La televisione svizzera per l’Italia

Un terzo dei vestiti nuovi viene bruciato

Vestiti per ragazzi in esposizione.
Stando ai calcoli dell'Ufficio europeo dell'ambiente nel 2021 nell'Ue sono stati distrutti indumenti per un valore di almeno 2,9 miliardi di franchi. © Keystone / Christian Beutler

Che spreco! Fino a un terzo dei vestiti nuovi messi in vendita nei negozi in Svizzera non trova un compratore e viene in seguito bruciato per far posto ad altre collezioni.

È quanto denuncia K-Tipp – la rivista per i consumatori svizzero tedeschi – che nel numero mercoledì in edicola pubblica un’inchiesta sul tema.

“Stimo che in Svizzera il 30% dei tessili offerti non venga venduto”, afferma Andrea Weber-Hansen, specialista del ramo in questione e professoressa alla Hochschule Luzern (HSLU), scuola universitaria professionale di Lucerna. “Gran parte dello stock invenduto viene bruciato in Svizzera”, aggiunge in dichiarazioni riportate dal periodico consumeristico.

Un commerciante di lunga data ha confermato a K-Tipp che i negozi di abbigliamento non vendono circa un terzo della merce nuova: un altro terzo trova un compratore solo con uno sconto, mentre solo un terzo viene venduto al prezzo originale pubblicizzato. Stando a quanto riferito da un dipendente di un marchio di primo piano dopo due anni nell’outlet gli abiti vengono gettati, per proteggere gli elevati prezzi degli articoli.

Perché questi numeri? Il prezzo unitario di un capo di abbigliamento diventa rapidamente più conveniente quanto ne vengono ordinati tanti, spiega il periodico. Di conseguenza, molti rivenditori acquistano quantità maggiori di quelle che possono poi effettivamente smerciare. “Ogni commerciante si aspetta una crescita, ma il mercato è saturo”, afferma un operatore.

Stando alle ricerche di K-Tipp per gli impianti di incenerimento elvetici l’accettazione di merci nuove di zecca è cosa di routine. Un collaboratore della testata si è finto un commerciante di vestiti e ha chiesto a dieci impianti di smaltimento della Svizzera tedesca di offrire l’incenerimento di tre tonnellate di abiti nuovi: tutti gli operatori degli impianti hanno descritto la richiesta come un ordine “del tutto normale”. Bruciare i vestiti costa tra i 160 e i 350 franchi a tonnellata, a seconda dell’impianto di smaltimento: è quindi molto economico per i commercianti.

Il tema degli abiti invenduti sta diventando sempre più sentito anche a livello internazionale: in Francia dall’anno scorso è vietato distruggere vestiti nuovi. Stando ai calcoli dell’Ufficio europeo dell’ambiente nel 2021 nell’Ue sono stati distrutti indumenti per un valore di almeno 2,9 miliardi di franchi.

Attualità

gommone di migranti in mare

Altri sviluppi

I migranti vengono salvati (anche) da piloti svizzeri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per i soccorsi dei e delle migranti in mare si ricorre alle navi, ma perché esse possano operare c'è bisogno di monitorare le acque e per queste operazioni si ricorre ad aerei ai cui comandi ci sono piloti svizzeri.

Di più I migranti vengono salvati (anche) da piloti svizzeri
hamas fatah

Altri sviluppi

Accordo tra Hamas e Fatah

Questo contenuto è stato pubblicato al Hamas e Fatah, i due principali movimenti palestinesi, da anni rivali, hanno annunciato un accordo di unità nazionale per il dopo-guerra. Israele, però, non ci sta.

Di più Accordo tra Hamas e Fatah
vista aerea zurigo al tramonto

Altri sviluppi

Singapore, città più sicura al mondo per viaggiatori, Zurigo quinta

Questo contenuto è stato pubblicato al La sicurezza è una preoccupazione importante, per chi viaggia, specialmente se donne e LGBTQ. Secondo una nuova classifica di Forbes Advisor, Zurigo è la quinta città più sicura al mondo

Di più Singapore, città più sicura al mondo per viaggiatori, Zurigo quinta

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR