario generale Sonney non è l’unico dignitario cattolico di alto rango ad essere oggetto di un’inchiesta nella Confederazione. A metà settembre l’abate di St. Maurice (VS) e membro della Conferenza dei vescovi svizzeri (CVS), monsignor Jean Scarcella, ha annunciato di essere sotto indagine da parte di Roma per presunti abusi sessuali. Al fine di garantire l’indipendenza dell’inchiesta, anche Scarcella ha deciso di sospendere il suo incarico di abate di Saint-Maurice fino alla fine dell’indagine.

Lo studio pubblicato il 12 settembre, condotto da ricercatori dell’Università di Zurigo, ha individuato almeno 1’002 casi di abusi sessuali commessi da membri del clero cattolico e da religiosi a partire dal 1950. Secondo gli studiosi si tratta solo della punta dell’iceberg, poiché la maggior parte dei casi non è stata denunciata o i documenti sono stati nel frattempo distrutti.

Le violenze venute alla luce sono state perpetrate da 510 persone ai danni di 921 vittime (il 56% di queste erano uomini e nel 74% dei casi si trattava di minori). L’indagine documenta atti che vanno da un superamento problematico dei limiti deontologici agli abusi più gravi, che comprendono lo stupro.

La diocesi ha ribadito di collaborare pienamente con specialisti esterni e con le autorità civili, affinché casi di abusi di natura sessuale non possano ripetersi.


Attualità

gambe di donna con tacchi

Altri sviluppi

Onu taccia Svizzera di “Stato pappone”, Berna respinge accuse

Questo contenuto è stato pubblicato al Berna respinge al mittente le accuse di essere "uno Stato pappone" formulate da un'esperta dell'ONU nei confronti del nostro Paese. "Questo termine non è per nulla appropriato", ha affermato oggi l'ambasciatore elvetico all'ONU di Ginevra Jürg Lauber.

Di più Onu taccia Svizzera di “Stato pappone”, Berna respinge accuse
poliziotti

Altri sviluppi

Attacchi terroristici in Daghestan, almeno 19 morti

Questo contenuto è stato pubblicato al È di 19 morti e diversi feriti il bilancio degli attentati contro posti di polizia, chiese e una sinagoga domenica in Daghestan, repubblica russa nel Caucaso settentrionale. Si sospetta che gli attacchi siano opera di estremisti islamici.

Di più Attacchi terroristici in Daghestan, almeno 19 morti

Altri sviluppi

Aeroporto Zurigo: rinviata apertura scalo indiano

Questo contenuto è stato pubblicato al I lavori di costruzione del più grande progetto all'estero dell'aeroporto di Zurigo, nell'agglomerato di Delhi, hanno subito ritardi. L'entrata in servizio dello scalo internazionale di Noida è ora prevista per fine aprile 2025, anziché fine 2024.

Di più Aeroporto Zurigo: rinviata apertura scalo indiano
Manifestanti eritrei sulla Piazza federale.

Altri sviluppi

Gli eritrei manifestano per i loro diritti in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le e i partecipanti hanno contestato a Berna i ventilati respingimenti verso Stati terzi e l'obbligo del passaporto per l'ottenimento del permesso di soggiorno.

Di più Gli eritrei manifestano per i loro diritti in Svizzera
Due pompieri osservano la portata del Rodano nei pressi di Sierre.

Altri sviluppi

Maltempo, situazione in lento miglioramento in Vallese

Questo contenuto è stato pubblicato al Nonostante il lieve calo delle acque del Rodano e dei suoi affluenti, il livello di allarme e lo stato d'emergenza non vengono revocati.

Di più Maltempo, situazione in lento miglioramento in Vallese
Bimbi attorno a un cratere formato dalle bombe israeliane.

Altri sviluppi

Bombe vicino alla Croce Rossa a Gaza

Questo contenuto è stato pubblicato al L'esercito israeliano è tornato a bombardare pesantemente Gaza la scorsa notte: i morti sono almeno 22 e i feriti 45.

Di più Bombe vicino alla Croce Rossa a Gaza
Due veicoli della polizia in centro a Zurigo.

Altri sviluppi

‘ndrangheta, indagate tre persone residenti in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al L'Antimafia di Catanzaro chiede assistenza giudiziaria a Berna nell'ambito di un'indagine sulla cosca Maiolo, perquisizioni a Zurigo, Berna e Turgovia.

Di più ‘ndrangheta, indagate tre persone residenti in Svizzera
Interventi nei pressi della centrale idroelettrica a Vissoie nella val d'Anniviers (Vallese).

Altri sviluppi

Maltempo, sfollate 230 persone in Vallese

Questo contenuto è stato pubblicato al Il cantone bilingue è la zona più colpita da frane e inondazioni dovute alle intense precipitazioni di questi giorni. Zermatt isolata a causa degli smottamenti e dell'esondazione della Vispa. Preoccupano i corsi d'acqua delle valli laterali.

Di più Maltempo, sfollate 230 persone in Vallese

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR