Navigation

Rubato il wc d'oro di Cattelan

Il "water d'oro", scultura di oro massiccio dell'italiano Maurizio Cattelan provocatoriamente offerta in prestito a Donald Trump, è stato rubato la notte tra venerdì e sabato in Inghilterra. Era perfettamente funzionante.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 settembre 2019 - 12:25
tvsvizzera.it/fra con RSI
Il wc di Cattelan d'oro 18 carati era perfettamente funzionante. Keystone

Una banda si è introdotta a Blenheim Palace, antica residenza nell'Oxfordshire, trafugando l'opera dell'artista concettuale italiano, una toilette d'oro massiccio a 18 carati, dal titolo 'America', che era stata installata nel palazzo a beneficio di turisti e visitatori, che potevano anche utilizzarla, in quanto funzionante. Proprio per questo motivo il furto ha provocato "danni significativi e una grossa perdita d'acqua", ha spiegato la polizia, aggiungendo di aver arrestato un uomo di 66 anni, senza però ritrovare l'opera.

La dimora scelta per l'insolita esposizione di Cattelan è un edificio signorile del XVIII secolo, luogo di nascita di Winston Churchill e patrimonio dell'umanità. Che resterà chiuso per il resto della giornata e riaprirà domani.

Ironia della sorte, appena un mese fa Edward Spencer Churchill, fratellastro dell'attuale Duca di Marlborough, aveva dichiarato di sentirsi tranquillo per la sicurezza dell'opera, affermando: "Non sarà la cosa più facile da rubare".

'America' era stata esposta per la prima volta al Guggenheim di New York nel 2016, ma aveva fatto nuovamente parlare di sé l'anno successivo. Donald Trump, infatti, aveva chiesto in prestito al museo un dipinto di Van Gogh, ma la curatrice Nancy Spector aveva offerto l'opera di Cattelan. Senza ricevere alcuna risposta dalla Casa Bianca. Secondo il museo, il water d'oro richiamava gli eccessi delle residenze private del tycoon, anche se Cattelan non ha mai voluto dare un'interpretazione al suo lavoro, peraltro concepito prima della candidatura di Trump alla Casa Bianca.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.