Navigation

Mezzi pesanti al setaccio sull'autostrada ticinese

Il centro di controllo di Giornico, nel nord del Ticino. © Ti-press

I camion che percorrono l'asse autostradale Milano-Zurigo passeranno al vaglio, d'ora in poi, del nuovo centro di controllo di Giornico. Il cambiamento sul fronte delle ispezioni di veicoli e conducenti è epocale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 dicembre 2022 - 20:12
tvsvizzera.it/MaMi

Più sicurezza nella galleria autostradale del San Gottardo e lungo tutta la rete nazionale. È questo lo scopo fondamentale del nuovo centro di controllo veicoli pesanti (CCVP)Link esterno inaugurato oggi a Giornico, nell'alto Ticino. Il progetto dell'area multiservizi di Giornico - unitamente a quello di Erstfled, nel canton Uri - fa parte dei tredici centri di competenza che la Confederazione intende realizzare sulla rete stradale nazionale per gestire efficacemente il traffico pesante attraverso le Alpi. Le verifiche su veicoli e conducenti avverranno con una cadenza che supera di nove volte quella odierna.

Controlli che in Svizzera, già oggi, smascherano delle irregolarità due volte su dieci. Fino al 10% dei camion diretti verso nord vedrà quindi il suo viaggio allungarsi di alcuni minuti: che è poi il tempo necessario per un'ispezione tecnica del veicolo e una verifica dell'idoneità alla guida dell'autista. 

Il costo totale dell'opera è preventivato a circa 250 milioni di franchi. Il servizio del Quotidiano:

Contenuto esterno



I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?