La televisione svizzera per l’Italia

Accordo UE sui migranti accolto positivamente dalla Svizzera

migranti su imbarcazione
L'intesa tocca parzialmente anche la Confederazione. Keystone / Adriel Perdomo

La Svizzera accoglie con favore la riforma della politica migratoria europea sulla quale i 27 Stati membri dell'Unione europea (UE) hanno raggiunto mercoledì un accordo di principio. La Confederazione, in quanto associata a Schengen, dovrà applicare alcuni aspetti del patto sulla migrazione.

Consiglio e Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo sui cinque pilastri principali del Patto sui migranti e l’asilo. Lo ha annunciato oggi, mercoledì, il vicepresidente della Commissione europea Margaritis Schinas su X. L’intesa è stata accolta favorevolmente dalla Svizzera, che dovrà applicare alcuni punti di questo patto in quanto associata a Schengen.

Alla trasmissione Forum della Radiotelevisione della Svizzera romanda RTS la consigliera federale Elisabeth Baume-Schneider ha dichiarato di “rallegrarsi particolarmente” della decisione europea, indicando di aver condotto “lunghe” e “intense” discussioni con i suoi omologhi europei sulla questione. La responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia ritiene che la riforma rappresenti “un passo importante” per instaurare solidarietà tra i Paesi che accolgono migranti all’interno dello spazio Schengen.

“La situazione attuale non è più sufficientemente resistente”, ha detto ai microfoni della Radiotelevisione della Svizzera italiana RSI. “Ora abbiamo una soluzione con maggiori controlli alle frontiere esterne di Schengen, con la volontà di rispettare i diritti fondamentali e di considerare la situazione particolare dei bambini”. 

Contenuto esterno

Sempre alla RTS, il professore di geografia umana all’Università di Neuchâtel e vicepresidente della Commissione federale della migrazione Etienne Piguet, ha dichiarato che l’accordo europeo è una “buona notizia” e non avrà un “forte impatto” sulla Svizzera.

D’altra parte, se l’Europa avesse fallito nella istituzione di una politica d’asilo coordinata, la Confederazione avrebbe potuto vedere aumentare “considerevolmente” il numero di domande d’asilo, secondo l’esperto.

Da parte sua la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) ritiene che sia difficile valutare l’impatto complessivo che questa riforma avrà sulla Svizzera. Gli elementi giuridicamente vincolanti per Berna, ha detto un portavoce all’agenzia Keystone-ATS, sono quelli derivanti dagli accordi di Schengen-Dublino, tra cui in particolare le nuove regole di competenza sulla gestione dell’asilo e della migrazione così come la banca dati biometrica europea Eurodac.

È la prima volta, ha aggiunto la SEM, che il “principio della responsabilità comune” viene sancito nel diritto europeo sotto forma di un meccanismo di solidarietà.

Cosa prevede l’accordo?

L’accordo sancito riguarda tutte le fasi della gestione dell’asilo e della migrazione, dallo screening dei e delle migranti irregolari al loro arrivo al rilevamento dei dati biometrici, alle procedure per la presentazione e la gestione delle domande di asilo, alle regole per determinare quale Stato membro sia responsabile della gestione di una domanda d’asilo, alla cooperazione e alla solidarietà tra gli Stati membri e a come gestire le situazioni di crisi, compresi i casi di strumentalizzazione dei migranti.

Misure che mirano in primo luogo a ridurre la migrazione secondaria all’interno dello spazio Schengen e a rendere il sistema Dublino più resistente alle crisi, indica la SEM. “Ciò è nell’interesse della Svizzera, in quanto anch’essa è colpita dalla migrazione irregolare”, aggiunge.

Altri sviluppi

Svizzera che comunque non è tenuta a rispettare tutte le misure introdotte. Non dovrà, per esempio, applicare il meccanismo di solidarietà obbligatoria, introdotto per alleviare gli Stati europei che si trovano ad affrontare la pressione migratoria. Non dovrà nemmeno applicare le procedure più rapide alle frontiere esterne dell’UE.

Questo non significa che non lo farà: potrà “parteciparvi volontariamente”, ma questo dovrà essere deciso “a livello politico”, indica la SEM. Nel 2016, il Paese aveva per esempio preso parte al sistema di ripartizione dei migranti all’interno della sfera europea.

Nelle prossime settimane Bruxelles continuerà a lavorare per definire i dettagli di tutte le nuove regole decise. Una volta questa fase completata, il testo verrà sottoposto ai rappresentanti degli Stati membri per la conferma.

Chi premerà il bottone della solidarietà sarà sicuro che avrà una risposta, la solidarietà diventerà la norma. Ma ci sarà sempre un’alternativa ai ricollocamenti”, ha detto Margaritis Schinas in conferenza stampa.

Attualità

Attentato in Piazza delle Loggia a Brescia.

Altri sviluppi

Strage di Piazza della Loggia, spunta una traccia ticinese

Questo contenuto è stato pubblicato al L’attentato di matrice neofascista in Piazza della Loggia a Brescia nel 1974 provoca 8 morti e 102 feriti. Da documenti desecretati, oggi emergono legami con la Svizzera italiana.

Di più Strage di Piazza della Loggia, spunta una traccia ticinese
L'attrice Mikey Madison in una scena del film "Anora"

Altri sviluppi

A Cannes, “Anora” di Sean Baker vince la Palma d’oro

Questo contenuto è stato pubblicato al Al 77esimo Festival del film, il premio della giuria è andato a "Emilia Perez" di Jacques Audiard, mentre il premio speciale se lo è aggiudicato "Il seme del fico sacro", del regista dissidente Mohammad Rasoulof.

Di più A Cannes, “Anora” di Sean Baker vince la Palma d’oro
Kharkiv

Altri sviluppi

Nuovo pesante attacco russo su Kharkiv

Questo contenuto è stato pubblicato al L’esercito di Mosca colpisce, con due bombe plananti, un centro commerciale della seconda città ucraina. I morti potrebbero essere decine.

Di più Nuovo pesante attacco russo su Kharkiv
Sono circa 500 le persone che hanno partecipato in maniera pacifica.

Altri sviluppi

Un caso di cronaca scatena proteste contro la polizia e il Governo a Sciaffusa

Questo contenuto è stato pubblicato al La manifestazione si è svolta in risposta ad un servizio tv sulla vicenda di una donna violentata e picchiata nell'appartamento di un avvocato. Un caso per il quale le autorità non avrebbero agito come avrebbero dovuto.

Di più Un caso di cronaca scatena proteste contro la polizia e il Governo a Sciaffusa
Trump nel Bronx

Altri sviluppi

Trump nel Bronx per trovare sostenitori

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel distretto newyorchese, abitato soprattutto da ispanici e afroamericani, l'ex presidente ha trovato diversi sostenitori.

Di più Trump nel Bronx per trovare sostenitori

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR