Navigation

L'Ucraina chiede nuove armi

Contenuto esterno

"È un momento decisivo per l'Ucraina e per tutto il mondo", ha detto il segretario della Difesa statunitense Lloyd Austin aprendo la riunione. Lo sviluppo della guerra potrebbe decidersi venerdì nella base americana di Ramstein, in Germania, dove in mattinata ha preso avvio l'ottavo incontro del gruppo di contatto per l'Ucraina a guida degli Stati Uniti, che raccoglie circa 50 Paesi, tra alleati Nato e altri partner.

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 gennaio 2023 - 22:30
tvsvizzera.it/fra con Keystone-ATS

L'ottava riunione della Lega per l'Ucraina presso la base aerea americana di Ramstein, in Germania, mostra una coalizione a due velocità. Da un lato, infatti, c'è un gruppo di Paesi disposto a correre - capitanato da Regno Unito e Polonia - e a fornire a Kiev armi finora considerate tabù, tipo i carri armati e persino i caccia F-16.

Dall'altro c'è chi frena, come la Germania. Berlino, nonostante le pressioni del pre-vertice, non ha dato il via libera all'esportazione dei suoi Leopard 2, che Kiev chiede a gran voce. Gli Usa però non hanno alcun interesse a porre l'accento sulle divergenze, sottolineando semmai "l'unità e la determinazione" della coalizione e notando che questo "potente" pacchetto di aiuti metterà l'Ucraina nelle condizioni di montare la "controffensiva di primavera".

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?