La televisione svizzera per l’Italia

Dal Nazionale, un “no” e quattro “sì”

palazzo federale
Si è chiusa venerdì la sessione estiva delle Camere federali. Keystone / Alessandro Della Valle

A sorpresa, la Camera bassa del Parlamento elvetico ha respinto le misure d'internamento automatico per gli autori recidivi di reati efferati come omicidi o violenza carnale. Accolte, invece, altre misure riguardanti i criminali minorenni, le vittime di violenza coniugale, i matrimoni tra minori e il telelavoro di frontaliere e frontalieri.

È terminata venerdì mattina la sessione estiva delle Camere federali con una piccola sorpresa: ai voti finali, il Consiglio nazionale ha respinto per 129 voti a 69 le misure riguardanti l’internamento per i recidivi autori di reati gravi.

Nel discutere tale dossier, assieme al diritto penale minorile (adottato invece dal plenum), lo scorso 6 di giugno, il Nazionale si era opposto all’internamento automatico per gli autori di crimini particolarmente efferati, come omicidi o violenza carnale. In aula, l’Unione democratica del centro (UDC, destra conservatrice) aveva difeso questa disposizione.

+ Parlamento, sessione estiva di una Svizzera ripiegata su sé stessa

Tuttavia, al voto l’aveva spuntata l’argomentazione secondo cui questa norma sarebbe incompatibile con la Convenzione europea dei diritti dell’uomo e con i principi cardine del diritto penale. Bocciando questa revisione, l’esecuzione delle pene nel Codice penale per quanto attiene alle persone condannate all’internamento rimane invariata.

+ Cosa significa “a vita” nel diritto penale svizzero?

Dopo questo inatteso “no”, il plenum ha invece approvato (135 voti a 63) l’inasprimento del diritto penale minorile. Concretamente, anche ai e alle minorenni fra i 16 e i 18 anni colpevoli di assassino potrà essere applicato l’internamento. Attualmente, una volta scontata la pena, la persona condannata può essere liberata a 25 anni – quattro anni di pena massima cui si aggiungono le misure di protezione e risocializzazione, ndr – senza che nessuno possa opporsi benché l’interessato possa risultare ancora pericoloso per la società.

Vittime di violenza domestica tutelate

Per quanto attiene agli altri oggetti in votazione, non vi sono state sorprese: i due rami del Parlamento hanno approvato una revisione della legge sugli stranieri a tutela delle vittime di violenza domestica. Ciò significa che una vittima non perderà, a determinate condizioni, il permesso di soggiorno.

Altri sviluppi
Immagine di una donna che apre la porta della sua casa

Altri sviluppi

Violenza domestica in Svizzera: la sofferenza dietro le statistiche

Questo contenuto è stato pubblicato al La Svizzera è nota a livello internazionale per il suo basso tasso di criminalità, ma quando si tratta di violenza domestica, le donne del Paese devono affrontare una situazione diversa.

Di più Violenza domestica in Svizzera: la sofferenza dietro le statistiche

Oggi, dopo un divorzio una donna straniera può rimanere in Svizzera e prolungare il suo permesso di soggiorno solo se l’unione è durata almeno tre anni e lei è ben integrata nella società elvetica. In futuro non dovrebbe essere più così, a patto che la persona in questione riceva assistenza da un centro specializzato, come un rifugio per donne vittime di violenza.

Matrimoni fra minorenni

Nel corso di questa sessione, i due rami del Parlamento hanno trovato una soluzione comune anche per quanto attiene ai matrimoni fra minorenni. Attualmente, la causa di nullità dei matrimoni con minorenni decade quando il coniuge minore compie 18 anni. Con le modifiche di legge contemplate dalla riforma, il termine della sanatoria sarà posticipato al compimento dei 25 anni affinché i diretti interessati e le autorità abbiano più tempo per far dichiarare nulla l’unione.

Altri sviluppi

Nella Confederazione le unioni forzate sono vietate e quelle effettuate all’estero prima dei 16 anni non sono riconosciute. L’eccezione, voluta dal Parlamento, riguarda i matrimoni all’estero tra i 16 e i 18 anni (consentiti in molti Paesi, come molti stati USA, l’Italia, la Scozia). In questi casi, qualora l’interessato/a sia ancora minorenne al momento del procedimento di annullamento, il giudice potrà effettuare una “ponderazione degli interessi” e decidere che il matrimonio possa essere mantenuto se esiste un interesse prevalente per l’interessato.

Telelavoro di lavoratrici e lavoratori frontalieri

Tra le altre disposizioni approvate definitivamente oggi figura anche la legge sul telelavoro, una normativa resasi necessaria a causa della diffusione di tale pratica allo scopo di impedire l’erosione delle entrate fiscali spettanti alla Confederazione. Le convenzioni per evitare le doppie imposizioni prevedono infatti che l’attività lavorativa dipendente venga tassata nello Stato in cui si è svolta fisicamente. Il pericolo per la Svizzera è di perdere ghiotte entrate fiscali alla luce anche delle centinaia di migliaia di frontalieri che ogni giorno attraversano il confine per motivi di lavoro.

Altri sviluppi
Lunga colonna di auto al valico di Chiasso.

Altri sviluppi

Telelavoro per i frontalieri, ora c’è la firma

Questo contenuto è stato pubblicato al Dal prossimo mese di gennaio le e i dipendenti pendolari residenti in Italia potranno svolgere fino a un quarto della loro attività professionale al proprio domicilio senza variazioni a livello fiscale.

Di più Telelavoro per i frontalieri, ora c’è la firma

Attualmente, per risolvere il problema la Svizzera ha negoziato accordi con l’Italia e la Francia, due degli Stati confinanti che contano il maggior numero di frontalieri. Grazie a queste intese il telelavoro di un frontaliere può continuare a essere imposto in Svizzera fino a un certo limite (in Italia fino al 25% del tempo di lavoro annuale, in Francia fino al 40%). La nuova Legge federale sull’imposizione del telelavoro in ambito internazionale istituisce ora le relative basi legali a livello nazionale.

Attualità

Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone
Una vettura della polizia di San Gallo.

Altri sviluppi

Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo

Questo contenuto è stato pubblicato al Un uomo di 34 anni ha ferito ieri sera con un machete cinque persone, alcune delle quali gravemente, all'interno e all'esterno di un condominio di San Gallo.

Di più Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo
Il learning center del politecnico federale di Losanna.

Altri sviluppi

Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli studenti stranieri frequentare i politecnici di Losanna e Zurigo sarà decisamente più caro. Il Consiglio dei Politecnici federali (PF) in accordo con il Parlamento vuole triplicare le tasse di iscrizione.

Di più Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri
Giorgio Armani.

Altri sviluppi

I novant’anni dello stilista Giorgio Armani

Questo contenuto è stato pubblicato al Nato a a Piacenza nel 1934, Armani è a capo di un gruppo fieramente indipendente, simbolo del made in Italy. Lo stilista italiano è ancora deciso a rimanere alla guida del gruppo, sebbene il momento di lasciare le redini si avvicina sempre di più.

Di più I novant’anni dello stilista Giorgio Armani
Case distrutte in Val Bavona.

Altri sviluppi

Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il maltempo che da metà giugno a inizio luglio si è abbattuto sulla Svizzera, in particolare sul Ticino e il Vallese, ha causato danni assicurati per un totale di 160-200 milioni di franchi.

Di più Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni
Tutti gli invitati al vertice della Nato davanti alla Casa Bianca per la foto di rito.

Altri sviluppi

Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al I Paesi della Nato si sono impegnati a dare all'Ucraina almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari "entro il prossimo anno" per sostenerla nella guerra contro la Russia.

Di più Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina
Il ponte distrutto dal maltempo vicino a Cevio in Vallemaggia.

Altri sviluppi

La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha presentato la sua nuova strategia per informare meglio la popolazione in caso di pericolo. Oltre ai tradizionali allarmi diffusi via app, radio o tramite sirene, in futuro verrà introdotto un nuovo sistema di allerta.

Di più La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR