Navigation

Grecia, campagna europea per il sì

A sei giorni dal referendum, le istituzioni e alcuni leader Ue si rivolgono più o meno direttamente ai greci, perché accettino il piano di aiuti e le riforme

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 giugno 2015 - 22:20

A sei giorni dal referendum greco, le istituzioni dell'Ue e alcuni leader europei hanno detto la loro sul voto, lanciandosi così direttamente o indirettamente nella campagna per un "sì" nei confronti di Bruxelles.

"Se viene a mancare la capacità di trovare compromessi, l'Europa è persa", ha dichiarato la cancelliera tedesca Angela Merkel. "Così va intesa anche questa frase, che spesso ho già detto: se l'euro fallisce, fallisce anche l'Europa".

La porta per trovare un accordo resta dunque aperta, anche dopo il referendum. Il presidente francese François Hollande: "Se la Grecia dirà sì al piano, spero che i governanti greci riprendano i negoziati. Ma spetta a loro scegliere."

Toni ancora più decisi da parte delle istituzioni europee: "Chiedo al popolo greco di votare sì", ha detto il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, "perché questo referendum rappresenta un segnale per la Grecia e per tutti i paesi membri della zona euro".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.