La televisione svizzera per l’Italia

In Svizzera circolano troppi camion fuori norma

Il centro di controllo di veicoli pensati di Giornico.
Il centro di controllo di veicoli pensati di Giornico. KEYSTONE/© Ti-Press

Un terzo dei mezzi pesanti controllati nel 2023 era irregolare e per l’Iniziativa delle Alpi il risultato è sconfortante. Il centro ticinese di Giornico, entrato in funzione nel 2022, ha migliorato la situazione ma si può fare meglio.

Sulle strade e autostrade elvetiche circolano troppi autocarri fuori norma. L’Iniziativa delle Alpi Collegamento esternodefinisce il risultato dei controlli compiuti nel 2023 sconfortante e chiede di conseguenza un incremento significativo delle operazioni di sorveglianza, con particolare riferimento al nuovo centro di controllo con sede a Giornico e costato 250 milioni di franchi. Tuttavia, gli uffici competenti riferiscono che servirà del tempo e, in proposito, sottolineano l’attuale carenza di personale.

Alla luce delle verifiche effettuate, quasi un terzo dei mezzi pesanti che circolavano in Svizzera l’anno scorso non era in regola (un dato in linea con gli ultimi 5 anni). Erano camion troppo grandi, troppo pesanti o che accusavano problemi tecnici. Ma non sono mancati tempi di lavoro eccessivi e di riposo insufficienti da parte degli autisti.

+ La Svizzera contaria agli autotreni da 60 tonnellate

Si tratta di statistiche pubblicate dall’USTRACollegamento esterno, l’Ufficio federale delle strade, che non piacciono affatto all’Iniziativa delle Alpi. Il direttore dell’organizzazione Django Betschart ha appunto definito preoccupante il quadro poiché, spiega, guardando al lavoro effettuato negli otto centri di controllo della Confederazione, dove le verifiche tecniche sono accurate, ben un terzo dei veicoli esaminati non è conforme e al 6% le autorità intimano uno stop fino a quando non sono nuovamente in regola.

Complessivamente, nel 2023 sono stati ispezionati oltre 41’000 automezzi pesanti, il 30% in più dell’anno precedente. Un ruolo di rilievo lo svolge la struttura aperta nel 2022 a Giornico in Ticino, ma proprio in quest’ultima – secondo Betschart – il potenziale non è sfruttato al massimo.

+ Mezzi pesanti al setaccio sull’autostrada ticinese

Betschart spiega infatti che, pur avendo colmato una lacuna, analizzando il numero di controlli eseguiti si vede che nel canton Uri ne sono stati fatti il doppio. A suo avviso ci vorrà del tempo e si dovrà formare del personale, ma resta però fiducioso e auspica che la situazione migliori entro i prossimi due o tre anni.

Attualità

Klaus Schwab durante l'ultimo WEF.

Altri sviluppi

Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

Questo contenuto è stato pubblicato al Klaus Schwab, fondatore del Forum economico mondiale di Davos (WEF) lascia la sua carica di presidente esecutivo. L'86enne lo ha annunciato martedì in una mail allo staff.

Di più Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos
Il monte Fuji e in primo piano il supermercato della catena nipponica.

Altri sviluppi

Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero

Questo contenuto è stato pubblicato al Una cittadina presa d'assalto per la sua vista sul Monte Fuji non ha optato per una tassa ma a pensato a qualcosa di parecchio diverso.

Di più Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero
Un'immagine virtuale di un robot.

Altri sviluppi

Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio dell'Unione europea ha dato il via libera all'AI Act, ovvero alla legge europea sull'intelligenza artificiale che disciplina lo sviluppo, l'immissione sul mercato e l'uso dei sistemi di intelligenza artificiale nell'UE

Di più Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale
L'aula della CEDU.

Altri sviluppi

La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati, non vi è motivo di dare seguito alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'Uomo contro la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale.

Di più La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU
L'etichetta colorata di Nutri-Score.

Altri sviluppi

Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score

Questo contenuto è stato pubblicato al La decisione del numero uno svizzero del commercio al dettaglio è stata fortemente criticata dalla Fondazione per la protezione dei consumatori.

Di più Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score
Il premier Benjamin Netanyahu (sinistra) e il ministro della difesa Yoav Gallant.

Altri sviluppi

Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

Questo contenuto è stato pubblicato al Tutti i partiti israeliani difendono il premier Netanyahu e il ministro della difesa Gallant, accusati di crimini di guerra e contro l’umanità dal procuratore capo della Corte penale internazionale dell'Aia.

Di più Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR