Ritorno al Museo I duecento anni di Vincenzo Vela

Duecento anni fa nasceva a Ligornetto, in un Canton Ticino da poco indipendente, lo scultore Vincenzo Vela. Fu artista di spicco dell'Ottocento e rinnovò il linguaggio della scultura, ma fu anche un uomo di idee libertarie che combatté per i suoi ideali e si impegnò per l'istruzione pubblica e delle classi disagiate. Alla Confederazione lasciò la sua villa-museo, attorno alla quale ruotano oggi le celebrazioniLink esterno per il bicentenario.

Una sala con pareti grigio scuro e colma di sculture vista dal basso

Una sala del Museo Vincenzo Vela in una foto scattata appena dopo la riapertura del 2015.

© Keystone / Ti-press / Samuel Golay

Avviato da giovane al mestiere di scalpellino, Vincenzo Vela (3.5.1820-3.10.1891) proseguì l'apprendistato alla fabbrica del Duomo di Milano, dove approdò quattordicenne, e si iscrisse nel 1835 all'Accademia di Brera. Nel 1847 partecipò come volontario alla guerra del Sonderbund, che contrappose conservatori e liberali in Svizzera, e nel marzo dell'anno successivo prese parte alle Giornate di Como, insurrezione di città e provincia contro il dominio austriaco.

Ritratto ottocentesco di uomo con cappotto e soprabito, capelli e barba lunghi.

Vincenzo Vela.

Keystone / Str

A consacrarlo tra i principali esponenti della scultura naturalista fu un'opera che ultimò poco dopo, nel 1851, ovvero lo Spartaco. Visse e operò in seguito a Torino, fino a quando -nel 1867- decise di ritirarsi nella villa che aveva fatto costruire a Ligornetto e che comprendeva, oltre alla residenza e lo studio, un museo privato poi aperto al pubblico dal 1880. Aveva esposto nel frattempo e Parigi, Londra, Dublino.

+ Lo Spartaco nella schedaLink esterno dell'Istituto svizzero di studi d'arte

Tra la fine degli anni settanta e gli ottanta, Vincenzo Vela fu anche deputato in Gran Consiglio (parlamento cantonale) ticinese, poi membro consultivo della commissione cantonale della pubblica istruzione.

+Un tour virtualeLink esterno del Museo Vela grazie all'app SmARTravel

La riapertura dei musei in Svizzera, dopo le restrizioni legate alla pandemia di coronavirus, è consentita dall'11 maggio. Il Museo Vela riaprirà martedì 12.

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.

La dichiarazione della SRG sulla protezione dei dati fornisce ulteriori informazioni sul trattamento dei dati.

Nel servizio de Il QuotidianoLink esterno [video sopra], le interviste allo storico Marco Marcacci e alla direttrice del Museo, Gianna Mina. Ma anche le immagini di altre sculture chiave dell'opera di Vela, come la statua di Garibaldi in piazza Vittoria a Como, il Napoleone morente esposto a Versailles e le Vittime del lavoro.


Parole chiave