Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Wikileaks Assange verso lo "sfratto" dall'ambasciata dell'Ecuador

Il presidente dell'Ecuador Lenin Moreno ha lasciato intendere che il tempo di permanenza del fondatore di Wikileaks Julian Assange nell'ambasciata di Quito a Londra sta per scadere.

(1)

Servizio TG

I mesi, se non i giorni, della permanenza di Julian Assange nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra, dove trovò asilo sei anni fa, potrebbero essere contati.

A lasciarlo intendere ormai esplicitamente sono i messaggi del presidente del Paese andino in persona, Lenin Moreno, che interpellato sull'argomento a Madrid, dove si trova in visita reduce da colloqui riservati avuti guarda caso nei giorni scorsi nella capitale britannica, ha messo in chiaro che il tempo è sul punto di scadere.

Giurando di voler assicurare al fondatore di Wikileaks le garanzie necessarie, ma in sostanza ammettendo di aver avviato i negoziati per una "exit strategy".

Moreno ha affermato che "prima o poi" Assange dalla sede diplomatica londinese di Quito, dove vive da rifugiato dal giugno del 2012; che non è pensabile prolungarne il soggiorno "per troppo tempo"; che lo stesse condizioni di questa reclusione volontaria pesano sui "diritti umani" dell'attivista australiano.

Insomma, un giro di parole per dire che la protezione garantita dal suo predecessore Rafael Correa - ora in disgrazia e ricercato in patria - non vale più come prima.

tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 28.07.2018)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box