La televisione svizzera per l’Italia

I Verdi attaccano i liberali radicali per un seggio in Governo

Il candidato friburghese Gerhard Andrey, tra Aline Trede e Adele Thorens.
Il candidato friburghese Gerhard Andrey, tra la capogruppo Verdi in parlamento Aline Trede (destra) e la "senatrice" vodese uscente Adele Thorens. © Keystone / Alessandro Della Valle

I Verdi attaccheranno un seggio dei liberali radicali in Consiglio federale . Ora è ufficiale. Il gruppo parlamentare ha nominato ufficialmente venerdì l'unico ecologista che ha mostrato interesse per la carica, il consigliere nazionale friburghese Gerhard Andrey.

La notizia è che il gruppo ha sostenuto all’unanimità la candidatura di Gerhard Andrey. Secondo i suoi colleghi di partito, Andrey possiede il profilo ideale per rappresentare i valori verdi in Consiglio federale.

Dal canto suo la presidente della commissione ad hoc, la “senatrice” uscente vodese Adèle Thorens ha precisato che “non v’è alcuna obiezione alla sua candidatura, sia sul piano giuridico che sulla difesa dei valori ecologisti”. “In qualità di presidente della commissione d’esame, non posso che raccomandare calorosamente la candidatura di Gerhard Andrey” per il Governo.

Fresco di nomina, il consigliere nazionale friburghese si è detto commosso per la fiducia ricevuta dal suo gruppo, ma anche fiero di poter difendere i valori dei Verdi con la sua candidatura.

Partito liberale radicale sovrarappresentato

Secondo il candidato Gerhard Andrey, si tratta di offrire la possibilità ai partiti governativi di assumere finalmente le loro responsabilità, coinvolgendo il maggior numero possibile di forze politiche nell’esecutivo.

+ I Verdi presenteranno un loro candidato per il Governo

Per i Verdi, la formula magica del 1959 appartiene al passato (2 UDC, 2 PS, 2 PLR, 1 Centro). L’obiettivo dichiarato è attaccare uno dei due seggi liberali-radicali (Karin Keller-Sutter o Ignazio Cassis ndr.). Secondo gli ecologisti, il PLR (con il 14,3% dei voti) è ampiamente sovrarappresentato in Governo.

Secondo miglior risultato della storia

Nonostante i Verdi figurino tra i perdenti delle ultime elezioni federali dell’ottobre scorso con la perdita di cinque seggi in Consiglio nazionale, il partito si sente legittimato a presentare una candidatura, visto che con il 9,8% degli elettori ha ottenuto il secondo miglior risultato della sua storia. A suo avviso, il rinnovo integrale del Consiglio federale è il momento giusto per far evolvere le cose.

Gerhard Andrey – 47 anni, sposato con due figli – di professione è imprenditore informatico. È stato agevolmente rieletto in Consiglio nazionale il 22 ottobre scorso. Nel 2019 era stato il primo rappresentante ecologista friburghese della storia alla Camera del popolo. È poi diventato membro della Commissione delle finanze e di quella della politica di sicurezza, nonché scrutatore in seno all’Ufficio del Consiglio nazionale.

Attualità

gommone di migranti in mare

Altri sviluppi

I migranti vengono salvati (anche) da piloti svizzeri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per i soccorsi dei e delle migranti in mare si ricorre alle navi, ma perché esse possano operare c'è bisogno di monitorare le acque e per queste operazioni si ricorre ad aerei ai cui comandi ci sono piloti svizzeri.

Di più I migranti vengono salvati (anche) da piloti svizzeri
hamas fatah

Altri sviluppi

Accordo tra Hamas e Fatah

Questo contenuto è stato pubblicato al Hamas e Fatah, i due principali movimenti palestinesi, da anni rivali, hanno annunciato un accordo di unità nazionale per il dopo-guerra. Israele, però, non ci sta.

Di più Accordo tra Hamas e Fatah
vista aerea zurigo al tramonto

Altri sviluppi

Singapore, città più sicura al mondo per viaggiatori, Zurigo quinta

Questo contenuto è stato pubblicato al La sicurezza è una preoccupazione importante, per chi viaggia, specialmente se donne e LGBTQ. Secondo una nuova classifica di Forbes Advisor, Zurigo è la quinta città più sicura al mondo

Di più Singapore, città più sicura al mondo per viaggiatori, Zurigo quinta
benyamin netanyahu

Altri sviluppi

Netanyahu a Washington per una visita programmata

Questo contenuto è stato pubblicato al Il premier israeliano Benyamin Netanyahu si è recato lunedì a Washington per una visita programmata da tempo. Martedì è previsto un incontro con Joe Biden, mentre mercoledì terrà un discorso al Congresso.

Di più Netanyahu a Washington per una visita programmata

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR