Navigation

Leonardo "ospite" dei castelli di Bellinzona

Il castello di Sasso Corbaro, il più alto dei castelli di Bellinzona, è stato costruito nel 1479. RSI-SWI

Apre giovedì nel castello di Sasso Corbaro, a Bellinzona, una mostra dedicata a Leonardo da Vinci. Il maestro del Rinascimento potrebbe aiutare a rilanciare l'offerta culturale della città ticinese dopo la pandemia di coronavirus.

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 giugno 2020 - 08:27
tvsvizzera.it/zz con RSI (Quotidiano del 09.06.2020)

La mostra Leonardo in 3D apre in un castello, quello di Sasso Corbaro, costriuto nella stessa epoca in cui visse il grande artista. E, ad accogliere i visitatori è proprio lui, Leonardo, o meglio una sua ricostruzione olografica che racconta la sua vita, le sue opere e le sue scoperte.

Una mostra che tratta anche alcuni aspetti storici, come testimoniano le fotografie degli archivi Alinari sul bombardamento del cenacolo e sul furto della Gioconda al Louvre di Parigi.

La città di Bellinzona, con i suoi castelli patrimonio UnescoLink esterno, spera di far rivivere l'offerta culturale frenata dalla pandemia di coronavirus. In concomitanza con la mostra su Leonardo è anche riaperto il percorso archeologico del castello di Montebello che, in una  nuova forma rinnovata, sarà inaugurato ufficialmente in autunno. 

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.