Navigation

Un giorno con le guardie di confine svizzere

Migrazione, lotta al traffico di droga, contrasto alla criminalità di frontiera e molto altro sono gli impegni che occupano ogni giorno, 24 ore su 24 il Corpo delle Guardie di Confine. Falò, trasmissione di approfondimento della RSI li ha seguiti per 24 ore.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 giugno 2017 - 21:20
Gianni Gaggini, Falò RSI, Tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Estate, la stagione dove la priorità delle guardie di confine viene data all'arrivo dei migranti. Ma gli altri compiti non vengono certamente dimenticati, anzi. Grazie al fatto che si tratta di un corpo federale, nei momenti di bisogno, il contingente delle guardie viene rafforzato con l'arrivo di militi dalle altre regioni di frontiera.

Sull'operato delle guardie di confine inoltre si discute molto. L’anno scorso si sono levate anche accuse sul trattamento riservato ai migranti. Per questo Falò ha realizzato un reportage che ha seguito, in presa diretta, giorno e notte il loro lavoro alla frontiera, raccontando, senza filtri, una difficile quotidianità.

Ospite in studio Mauro Antonini, Comandante delle Guardie di Confine, Regione 4.




Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.