Navigation

Crolli di edifici ristrutturati, aperta indagine per disastro colposo

Polemiche per i casi del campanile di Accumoli e della scuola di Amatrice

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 agosto 2016 - 20:53

Mentre si sta ancora scavando sotto le macerie per recuperare i corpi delle vittime del terremoto che mercoledì ha scosso l'Italia centrale divampano le polemiche per i crolli di edifici sottoposti recentemente a interventi di ristrutturazione secondo criteri antisismici. È il caso del campanile di Accumoli o della scuola elementare di Amatrice.

Quest'ultima era stata inaugurata nel settembre 2012 dopo lavori costati mezzo milione di euro per mettere in sicurezza lo stabile. Ma nel contempo fanno discutere anche le norme antisismiche varate negli ultimi 15 anni e ritenute contraddittorie e inefficaci, almeno alla luce di quanto avvenuto all'Aquila nel 2009 e nei dintorni di Amatrice in questi giorni.

Intanto la Procura di Rieti ha avviato un'indagine per disastro colposo che dovrà chiarire eventuali responsabilità per il crollo di palazzi di recente edificazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.