La televisione svizzera per l’Italia

Invasione pista aeroporto di Ginevra, condannati 103 militanti del clima

persone davanti a un aereo
L'azione del gruppo di militanti del clima ha bloccato il traffico aereo per circa un'ora. © Keystone / Laurent Gillieron

La procura ginevrina ha condannato mercoledì con decreto d'accusa 103 attivisti e attiviste del clima fermati la vigilia per aver invaso la pista dell'aeroporto di Ginevra-Cointrin, bloccando il traffico aereo per un'ora.

Le persone fermate sono state tutte riconosciute colpevoli di violazione di domicilio, danneggiamento, coazione, ha comunicato la procura, precisando di aver inflitto a coloro che non avevano precedenti una pena pecuniaria di 120 aliquote giornaliere con la condizionale. Un attivista è stato anche condannato per violenza o minaccia contro le autorità e i funzionari per aver ferito un gendarme.

Il centinaio di attivisti e attiviste ha fatto irruzione nell’area dell’aeroporto verso le 11.30 per protestare contro i jet privati esposti nel quadro dell’European Business Aviation Convention & Exhibition (EBACE), il salone dell’aviazione d’affari più grande in Europa. Alcuni di loro si sono ammanettati ai velivoli per denunciare le emissioni di CO2 generate dall’aviazione di affari.

+ Le proteste per il clima hanno bisogno della disobbedienza civile?

I e le militanti, provenienti da 17 Paesi e sostenitori di Greenpeace, Stay Grounded, Extinction Rebellion, Scientist Rebellion e altre organizzazioni per il clima, avevano affermato di non avere intenzione di perturbare i voli commerciali. Tuttavia, per ragioni di sicurezza, il traffico è stato temporaneamente interrotto dalle 11.40 per un’ora.

Tutti gli imputati e le imputate hanno esercitato il diritto al silenzio durante gli interrogatori di polizia. Se i decreti penali saranno contestati, il caso sarà deferito al Tribunale di polizia. È stato arrestato anche un minore, che è stato trasferito al Tribunale per i minorenni.

Attualità

Elisabeth Baume-Schneider e Carine Bachmann

Altri sviluppi

“Il cinema svizzero può fiorire”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale Elizabeth Baume-Schneider, presente al Festival di Cannes, si dice fiduciosa per il futuro del cinema rossocrociato.

Di più “Il cinema svizzero può fiorire”
fotografie degli ostaggi di hamas

Altri sviluppi

Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese

Questo contenuto è stato pubblicato al Le trattative per la liberazione degli ostaggi in mano ad Hamas sono state sospese. Ad annunciarlo un'emittente israeliana.

Di più Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese
due tossici condividono una dose di fentanyl

Altri sviluppi

Il Fentanyl si fa strada in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La città di Coira, capitale del canton Grigioni, è diventata uno dei maggiori centri di consumo di stupefacenti in Svizzera. Tra questi anche una "new entry": il Fentanyl.

Di più Il Fentanyl si fa strada in Svizzera
ape su un fiore

Altri sviluppi

In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

Questo contenuto è stato pubblicato al A pochi giorni dalla Giornata internazionale delle api, che cade il 20 maggio, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha pubblicato venerdì la nuova Lista rossa delle api, che fa il punto sulle specie minacciate.

Di più In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR