Navigation

Crisi greca, la Svizzera resta vigile

La Banca nazionale elvetica non lascerà che il franco si rafforzi ulteriormente

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 giugno 2015 - 12:55

La Svizzera presta molte attenzione alle conseguenze che la crisi greca e un eventuale uscita di Atene dalla zona euro potrebbe avere sull'economia nazionale. La Banca nazionale elvetica ha già dichiarato che non lascerà che il franco si rafforzi in maniera incontrollata; lunedì a Berna, durante lo Swiss international-finance forum, il presidente Thomas Jordan ha ammesso che la banca centrale, dopo l'abolizione della soglia di cambio minimo franco-euro, si è comunque adoperato per stabilizzare il mercato valutario.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.