La televisione svizzera per l’Italia

Abusi della Chiesa, richiesta di un’indagine esterna e indipendente

Conferenza episcopale svizzera
La CECAR è una commissione indipendente e neutrale che accompagna le vittime di abusi sessuali all'interno della Chiesa cattolica sin dalla sua fondazione nel 2015. Keystone / Alessandro Della Valle

L'indagine ordinata dalla Conferenza episcopale svizzera sull'insabbiamento dei casi di abuso non dovrebbe essere condotta da un ecclesiastico. È questa l'opinione di chi da anni si occupa di casi di abusi nella Chiesa cattolica.

Secondo la Commissione di ascolto, conciliazione, arbitrato e riparazione (CECAR), l’indagine incaricata dalla Conferenza dei vescovi svizzeri (CVS) sull’occultamento dei casi di abusi emerso nei giorni scorsi, non dovrebbe essere condotta da un sacerdote.

+ Abusi nella Chiesa, oltre 900 vittime “ma è solo la punta dell’iceberg”

Sylvie Perrinjaquet, presidente della CECAR, l’organo romando che riceve le testimonianze delle vittime di abusi sessuali in ambito ecclesiastico, ha definito la decisione della CVS di affidare l’inchiesta al  vescovo di Coira, monsignor Joseph Bonnemain, un “errore”. 

Monsignor Joseph Bonnemain ha dal canto suo dichiarato alla radio pubblica svizzera SRF che non è prevista un’indagine esterna. Vorrebbe che si ammettesse che le sue intenzioni erano oneste e che non si trattava di un insabbiamento.

Contenuto esterno

Mancanza di sensibilità e trasparenza

Bonnemain dovrà esprimersi in merito ai suoi colleghi, che conosce da decenni. “È una pessima soluzione”, ha dichiarato la presidente della CECAR, citata sabato dal quotidiano neocastellano Arcinfo.

Perrinjaquet, mette in evidenza il “culto della segretezza” vigente all’interno della Chiesa. I suoi rappresentanti “vivono continuamente in questa atmosfera di riservatezza”, sottolinea la presidente aggiungendo che gli esponenti ecclesiastici “non si rendono conto che a un certo punto bisogna smettere di negare e riconoscere che gli abusi nei confronti dei bambini all’interno della Chiesa sono una realtà”.

Altri sviluppi
chierichetti in fila in chiesa

Altri sviluppi

Abusi in seno alla Chiesa Svizzera: reazioni, scuse e spiegazioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Non sono mancate le reazioni in seguito alla pubblicazione di uno studio dell’Università di Zurigo (UZH) che rivela oltre gli abusi ecclesiastici avvenuti dal 1950 a oggi.

Di più Abusi in seno alla Chiesa Svizzera: reazioni, scuse e spiegazioni

L’ex consigliera nazionale neocastellana invita i responsabili ad assumersi le proprie responsabilità. “Ma non stanno prendendo alcuna decisione”, afferma. “In Vallese, ci sono preti pedofili in pensione che continuano a celebrare la messa”, dichiara Perrinjaquet.

La CECAR (acronimo francese di Commission d’écoute, de conciliation, d’arbitrage et de réparation) è una commissione neutrale attiva nella Svizzera romanda che opera indipendentemente dalle autorità ecclesiastiche a sostegno delle persone che hanno subito abusi sessuali all’interno della Chiesa cattolica elvetica.

“Completamente assurdo”

Anche secondo la teologa e giornalista Jacqueline Straub, che ha fatto scalpore nel 2018 con il suo libro Kick the Church out of its Coma, non si tratta della giusta soluzione. È “completamente assurdo” affidare questo compito al vescovo di Coira. Nel suo indagare su accuse contro altri vescovi ci sarà un “certo pregiudizio”, ha detto in un’intervista per Schweiz am Wochenende.

“È necessario un investigatore speciale esterno, una persona indipendente o addirittura un gruppo”, ha detto Straub. È problematico, ha detto, che la Chiesa cattolica ufficiale voglia chiarire da sola i casi di abuso e gli insabbiamenti. Soprattutto perché spesso non procede in modo trasparente. “Il rapporto finale verrà inviato a Roma. Quello che succede poi viene discusso in silenzio”, ha detto Straub.

È necessario un rinnovamento fondamentale della Chiesa

Per il vescovo Bonnemain, ora che lo studio sugli abusi sessuali nella Chiesa cattolica è stato pubblicato, è necessario un rinnovamento fondamentale della Chiesa. Anche le strutture della Chiesa, ha detto, devono essere cambiate per evitare che tali abusi si verifichino.

La Chiesa cattolica deve tornare al suo messaggio fondamentale, ha detto Bonnemain a SRF, mettendo le persone al centro. 

Modifiche auspicate anche da 107 dipendenti della diocesi di San Gallo, che hanno reagito alla pubblicazione del rapporto sugli abusi con un annuncio a tutta pagina sul giornale St. Galler Tagblatt: “Vogliamo essere una Chiesa diversa e ci impegniamo ogni giorno per questo”. Affinché qualcosa cambi davvero, dicono, è necessario affrontare i meccanismi fondamentali dell’istituzione ecclesiastica. Tra questi, la questione del potere, la morale sessuale, l’immagine del sacerdote, il ruolo delle donne, la formazione e la politica del personale.

Attualità

La foto di rito di tutti i leader presenti al G7 con al centro Papa Francesco.

Altri sviluppi

Un Papa per la prima volta al vertice del G7

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la prima volta di un Pontefice partecipa a questo vertice. L'accoglienza è calorosa non solo da parte della premier italiana Giorgia Meloni - "è un momento storico, non ringrazierò mai abbastanza Sua Santità per essere qui" - ma da tutti i Grandi della Terra.

Di più Un Papa per la prima volta al vertice del G7
Raphael Glucksmann.

Altri sviluppi

In Francia la sinistra si unisce per combattere l’estrema destra

Questo contenuto è stato pubblicato al Raphael Glucksmann che ha rilanciato il Partito socialista con il suo movimento Place Publique ritiene che l'unico modo per fermare il Rassemblement National sia la craezione di un'unione di sinistra.

Di più In Francia la sinistra si unisce per combattere l’estrema destra
Una postina svizzera.

Altri sviluppi

Per risparmiare la Posta consegnerà lettere e pacchi in ritardo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per risparmiare il Consiglio federale propone che solo il 90% delle lettere e dei pacchi venga consegnato per tempo dalla Posta. Inoltre, si vuole abolire l'obbligo di consegna nelle case abitate tutto l'anno.

Di più Per risparmiare la Posta consegnerà lettere e pacchi in ritardo
La cascata della Piumogna a Faido.

Altri sviluppi

Attenti al fiume Ticino e alle sue possibili improvvise piene

Questo contenuto è stato pubblicato al La portata del fiume Ticino e dei suoi affluenti in Leventina, tra Airolo e Personico, potranno subire delle importanti variazioni durante l’intero arco delle 24 ore. L'Azienda elettrica ticinese invita la popolazione alla prudenza. 

Di più Attenti al fiume Ticino e alle sue possibili improvvise piene
bambina si lava le mani all'asilo

Altri sviluppi

“No” del Consiglio federale all’iniziativa sugli asili nido

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Governo ha respinto un'iniziativa lanciata lo scorso anno dal Partito socialista "Per una custodia di bambini complementare alla famiglia che sia di qualità e a prezzi abbordabili per tutti".

Di più “No” del Consiglio federale all’iniziativa sugli asili nido
scritta 5000 davanti a palazzo federale

Altri sviluppi

“Almeno 5’000 franchi al mese per le lavoratrici”

Questo contenuto è stato pubblicato al Un salario minimo di 5'000 franchi al mese per le donne: è la rivendicazione del sindacato UNIA in occasione dell'odierna giornata dello sciopero delle donne.

Di più “Almeno 5’000 franchi al mese per le lavoratrici”
uomo fa volare un drone in una stanza

Altri sviluppi

Presto in Svizzera uno spazio aereo per droni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio federale ha approvato una revisione delle ordinanze sull'aviazione civile che permetteranno di creare uno spazio aereo U-Space per i droni, sempre più diffusi.

Di più Presto in Svizzera uno spazio aereo per droni
palazzo federale

Altri sviluppi

Dal Nazionale, un “no” e quattro “sì”

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio nazionale ha respinto le misure d'internamento automatico per gli autori recidivi di reati efferati.

Di più Dal Nazionale, un “no” e quattro “sì”

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR