Paesi Bassi Arrestato il presunto autore della sparatoria di Utrecht

La polizia olandese ha arrestato un uomo sospettato di avere aperto il fuoco in un tram di Utrecht. Nell'attacco hanno perso la vita tre persone e cinque sono rimaste ferite.


Durante il pomeriggio le forze dell'ordine avevano diffuso un avviso di ricerca nei confronti di un uomo di origine turca di 37 anni. Il sospettato è stato arrestato a fine pomeriggio, ha annunciato il capo della polizia, senza fornire altri dettagli. Il ministero della giustizia ha indicato che Gokmen Tanis, questo il nome dell'arrestato, era conosciuto dalle autorità. L'uomo ha infatti un passato pieno di precedenti penali. 


Il livello di allerta terroristica, alzato a cinque (il più alto) dopo la sparatoria avvenuta nel centro della città, è stato abbassato, ha dichiarato il direttore dell'agenzia nazionale per la sicurezza e il controterrorismo Pieter-Jaap Aalbersberg.

Nel corso della giornata, è stata rinforzata la sicurezza negli aeroporti e negli edifici più a rischio. La municipalità di Utrecht ha inoltre consigliato alle scuole della città di chiudere le porte e agli abitanti di non uscire di casa.

"Non cederemo di fronte all'intolleranza", ha dal canto suo dichiarato il primo ministro olandese Mark Utte. "Un atto di terrorismo è un attacco contro la nostra civilizzazione, contro la nostra società tollerante ed aperta". Col passare delle ore, le indagini hanno però portato alla luce una realtà un po' diversa:  lo sparatore potrebbe avere agito per ritorsioni e problemi famigliari.

A due giorni dalle elezioni locali, che determineranno la futura composizione del Senato, tutti i partiti politici hanno sospeso la loro campagna.

Parole chiave