Navigation

Contro il terrorismo telecamere con riconoscimento facciale

Il terrorismo non dorme e anche la Germania sta valutando tutta una serie di nuove misure per ridurre il pericolo. Tra queste, le telecamere per il riconoscimento facciale che saranno istallate nei luoghi pubblici di grande transito come le stazioni ferroviarie e gli aeroporti. Reazione poco positiva per chi difende la propria privacy.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 agosto 2017 - 08:42
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Si tratta per il momento di un progetto pilota. Queste particolari telecamenre sono state montate in una stazione ferroviaria di Südkreuz di Berlino. 

In breve queste telecamere non filmano unicamente ma in pochi secondi scannarizzano il video dei passati. Con un apposito programma poi questi volti vengono verificati per controllare se appartengono a persone "conosciute" dalle forze dell'ordine.

Si tratta di verificare se telecamere e software siano affidabili. E per farlo ogni giorno sono migliaia le persone controllate. Sebbene la presenza di queste telecamere sia in questa fase sperimentale chiaramente indicata, non tutti sono felici di questo esperimento

A fine agosto il ministro degli interni presenterà i primi risultati del test. Una procedura che suscita comunque il dibattito su quanto lo stato tedesco possa sorvegliare da vicino i propri cittadini per proteggere la collettività. 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.