Navigation

La frontiera del rancore

Contenuto esterno


Se c’è un tema in Canton Ticino che negli ultimi anni sta scatenando gli istinti più profondi, probabilmente è quello dei frontalieri. Sono necessari, è vero, dicono in molti, ma sono troppi, ed è colpa loro se le condizioni di lavoro sono peggiorate negli ultimi tempi. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 maggio 2017 - 16:10
Roberto Von Flüe, Falò RSI

Alcuni si spingono addirittura, soprattutto su internet, ad insultare o a denigrare loro o chi li difende. Basta leggere i commenti alle notizie su qualche portale di informazione online per farsene un’idea. Ma quanto è diffuso questo sentimento anti italiano nel cantone? La trasmissione della Radiotelevisione svizzera Falò ha voluto sondare i sentimenti di chi è, volente o nolente, l’obiettivo di questi attacchi. Un viaggio lungo un confine che divide non solo due Stati nazionali.




Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.